READY TO RIDE

15, Aug, 2015

OK RAGAZZE E RAGAZZI, NE SONO SUCCESSE DI TUTTI I COLORI IN QUESTO PERIODO, MA ADESSO ABBIAMO IL TEMPO DI FERMARCI UN SECONDO, RAGIONARE, AGGIORNARE IL SITO RACCONTANDO TUTTO QUELLO CHE SIAMO RIUSCITI A FARE IN STO LASSO DI TEMPO E TUTTO QUELLO CHE È SUCCESSO INTORNO A NOI.
A POCO PIÙ DI UN ANNO DALL’ENTRATA NELLA BAND DI PAUL ABBIAMO REGISTRATO IL NUOVO CD NELLA TANA DI MR. FRANCESCO MARRAS, CAPELLO RICCIO RIBELLE, CHITARRA DI MARIANGELA DEMURTAS E MENTE DEGLI SCREAMING SHADOWS STORICA BAND SASSARESE. ARMATO DI PAZIENZA ZEN E ARMI CONTUNDENTI È RIUSCITO A TENERCI BUONI E CALMI PER TUTTE LE RIPRESE.
REGISTRATO E MIXATO IN POCO PIÙ DI TRE MESI TRA GENNAIO-MARZO E MASTERIZZATO DA MATTIA STANCIOIU IN QUEL DI MAGNAGO (MI) NEGLI ELNOR STUDIOS, L’ALBUM È STATO STAMPATO IN POCO PIÙ DI 200 COPIE CHE VANNO PIANO PIANO ESAURENDOSI.

AVETE VOGLIA DI ASCOLTARLO? ANDATE IN CUCINA, APRITE IL FRIGO PRENDETE LA MEZZA PIZZA AVANZATA DA IERI SERA, STAPPATE UN BIRRONE, TOGLIETEVI LE SCARPE, ECCOLO QUA IN STREAMING SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE:

ABBIAMO PRESENTATO IL NUOVO ALBUM A RADIO NOVA SORSO 93.5 FM STEREO, SOLITO CASINO E CAFONATE CHE PARTONO DOPO QUALCHE LITRAZZO DI BENZINA, MA L’ATMOSFERA È CASALINGA CI PIACE COSÌ.. A MILLI!

L’AMICO STEFANO PILO HA FATTO IL SUO VIDEO PROMO DI SKATE E HA USATO TRE CANZONI DEL VECCHIO ALBUM, SKATE OR DIE!

SI È CONTINUATO CON L’ATTIVITÀ LIVE, PRIMO MAGGIO A PORTO FERRO PER UNA SURF FEST! PORTOFERRO SURF EXPLOSION, BANDS, CAMICIE A FIORI E BIRRETTE!!

SIAMO RITORNATI A CAGLIARI DOVE ABBIAMO SUONATO COI MITICI MELLON BANK, UNA RIMPATRIATA MICIDIALE DOPO QUASI DIECI ANNI.
ABBIAMO BECCATO I NOSTRI CD IN VENDITA AL BLACK MARKET BAR/RECORD STORE DI FRONTE AL BOHÉMIEN, APPESO ADESIVI RISALENTI ALLE GUERRE PUNICHE A FIANCO A QUELLI DELLE VERE BAND.

NEL MENTRE SONO ARRIVATE LE COPIE FISICHE DI “UNSINKABLE SAM” COMPLETE DI ERRORI DI INGLESE CHE NON CI POSSIAMO MAI FAR MANCARE NEL NOSTRO ESSERE UNA BAND SGANGHERATA. CHI TROVERÀ TUTTI E TRE GLI ERRORI SULL’ALBUM VINCE DUE SETTIMANE DI CORSO DI INGLESE DEI RODEOCLOWN, CHE SI SVOLGERÀ AL BAR TOLA.

LIVE A PADRU E MITICO RITORNO IN GALLURA PER NOI RODEO, PLAYSTATION, PIZZA E BIRRONI.

CONTEMPORANEAMENTE ABBIAMO SIGLATO L’ACCORDO CON QUEL GENIO ASSURDO DI DOMENICO MONTIXI PER UN VIDEO CHE SI È GIRATO NELLE FREDDE ACQUE DI PORTO FERRO, INSOLAZIONI, ERITEMI, VESTITI IMPROBABILI E TAGLI DI BARBE VIETATI IN 56 PAESI.
TRA LE COMPARESE, SKATERS, SURFISTI E ALTRI PERSONAGGI, EVOLUZIONI SULLE ONDE E COSE DA PAZZI.

LA PRESENTAZIONE DEL VIDEO È STATA FATTA ALL’ABETONE MUSIC BAR A SASSARI, CON MINI SHOWCASE ZIGANO, PRESENZA DI CHI HA COLLABORATO AL VIDEO, CHI VOLEVA FARSI DUE RISATE CHI SE L’È BEVUTA ALLA GRANDE.

TANTA RARA BRUTTEZZA IN POCHI MINUTI DI VIDEO, NON ABBIAMO LESINATO IN PANZE E BRUTTE FACCE DELLE QUALI MADRE NATURA CON GROSSA IRONIA CI HA BEN FORNITO.
AVEVATE VISTO IL TEASER, BEH ECCO I 4.45 MINUTI CHE HANNO COMMOSSO IL WEB:

SIAMO ANDATI VIA MENTRE DJ PITTORRA PASSAVA DAGLI ANNI 80 AI 90 E VICEVEVERSA, CHI SI METTEVA GLI ABITI DI SCENA CHI BALLAVA COME UN PAZZO O PAZZA.

NON NE ABBIAMO AZZECCATO UNA, MA CI SIAMO FATTI QUATTRO RISATE, LA COSA MIGLIORE.
ALTRI LIVE ESTIVI: CHIUSURA DELLA PROGRAMMAZIONE AL THE HOR DI SASSARI CON LIVE AD ORARI DA PANETTIERI E PUBBLICO VARIO COMPRESI ZOMBIES E MUTANTI DELLE QUATTRO DI MATTINA, CHE SONO ENTRATI NEL LOCALE ROTOLANDO.

DOPO ESSERCI FATTI STRADA SPACCANDO LE TESTE VUOTE DEI PRESENTI ABBIAMO RIDEATO I NOSTRI AMPLIFICATORONI SINO AL BRAMBLES ARTS A PORTO POZZO CON I LUX, STRADA CON ATTRAVERSAMENTO CINGHIALI E RISCHIO FRONTALI CON TURISTI IMPEGNATI A FARE GARE CON IMPROBABILI CAMPER DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE. SIAMO ANCORA VIVI PER UN ERRORE DI MATRIX.

LIVE AD OLBIA RITORNO AL DEVILS KISS “HOME AWAY FROM HOME” STAVOLTA IL PALCO ERA DIVISO CON UNA COVER BAND DEI MY FIRST AND THE GIMME GIMMIES. CALDO FOTTUTO FUORI IN STRADA, SEMBRAVA DI STARE CON UN PIUMINO BAGNATO SOPRA LA SCHIENA, AL DEVILS INVECE TEMPERATURA PERFETTA PER DUE BIRRINI BEVUTI ALLA MEMORIA DEL QUINTO RAMONE, ZIO PIERO.
CLASSICI PROBLEMI LIVE, BASSO CHE PARTE PER LA TANGENTE, AMPLI RECALCITRANTI, MA CE L’ABBIAMO FATTA.

SEMPRE IN GALLURA, PORTO SAN PAOLO DOVE CON LA VECCHIA CONOSCENZA MARCOLINO DJ PITTORRA ABBIAMO CONDIVISO UNA SERATA AL FAYA BAR.

SUBITO DOPO SERATA STRAMBISSIMA IN PIAZZA TOLA PER IL COMPLEANNO DELLA BIRRERIA DI NORD OVEST DOVE DOPO TRE CANZONI PER CELERE INTERVENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE CI SIAMO DOVUTI TRASFORMARE IN UNA BAND DA PRIVÉ DEGLI ANNI 70. SALVO POI ALZARE I VOLUMI PIANO PIANO SINO AL RITORNO O QUASI DEI LIVELLI INIZIALI.

LA SERATA SI È CONCLUSA CON UN SAFARI FOTOGRAFICO STILE ZIMBAWE PER LA REDIVIVA PIAZZA TOLA CHE AD UNA CERTA ORA ANIMATA COME UN FORMICAIO E ZEPPA DI MORTI VIVENTI REGALA EMOZIONI VIBRANTI DA REAL TV. SIAMO USCITI DALLA ZTL CON QUALCHE SBRONZO ATTACCATO ALLA CAPPOTTA COME NEI MIGLIORI FILM HORROR.

STIAMO PREPARANDO ALCUNE NOVITÀ PER ORA GODETEVI I VIDEO DI SKATE DEGLI AMICI DELLA BRAILLE SKATEBOARDING CHE HANNO USATO DELLE NOSTRE CANZONI COME SOTTOFONDO..
PER IL RESTO.. OH YES!!


Nelle diapositive :
a) SI RILEGGE LA SCALETTA SE TUTTO È STATO FATTO COME DOVEVA ESSERE FATTO
b) ANTICHI GEROGLIFICI SPIEGANO COME ESEGUIRE “JUPITER SOUNDS SO STRANGE”
c) HOUSE OF ROCK, HERE WE ARE, SASSARI, GAZ!
d) PADRU ROCK CITY! OH YES! ‪
e) SI ACQUISTA IL PREMIO OSCAR E MIGLIORE ATTORE DEL VIDEO, UN FALLO GIGANTE ROSA
f) JOHNNY WAIKIKI MITO INDISCUSSO DEL SURF


Nelle diapositive BIS:
a) RC LIVE@PADRU
b) ZIO PIERO STILL ROCKS WITH US, OLBIA, DEVILS KISS
c) THE PICK OF DESTINY! @ THE BOHÉMIEN ROCK CLUB, CAGLIARI, ITALY
d) LA RIVINCITA DEI NERDS IN SURF! PORTOFERRO TREMA!
e) DOPPIO SELFIE RODEO/MELLON
f) JOHNNY WAIKIKI CONTROLLA CHE TUTTO VADA BENE E STEFANO APPROVA

ENTRARE NELLA TANA DEL BIANCONIGLIO E PESTARE UNA MERDA (DI NUOVO), SAGRE DI PAESE CHE SI TRASFORMANO IN DISCOTECA, HIPPIE IPOCRITI, I DJ NON SONO TUTTI UGUALI, LA MUSICA AL TEMPO DEI BOSCIMANI DANZANTI SU NATIONAL GEOGRAPHIC

18, Sep, 2012

IL TEMPO DI UNA PROVA AL VOLO, DUE BIRRE NELLA SALETTA DEI DE GRINPIPOL E LA CONSUETA E IMMANCABILE FOTO DELLA PRIMA PROVA “REUNION” DEI RODEOCLOWN DOPO UNA STAGIONE OGNUNO NEI PROPRI NASCONDIGLI DA LATITANTI.
RASATA LA BARBA, CAMBIATE LE MUTANDE DI LANA, SALUTATE LE MONTAGNE E BACIATO I CASTORI, ECCOCI PRONTI PER UNA NUOVA MISSIONE: BRITISH INVASION!! DA MANCHESTER GLI ASH BEFORE OAK SBARCANO IN SARDEGNA PER TRE CONCERTI IN CUI, MANCO A FARLO APPOSTA, DIVIDERANNO IL PALCO CON I VOSTRI SOLITI PAGLIACCI.
POI A SEGUIRE UNA SERIE DI CONCERTI, ALCUNI DEI QUALI “A PUNTA DI CASINO”, SON PASSATI GLI ANNI, SIAMO GLI STESSI CRETINI?
SÌ. CE LA FAREMO? FORSE.

GIUSTO PER NON SBAGLIARE SI FESTEGGIA IL COMPLEANNO DI GIGIO CON UN BEL PASSAGGIO ATTARVERSO LO SPECCHIO INIZIATO AL BAR TOLA, NOTA TAVERNA PER AVVENTORI DI QUARTA ETÀ DOVE LA SUA RINNOMATA COLLEZIONE DI SUPERALCOLICI PARAGONABILE SOLO ALLA MEDAGLIERE DEL BRITISH MUSEUM INIZIA A REGOLARE I RETRORAZZI AI VOSTRI VIAGGIATORI INTRADIMENSIONALI.
SI PASSA SUBITO DOPO AL BAR DANIELE E SI SALE DI LIVELLO COME NEI VIDEOGAMES, CON LA VISIONE DI PERSONAGGI DEGNI DEL MUSEO DELLE CERE, CELEBRI ASSASSINI DELLA ZONA, MENTRE LE POLENE DELLE NAVI PIRATA PRENDONO VITA E INIZIANO A CIONDOLARE TRA BANCONE E AVVENTORI COME FALENE INTORNO ALLA LUCE DI UN LAMPIONE.
SI TRINCA E SI BRINDA CON PIRATI CON BENDA, GAMBA DI LEGNO E PAPPAGALLO SULLE SPALLE, MARINAI TAGLIAGOLE E CAPITAN APRIBOTTIGLIA DECORATI CON MEDAGLIE DI MILLE SBRONZE.
SI ISSA IL JOLLY ROGER E SI SALPA ALLA VOLTA DELL’ENNESIMO POSTACCIO.
BEVENDO COME SE NON CI FOSSE UN DOMANI, O UN FRA POCO.

ECCOCI, VEDIAMO TERRA DALL’ALBERO MAESTRO, BUTTIAMO L’ANCORA E ANCORA SI TRINCA, SI FINISCE COL NEFANDO “GIOCO CLUB” CHE MANTIENE LA PREMESSA FATTA DAL GESTORE A SATANA IN PERSONA, DI PORTARSENE CON SE UNO AD OGNI SERATA IN CAMBIO DI UNA FLUENTE ACCONCIATURA ALLA NATHAN NEVER.
DOPO UNA MITRAGLIATA DI PESSIMO WHISKEY E VODKA ALLA MENTA SIAMO PRONTI PER ENTRARE NELLA TANA DEL BIANCONIGLIO, E COME SEMPRE DA TRADIZIONE, PESTARE UNA MERDA AL PRIMO PASSO.
MON DIEU.
FATEMI TELEFONARE AL PRESIDENTE, SISTEMEREMO ANCHE QUESTA.
MI RISVEGLIO COL PONCHO E IL SOMBRERO E CON CAPITAN MORGAN IN PERSONA CHE MI DICE CHE POTEVA ANDARE PEGGIO.
STAVOLTA IL BIGLIETTO DELL’AUTOSTRADA ALL’INFERNO AVEVA UN BIGLIETTO DI RITORNO GIÀ PAGATO.
IL PRINCIPE DELLE TENEBRE DOVRÀ ASPETTARE ANCORA.
LA SCIALUPPA BATTEVA BANDIERA DEL CHIAPAS.

REDUCI DAL LORO VIAGGIO NELLA 4a DIMENSIONE ANCHE STAVOLTA CON POCHE CONSEGUENZE, I RODEOCLOWN COME DICEVAMO SARANNO ACCOMPAGNATI PER UN MINI-TOUR DAGLI “ASH BEFORE OAK” (EX-SAVING GRACE, EX THE VALENTINES) DI MANCHESTER, GRUPPO FOLK-POP CHE NEGLI ANNI PASSATI HA OLTRE CHE CONDIVISO I PALCHI, LE BIRRE E IL FURGONE COI RODEO, UNO SPLIT CD “ONE HANGOVER FOR TWO” DEL QUALE RIMMARRÀ TRACCIA INDELEBILE SOTTO IL TAVOLO CHE BALLA IN SOGGIORNO.

SIETE PRONTI? NOI YES!
RISULTA DIFFICILE SUONARE IN ALCUNI LOCALI COLLAUDATI… A QUANTO PARE I LOCALI PER MUSICA DAL VIVO NON CI SONO PIÙ DALL’ARRIVO DEI FENICI, NE SON SUCCESSE DI COSE MENTRE ERAVAMO NELLA TANA DEL BIANCONIGLIO…

SI COMINCIA AL BRAMBLES ARTS A PORTO POZZO (SANTA TERESA), UNA CASA-CIRCO-CIRCOLO, UNA POTENZA!
I RAGAZZI INGLESI AFFITTANO UNA MACCHINA E CI RAGGIUNGONO APPENA POSSIBILE.
UNO DI LORO È QUI SOLO COME ROADIE, FANTASTICO DEVE IMPARARE A TENERE LA DESTRA, MENTRE CI DIRIGIAMO VERSO IL LOCALE DEVONO SUBITO SPERIMENTARE LA GUIDA “CREATIVA” ALL’ITALIANA, SUPERARE A DESTRA QUANDO UN VECCHIO STRAFATTO DI VIAGRA E PASTA AL FORNO SI SENTE MALE E QUANDO UN CAFONE CON MACCHINA TARGATA REPUBBLICA CENTRAFICANA RISPONDE AL SECONDO TELEFONINO TENENDO LO STERZO CON LE GINOCCHIA.
DURANTE LE CURVE A GOMITO VERSO SANTA TERESA RISCHIANO TALMENTE TANTE VOLTE DI IMPATTARE CHE LA SANTA CI APPARE SUL CRUSCOTTO E SI TAPPA GLI OCCHI.
ALL’ENNESIMO SORPASSO AI DANNI DELL’ENNESIMO VECCHIO BASTARDO COI POSTUMI DI UN PRANZO DOMENICALE DA ESTINZIONE DI INTERE CATEGORIE ANIMALI CI ACCORGIAMO DI ESSERE ARRIVATI ESANIMI MA ALMENO FISICAMENTE INTATTI AL LOCALE.
CONOSCIAMO MEGLIO I NUOVI MEMBRI DELLA BAND DI GRIFF E MARK, E QUALE METODO MIGLIORE C’È SE NON METTERSI A FARE UNA JAM TUTTI INSIEME, CON LA SCUSA DI PROVARE LA CHITARRA COSTRUITA DA UNO DEI RAGAZZI DELLA CASA BRAMBLES, CI SI SPARA UNA SERIE DI CANZONI DI ELVIS, DEI BEATLES E DEI THE POLICE.
ARRIVANO LE BIRRE PER CHI BEVE, COCACOLA PER CHI DEVE FARE RAMADAM IN ESTREMO CONTRIMENTO E PENTIMENTO.
ARRIVA UN ROSARIO EXTRA E UN CENTURIONE ROMANO CON FRUSTA PER STIMOLARE DETERMINATE FASI DI RIABILITAZIONE PSICOLOGICA.
MI RECO AL BANCONE SCALZO E MENTRE ORDINO UN SAIO MI COSPARGO IL CAPO DI CENERE SEGUITO DAL CENTURIONE CHE SPUTA E IMPRECA IN LATINO.

GRIFF DEGLI ASH BEFORE OAK FA GIRÀ LA GHITERRA, LE ZANZARE DI TUTTA LA GALLURA SI CONCENTRANO SULLE BIANCHE GAMBE DEI NOSTRI BRITANNICI CHE ESSENDO ALMENO PER TRE QUINTI VERGINI DI BIRRA ICHNUSA SI TOLGONO SFIZIO TRACANNANDONE A TUTTO MOTORE.
POVERI RAGAZZI ALBIONICI E QUASI ALBINI, LE ZANZARE PUNTANO SU DI LORO COME SE LI VEDESSERO AL BUIO TALMENTE SONO BIANCHI.
SE SORRIDO VICINO A LORO I MIEI DENTI SEMBRANO DI RADICA DI NOCE.
NON CONTENTI I NOSTRI NORDICI SI LANCIANO SULLO JAGERMAISTER CHE CIUCCIANO COME SE FOSSE ACQUA BENEDETTA.
C’È UN CALDO BESTIA, TRA QUELLO CHE CI SI BEVE E QUELLO CHE EVAPORA STASERA IL MONDO FINIRÀ LE RISORSE LIQUIDE. ALMENO FINCHÉ NON ANDREMO TUTTI AL BAGNO. PER FAR UN DILUVIO DI PISCIA E FAR RINIZIARE IL MONDO DA CAPO.
AMEN.

SI FANNO LE PROVE DEL SUONO, SI MANGIA UN’OTTIMA E ABBONDANTE PASTA AI POMODORI SECCHI DAL SAPORE SUDDISTA, SI FA TARDI.
MOLTO TARDI. AL BRAMBLES SI SUONA QUANDO SI VUOLE. SI CAMBIA DATA AL CONCERTO E SI SUONA ANCHE DOMANI SE TUTTI VOGLIONO.
QUINDI CONTINUIAMO A CHIACCHIERARE DEL TEMPO CHE CAMBIA E DEI GHIACCIAI CHE SI SCIOLGONO, CHE L’ICHNUSA IN VERITÀ È VOMITO E SA DI VOMITO ANCHE PRIMA CHE TU LA VOMITI, MA CE LA BEVIAMO LO STESSO, DEL FATTO CHE DOVEVANO MORIRE ALTRI PRIMA DI TONY SLY E CHE DELLE OLIMPIADI ABBIAMO VISTO POCO E NULLA, NEL MENTRE ARRIVANO ALTRE BIRRE.
PORTO POZZO CAPUT MUNDI!
COME CANTAVANO I DAGNASTY ABBIAMO SOLO TEMPO IN ABBONDANZA, QUINDI, ASPETTIAMO.
LA GENTE RIEMPIE CASA BRAMBLES CON CALMA SI PARLA, SI BEVE CON I RAGAZZI E SI GIOCA COI CANI, ALLA FINE SENZA RENDERCI CONTO SUONIAMO, SIAMO SUL PALCO, UNA BUONA PROVA PER I PROSSIMI GIORNI CI DIVERTIAMO COME PAZZI MA NON CI SI FERMA QUI.
A SEGUIRE IL CONCERTO CI DOVREBBE ESSERE DJ KRUKKO (BIONDO MEZZO TEDESCO, DA QUI IL SOPRANNOME) CHE ANCHE LUI CAVALCANDO ONDE DI BIONDO LUPPOLO SI LANCIA IN UNA SESSIONE DI CANZONI PUNK CHE PERÒ DOPO UN POCO VIENE AFFIANCATA DAGLI IMBARAZZANTI TENTATIVI DI INCURSIONE DRUM AND BASE DI UN DJ NON MEGLIO IDENTIFICATO CHE PER COMODITÀ CHIAMEREMO DJ ZOMBIE.
SI PASSA A MUSICA DISCO ACIDA CHE SI MISCHIA AI BEATLES, ERA COME UNA PIZZA CONDITA CON DETERSIVO DEI PIATTI.
IMPOTENTE SUL DJ ZOMBIE (ORAMAI A PETTO NUDO CON GLI OCCHI IN GLORIA STILE PUTTI DELL’ANNUNCIAZIONE CAVALCANTI DI DONATELLO) IL DJ KRUKKO SI BUTTA DISPERATAMENTE AL BANCONE DEL BAR CERCANDO DI RIAGGANCIARE LE PRECEDENTI SEDICI SBRONZE DI SEGUITO CHE GLI FARANNO BELLA FIGURA SUL CURRICULUM DI “DIGITATORE DI TASTI A CASO IL SABATO SERA”.
ALL’ENNESIMO GIRO DI TEQUILA ARRIVANO MESSICANI MARIACHI CON EL GUITARRON, CUATRO E MARACAS.
INTONANO L’INNO DEL CHIAPAS, CHE MODESTAMENTE, CONOSCIAMO A MEMORIA.
SONO PRATICAMENTE LE CINQUE IL DJ ZOMBIE VIENE BENDATO, CARICATO SU UN FURGONE COI VETRI OSCURATI E PORTATO VERSO GUANTANAMO DOVE A QUANTO PARE UTILIZZERANNO IL SUO PESSIMO GUSTO MUSICALE COME MEZZO COERCITIVO SU I RECLUSI.
IL BARISTA SI SPARA UN’ULTIMA TEQUILA SALE E LIMONE DELLA BUONANOTTE E SVIENE IN PREDA A PALPITAZIONI E VISIONI DI SANTI FANTASTICAMENTE ABBIGLIATI IN LATTICE.
ODORI DI FORESTE LONTANE E DI CONDIMENTI DI APERITIVI DA UNIVERSITARI, FANNULLONI PERMEA L’AREA, QUALCUNO CON UNA COTTURA MICIDIALE SI RIPRENDE COME SE L’AVESSE TOCCATO GESÙ.

QUALCUN’ALTRO SCIVOLA VERSO VALLE A PELLE DI LEONE.
GLI IRRIDUCIBILI CIUCCIANO SUPERALCOLICI E VARI LIQUORI MEFITICI ATTACCATI AL BANCONE COME COZZE ALLA SCOGLIERA.
A QUANTO PARE ALCUNI DEGLI AVVENTORI AVVINAZZATI SONO STATI SCAMBIATI PER SASQUATCH MENTRE GIRAVANO IN COMPLETA CONFUSIONE MENTALE PER LA PINETA. I LORO SCALPI SI POSSONO COMPRARE SU EBAY.
CI SVEGLIAMO ALL’ALBA DI MEZZOGIORNO, CARICHIAMO TUTTO E RINGRAZIAMO TUTTO LO STAFF DEL BRAMBLES ARTS PER L’OSPITALITÀ E L’ACCOGLIENZA SENZA PARI MENTRE FANNO COLAZIONE ALLE TRE DEL POMERIGGIO, È STATA UNA SERATA MICIDIALE, CI DIRIGIAMO VERSO UN PANINARO CHE CI SPARA UNA COLAZIONE CON PORCHETTA E/O CAPRESE CON UN PANORAMA MICIDIALE.


Nelle diapositive : a) De Grin Rodeo Pipol Clown: Rodeo Clown e De Grinpipol dopo l’estenuante tour in Giappone del 1984
b) La micidiale locandina dei Ver Eversum per la serata
c) I Rodeo Ash Clown Before Oak
d) Griff fa girare la ghiterra a Porto Pozzo
e) Rodeo Clown e Ash Before Oak in riscaldamento pre Brambles
f) I Rodeo Clown intorno alle 5 di mattina, in versione Mariachi

LA SERA CI SI RITROVA IN GIRO PER SASSARI, GLI ASH SONO INAFFONDABILI E DOPO ESSERSI BEVUTI PRATICAMENTE MEZZO MAR CASPIO IERI SERA OGGI CONTINUANO MISCHIANDO TUTTI GLI AMARI POSSIBILI E IMMAGINABILI DOPO AUTOBOTTI DI BIRRA.
CI SI RITROVA COME SEMPRE IN PIAZZA TOLA, ORAMAI ELIMINATO IL PASSATO DI POSTACCIO FREQUENTATO SOLO DALLA “PEGGIO GENTE” (PER USARE UN’ESPRESSIONE DEI NOSTRI TEMPI) ORA CON LA SUA VINERIA CHIC E IL RINNOVATO LOOK SFIDA LE ZONE PIÙ IN VOGA PER ANDARE A UBRIACARSI CON STILE.
ADDIRITTURA CI SONO DELLE PANCHINE INTATTE DOVE NON RISIEDONO IN MANIERA FISSA TOSSICI E BRUTTI CEFFI, ANZI ANCHE GLI AMENI PERSONAGGI CHE FREQUENTAVANO LA ZONA ORA HANNO IMPARATO, A QUANTO SEMBRA AD NON INTERAGIRE TROPPO COL PROSSIMO E STANNO BUONI DA UNA PARTE QUASI COME I LEONI EDUCATI, SCIMMIE PER BENE E IPPOPOTAMI SBADIGLIANTI DEI MIGLIORI ZOO SAFARI DA GIRARE SEDUTI NELLE JEEP.

È ANCHE UNA FESTA DI COMPLEANNO, PARTONO MILIONI DI BIRRE E VARI COCKTAILS, OCCHI STORTI FACCE BIANCHE E GUANCE ROSSE.
IL BIANCONIGLIO MI FA SEGNO CON L’OROLOGIO.
SCOPRIAMO CHE ANCHE LO STAFF DEL BAR DANIELE HA UNA CASA E CHE L’AMENO LOCO VIENE CHIUSO AD UNA CERTA ORA. QUELLA CERTA ORA È UN’ORA DA PANETTIERI.
MI SA CHE OGGI L’IMPERTURBABILE PASQUALE TOLA CHE SIEDE IN MEZZO ALLA PIAZZA INCREDULO COME NON MAI FA SEGNO DI “NON È NORMALE” VEDENDO TUTTO QUELLO CHE È STATO INGOIATO.
MANCANO DELLE BIRRE DOBBIAMO COMUNQUE FARLE FUORI, SAREBBE “VILLIPENDIO DI BOTTIGLIA”, PERALTRO SON GIÀ PAGATE.

DOPO IL MILIONESIMO JAGERBOMB I NOSTRI MANCHESTERIANI E NON (IL BATTERISTA È ORIGINARIO DELL’ISOLA DI MAN) FINIAMO ALL’HAVANA, NON ESATTAMENTE SULL’ISOLA, È IL PANINARO ZOZZONE AL QUADRATO.
CONTINUANO AD APPARIRE MAGICAMENTE LE BIRRE SUL TAVOLO. POVERO IL LAGO DI ARAL CHE ORA CAPISCO SEMPRE DI PIÙ IL PERCHÉ DELLA SUA SCOMPARSA, SE SI CONTINUA A BERE COSÌ.
SI CONTINUA A DISCUTERE SU COSE SENZA SENSO, IL SESSO DEGLI ANGELI, DELLA SOMIGLIANZA DELLA BANDIERA SICILIANA A QUELLA DELL’ISOLA DI MAN E CHE SE NELL’EVANTUALITÀ CHE UN GATTO NORMALE ARRIVASSE SU QUELL’ISOLA DI SICURO DOVREBBE CONSEGNARE LA CODA ALLE AUTORITÀ DOGANALI.
STA ALBEGGIANDO, MI CORICO.

MI RISVEGLIA IL BIANCONIGLIO VERSO MEZZOGIORNO E MEZZO, HO I PIEDI PIENI DI MERDA PESTATA NELLA SUA TANA ANCHE STAVOLTA.
STASERA SI SUONA A PLATAMONA AL LIDO SUNRISE CHE NON SI CHIAMA LIDO SUNRISE, 5° PETTINE.
CONTROLLIAMO TUTTO, MANCANO ALCUNE ASTE, DEI MICROFONI, RECUPERIAMO TUTTO DAI SOLITI PAGLIACCI CHE VENDONO STRUMENTI A NOI CLOWN, OGNI VOLTA PER GIUSTIFICARE LE LORO STRONZATE TI ELENCANO LE QUALITÀ INESISTENTI DI MINCHIATE FATTE DI PLASTICA E CAVI ELETTRICI ASSEMBLATI A SUON DI BALLE.
MENTRE ENUNCIANO LA MILLESIMA CAZZATA SU MICROFONI CHE SONO POTENTI QUANTO L’IRA DI DIO SUGLI ADORATORI DEL VITELLO D’ORO COMPRIAMO UN NUOVO UKULELE, UNO ELETTRICO, VIENE BATTEZZATO COME “MR BUG”.

I VOSTRI RODEOS RITORNANO NELLA SPIAGGIA TURRITANA RICORDANDO CHE ANCHE SE “CALIFORNIA IS OVER.. PLATAMONA NEVER ENDS”.
PRIMA DEL LIVE SI PARTE CON UNA MANGIATA DA CAMPIONATO MONDIALE A CASA DI GIGIO IN QUEL DI PREDUGNANU, PASTA AL FORNO, ARROSTITA, PEPERONI, VINO, BIRRA, DOLCE, AMMAZZACAFFÈ, MANCAVA UNA BELLA DORMITA.
MA STASERA NON AVEVAMO UN CONCERTO?
AH SÌ!
ARRIVIAMO AL LOCALE E MONTIAMO TUTTO, GLI ASH BEFORE OAK PARTONO ALLA GRANDE, DOPO LA “PREGHIERA DELLA BAND” OVVERO LO JAGERBOMB CHE ORA SI CHIAMA JAGERTONK IN ONORE AL COGNOME DEL BATTERISTA.
MA ORAMAI SI CHIAMA TUTTO “TONK”.

TOCCA A NOI, C’È GENTE NONOSTANTE LA SERATA FOSSE IN CONCOMITANZA CON UN EVENTO OLIMPICO STRAORDIARIO QUALE LA “CIOGGHITTA D’ORO”, CI SONO ANCHE I RAPPRESENTANTI DELLA CAPITALE DEL SURF DA TAVOLA IMBANDITA, SOSSU, CON TATUAGGI E NON.
SI FA UN “TOTOCRAVATTE”, SI SUONA, GUEST STAR DELLA SERATA “IL VUOTO DI MEMORIA”, IL “MICROFONO FANTASMA” E IL “MANDOLINO RECALCITRANTE”, RIUSCIAMO CON DIFFICOLTÀ MA CON EVIDENTISSIMA FACCIA DI CULO A TERMINARE LA PERFORMANCE, MESSA IN DIFFICOLTÀ DALLA MANGIATA A DIR POCO IMPOSSIBILE, MA LE CANZONI C’ERANO E A QUANTO PARE DURANTE IL LIVE, SARANNO STATE LE STELLE CADENTI, SARÀ STATA PLATAMONA CHE HA FATTO DA SCENARIO A MILLE STORIE (E STORIACCE) D’AMORE TURRIRANE È SCATTATA LA PASSIONE. SULLA RODEOMOBILE CHE ORA È ANCHE LA MACCHINA DELL’AMMMORE, SE NASCE MASCHIO CHIAMATELO “RODEO”.
INEQUIVOCABILMENTE MI HANNO FATTO NOTARE I SEGNI CHE HO DOVUTO DOCUMENTARE FOTOGRAFICAMENTE ALMENO PER RINGRAZIARE A TUTTI QUELLI CHE SON VENUTI (IN TUTTI I SENSI) ALLA 5a DISCESA AL MARE A PLATAMONA.

LA GENTE PIANO PIANO VA VIA MA QUI SI CONTINUA, IMPERTERRITI ALLA RICERCA DELL’ENNESIMO RECORD ORARIO, STAVOLTA SI BATTE IL PANETTIERE E SI CERCA DI ARRIVARE ALL’ORARIO DEGLI SPAZZINI A SUON DI CAGNULARI.
UNA PARTITA DI BILIARDINO UK Vs SASSARI FINISCE CON UNA GOLEADA DEI TURRITANI CHE FORSE ANCORA DOPATI DALLA CENA MICIDIALE RIESCONO A SUPERARE GLI ALBIONICI SUL FINALE DELLA PARTITA (GOAL DI TITINO L’INDIANO, TONK (3), BELLI GABELLI (R), CARRI DI CABADDU, TONY LUCCHI (COLPO DI CODA)).
SI TORNA A CASA CON L’ALBA E COL CINGUETTIO DI PTERODATTILI E CORNACCHIE CON LE MINE CHE TORNANO BARCOLLANDO VERSO CASA.
OH YES!!!


Nelle diapositive : a) Pasquale Tola, rimane inesorabilmente seduto nell’omonima piazza ma sicuramente con una voglia di alzare a calci in culo quelli che pisciano sul suo monumento
b) Il pianeta delle scimmie sbarca a Platamona!
c) Mr. Bug
d) Il toto-cravatte
e) Rock in Prattamona beach
f) Se nasce maschio, chiamatelo “Rodeo”

ECCOCI A PORTO TORRES, AL BEAT 61 PER UN INUSUALE ACOUSTIC SHOW: SÌ I RODEO CLOWN IN ACUSTICO, NON È LA PRIMA VOLTA, SEMPRE AL BEAT 61 L’ULTIMA VOLTA AVEVAMO DOVUTO OPTARE PER UNA VERSIONE DICIAMO PIÙ SOFT DOPO IL CASINO CHE IL VICINO DEL LOCALE, UNA NOTA TESTA DI CAZZO ATOMICA AVEVA DENUNCIATO I RAGAZZI DELLO STAFF DEL LOCALE.
A QUANTO PARE LA MUSICA DAVA NOIE AL REGISTA DI FILM PORNO PER DEVIATI QUADRISESSUALI CHE DIRIGEVA NELLE PERFORMANCE DAVANTI L’OBBIETTIVO L’INQUILINO DEL PIANO DI SOPRA, ORAMAI PER TUTTI L’“INCULINO DEL PIANO DI SOPRA”.
STAVOLTA PERÒ OLTRE A NOI INDIGENI DI RAPA NUI E GLI ASH BEFORE OAK C’È BEESIDE, FEDERICO, GRANDE CHITARRISTA MADE IN SASSARI, CHE OLTRETUTTO HA SUONATO LA BATTERIA IN ALCUNI PEZZI DI “FAMOUS ON MARS”.
SI PIAZZA TUTTO, CIOÉ POCO, IL TEMPO DI UN SOUNDCHECK VOLANTE, UNA PIZZA E IL SOLITO JAGERTONK CON UNA PLETORA DI BIRRONE CHE ARRIVANO A TUTTO MOTORE, SIAMO NOI RODEO STAVOLTA IN VERSIONE DUO PER UN’APERTURA A SUON DI UKULELE, MANDOLINO, KAZOO, CAMPANACCIO, TAMBURELLI, CAMPANELLI E TROMBETTE.

A POSTHU DORRA CON LA BELLA ATMOSFERA BUCOLICA DEL GIARDINO DEL BEAT 61 PER CHI S’È BECCATO TUTTO IL CASINO DI PLATAMONA E NON NE AVUTO ABBASTANZA, PER CHI NON C’ERA… CERCHIAMO DI RIFARCI DEI VUOTI DI MEMORIA E DEGLI INCONVENIENTI TECNICI, RISUONANDO ALCUNE COSE GRAZIE ANCHE AI MICROFONI E MANDOLINI CHE SI DANNO PER MORTI MA RESUSCITANO IL GIORNO DOPO SOLO FORSE PER PARTITO PRESO VISTO CHE OGNI TANTO ARRIVA QUALCHE NUOVO GIOCATTOLO CHE NON VIENE GRADITO DA QUELLI PRECEDENTI.
LA NOSTRA PERFORMANCE RICORDA L’ESIBIZIONE DI DUE ORSI DA CIRCO STRAFATTI DI LSD SOPRA DEGLI SGABELLI.
POI TOCCA FINALMENTE AGLI ASH BEFORE OAK CHE PROPONGONO ACUSTICAMENTE I BRANI TRATTI DAI DUE LAVORI DELLA BAND LIFETIME E FOR HENRY, IL SECONDO DEI QUALI COSTITUISCE LA COLONNA MUSICALE DEL LUNGOMETRAGGIO HENRY IV, USCITO LO SCORSO GIUGNO E ALCUNE COVER.
AIUTATI DALLA QUANTITÀ INDUSTRIALE DI ALCOLICI TASATI NEL TEMPO ANTECENDENTE IL CONCERTO SCALDANO IL PALCO CHE POI VIENE CEDUTO AL TALENTO NOSTRANO BEESIDE, CHE STA RISCUOTENDO OTTIMI CONSENSI (È ANCHE NELLA PLAYLIST DELLA RODEOMOBILE) PER IL SUO ALBUM MOOD SPIRALS.
IL CONCERTO FINISCE TASSATIVAMENTE ALL’UNA, MA IL BAR RIMANE APERTO.
È L’ULTIMO GIORNO DEL MINI TOUR CON I RAGAZZI INGLESI E QUINDI STASERA MI SA CHE STASERA NON SI FA L’ALBA MA MOLTO PEGGIO.
VENGONO TRACANNATI NELL’ORDINE: BIRRA BIONDA, NERA, VINO ROSSO E BIANCO, JAGERMAISTER A MANETTA, AMARO MONTENEGRO, AMARO RAMAZZOTTI, AMARETTO DI SARONNO, GRAND MARNIER, VECCHIA ROMAGNA, LIMONCINO, SCIACQUATURA DI PIATTI, MIRTO, FINISCONO PURE LE SCORTE DI COCA COLA, UNA COSA MAI VISTA. MANCAVANO SOLO GLI SHOTS DI VARECCHINA E LO SPUTO DI ANZIANO COL BASTONE.
QUESTI INGLESI HANNO BEVUTO TALMENTE TANTO CHE STANOTTE SI POTEVA CAMMINARE DAL GIAPPONE ALLA SPIAGGIA DI SANTAROSA IN CALIFORNIA COME NULLA.

IL TENTATO APPROCCIO CON DELLE PULZELLE LOCALI FINISCE PER I NOSTRI CON UN DUE DI PICCHE CLAMOROSO, STASERA È ANDATA MEGLIO AL METALLARO CHE ORMAI ORFANO DELLE SUE CHIOME, PUÒ SFOGGIARE UN ALITO CHE METTEREBBE KO UN TIRANNOSAURO, DEVE ESSERE L’ULTIMA FRONTIERA DELL’APPROCCIO.
SERATA CHE POI SI TRASFORMA NEL BAGNO ALLE QUATTRO DEL MATTINO CON PARTITA DI CALCIO NEI PARCHEGGI PRESSO LA SPIAGGIA DI BALAI.
SIAMO TUTTI UBRIACHI, SI CONTANO LE STELLE CADENTI, SEMBRA LA SCENA DI UN FILM IMBECILLE.
I DESIDERI SI AVVERANO, ABBIAMO TUTTI DESIDERATO DI ESSERE PROMOSSI ALE MEDIE.
SALUTIAMO GLI ALBIONICI CHE PARTONO FRA QUALCHE ORA E SI PORTERANNO DIETRO UN MAL DI TESTA FOTONICO E USTIONI DI TERZO GRADO PRESE IN SPIAGGIA CHE NON DIMENTICHERANNO.
BALAI BYE BYE.
SONO LE 6 E 30 E TRA POCHE ORE SONO AD UN CONTEST DI SKATEBOARD, DUANE PETERS DEGLI US BOMBS, NOTO PALADINO DELLE SERATE DI SKATEBOARD FINITE IN CHIAPAS E DELLE NUOTATE NEL PROPRIO VOMITO PREGA PER ME.
WE’VE BEEN TONK’D… E DOMANI SE SIAMO ANCORA VIVI SUONIAMO A PORTOFERRO.

PASSANO TRE ORE DI SONNO E PARTE IL CONTEST DI SKATEBOARD A SUON DI PUNK ROCK, PANINI AI PEPERONI DI NONNA E BIRRETTE DEL DISCOUNT METTONO IN MOTO ANCHE IL PEGGIORE DEGLI ZOMBIE!!!
IL TEMPO DI UN NOSE SLIDE SULLA NUOVA STRUTTURA, IL CONTEST, IL BEST TRICK CON UN KAMIKAZE NOSE BLUNT SLIDE DA URLA DISUMANE E POI TOCCA ALLE PREMIAZIONI.
UNA BIRRA E SIAMO GIÀ IN PARTENZA PER PORTO FERRO, GRANDE RITROVO MUSICALE E PSEUDOMUSICALE CHE L’ANNO SCORSO SI ERA SVOLTO A RIOLA SARDO.
IL FEST È LA CARTA MOSCHICIDA DI UN PAIO DI GENERAZIONI DI SBALLONI, SI PARTE DAL ROCK SINO ALLA TECHNO E ALLA PSEUDOMUSICA E ALLE SUE DEGENERAZIONI PIÙ ABERRANTI.
BESTIE SCONVOLTISSIME CHE BARCOLLANO A CINQUE CENTIMETRI DALLE CASSE DELL’IMPIANTO, AD OGNI BEAT GLI SI STACCANO PARTI DI EPIDERMIDE CON ATTACATI CAPELLI. MA LORO NEL PIENO DELLA SCONVOLTURA PIÙ TOTALE ONDEGGIANO CON IN MANO LA LORO BOTTIGLIETTA D’ACQUA NATURALE ALL’MDMA.
CI SI PUÒ ANCHE CIBARE DI PANINI AL CERVELLO, CUOIO CAPELLUTO E DREAD NELLE BARACCHE AI LATI DEL PALCO.
POI PUOI FARE SESSO CON SGABELLI, GENTE SVENUTA O I LORO ZAINI.
MENO MALE NON POTETE SENTIRE LE CACOFONIE CHE SPARAVANO I PEGGIORI IMPROVVISATI DJ DELLA GALASSIA, MA COME OGNI VOLTA DELLE FANTASTICHE FOTO, STAVOLTA DI LAURA DELILAH MASALA SALVANO L’IMMAGINE DEL FEST.

SUONIAMO PER PRIMI, NEL PALCO “ROCK” POCO PRIMA DELL’ESIBIZIONE DI UNA BAND DI IMBECILLI, DEGLI HIPPIE IPOCRITI CHE PREDICANO LA FRATELLANZA L’UGUAGLIANZA E MAGARI ANCHE LA SORELLANZA MA NON CI PRESTANO IL SEDILE PER LA BATTERIA DI TONY (IL SERVICE L’AVEVA DIMENTICATO).
LA FRASE DA PREMIO NOBEL DELLA SERA È DI UN MINUS HABENS DELLA SOPRACITATA ORCHESTRINA: “CHE STRUMENTO STUPIDO IL MANDOLINO”… CARO DARWIN LE SCIMMIE STANNO IN CAMPO CON PIÙ GIOCATORI.
MAI FARE ARRABBIARE UN MANDOLINO, CHE NON RIUSCIATE PIÙ AD ACCORDARE MANCO IL CITOFONO!
SI SUONA, PRATICAMENTE UNA PROVA DEI RODEOCLOWN ALL’APERTO, POCHI MA BUONI, I PRESENTI. SUONIAMO NEL QUASI DISINTERESSE GENERALE, CI SIAMO ABITUATI.
GENTE COMPLETAMENTE IN CHIAPAS ROTOLA GIÙ DALLA SCOGLIERA, SALUTIAMO LA BAND MESSICANA MARIACHI CHE ARRIVA PER GLI AMANTI DELA TEQUILA AL BAR. ERSANO QUELLI DEL BRAMBLES.
ABBIAMO A DISPOSIZIONE UN NUMERO ILLIMITATO DI BIRRE E LIMITATO DI PANINI CHE FACCIAMO FUORI COME SE FOSSIMO VICHINGHI APPENA SBARCATI DAL NOSTRO DRAKKAR NELLE SCONOSCIUTE TERRE CANADESI MA GUARDANDOCI INTORNO SEMBRIAMO PERICOLOSI QUANTO UNA SCATOLA DI GATTINI APPENA NATI.
C’È GENTE VERAMENTE PIÙ BESTIA DI NOI.
GUARDIAMO LA FAUNA E RICONOSCIAMO TUTTE LE SPECIE DELLE BESTIE ABBESTIA, TATUAGGI, CANI, DREAD, CANI COI DREAD E TATUAGGI, I PANTALONI A RIGHINE STRAVAGANTI PISCIATI MISTI A PERSONAGGI SELVAGGI DA PARTE HARDCORE DELLE DISCOTECHE.
ZEPPE CHE AFFONDANO NELLA SABBIA, OCCHIALI DA SOLE DA INDOSSARE ALLE 3 DI MATTINA.
CI SONO I PARANOICI DALL’USO DI SOSTANZE PSICOTROPE CHE SI NASCONDONO ALL’ARRIVO DI TROPPE PERSONE E SI FANNO PASSARE LE BIRRE DIETRO L’ALBERO SPERANDO DI NON DOVER SALUTARE NESSUNO.
CI SONO GLI ALTERNATIVI CON MAGLIETTE RIGOROSAMENTE VOMITATE CON MESSAGGI POLITICI DI NESSUN SENSO CHE NESSUNO HA LETTO E NESSUNO LEGGERÀ,
IL FATTONI DELL’ANNO SCORSO CON LA CARROZZINA CON DENTRO IL CANE, A PASQUETTA BECCAMMO QUELLA CHE BEVEVA DALLA CIOTTOLA PRIMA DEL SUO PET PER ASSICUARSI CHE NON FOSSE LA BOTTIGLIETTA CON LA SOSTANZA.
IL CANE DOVEVA GUIDARE.
RAGAZZE CON MOLTISSIMI PELI NELLE GAMBE E RAGAZZI CON POCHI CAPELLI MA SPORCHI.
CI CHIEDIAMO,
QUANTI NE MORIRANNO QUEST’ANNO?
QUANTI NE VERRANNO CONCEPITI QUEST’ANNO?
ACCETTIAMO SCOMMESSE.
MANGIAMO IL TERZO PANINO, BIRRETTA E ANDIAMO VERSO LA MACCHINA, LA MUSICA “SUONATA” È FINITA, FINI COMPOSITORI SCHIACCIANO TASTI A CASO E LUCI STOBOSCOPICHE STUPRANO UN BOSCO. CI FACCIAMO STRADA ILLUMINANDO SCHIERE DI ZOMBIE CHE CIONDOLANO TRA I LE MACCHINE PARCHEGGIATE RIMANENDO IMPIETRITI COME CONIGLIETTI CON GLI OCCHI A PALLA SUI MARGINI DELLA STRADA.

PET SOUNDS DISINFETTAMI LE ORECCHIE MENTRE CI DIRIGIAMO VERSO CASA.


Nelle diapositive : a) San “Maicol” aveva naso per i giovani talenti
b) Portoferro
c) Vecchia romagna, grandi emozioni… che non ti ricordi!
d) Col signore in questione abbiamo avuto delle diatribe sin da tenera età
e) Skateboarding Date Contest con punk rock
f) “La forza della sobrietà e dell’impegno”

OGGI SIAMO A CAGLIARI, ABBIAMO DELLE FACCE DA PAURA.
IO SEMBRO UN MISTO TRA MACHETE SOTTO CORTISONE E OZZY OSBOURNE NEI SUOI PEGGIORI MOMENTI DI ALCOLISMO PIÙ CUPO, GIGIO HA LE OCCHIAIE TALI CHE DELLE TARTARUGHE DELLE GALAPAGOS POTREBBERO SCAMBIARLO PER UNO DI LORO, ACCOPPIARSI E SALVARE LA SPECIE DALL’ESTINZIONE, TONY SEMBRA UN CINESE METALLARO IN CRISI IPOGLICEMICA.
CI VOGLIONO DUE ORE E PASSA, QUALCHE DISCO E SIAMO AL POETTO AL BEACH DAY OUT, UN EVENTO CHE NONOSTANTE I PROBLEMI CHE CI SONO PER LA MUSICA DAL VIVO RIMANE UN BALUARDO DEL D.I.Y. CON UNA MAREA DI BAND!
MANCHIAMO DA QUALCHE ANNO, CI AFFIDIAMO AL GRANDE, L’INAFFONDABILE MIKI DEI PADRINI CHE DALLE TRE NAVIGA IN MUTANDE E CAPELLINO DA BASEBALL SULLE ‘23 IN UN OCEANO DI BIRRA, BALENE BIANCHE, CALAMARI FRITTI GIGANTI, CANNONI DI NAVARONE, VARIE ED EVENTUALI.
STANOTTE CI SONO GRUPPI MICIDIALI, CALDO BESTIA, BIRRE INFINITE PER LE BAND. “MIIINCA JOOOE CI SONO 150 BIRRE PER LLE BBAAND!!!”
MIKI È UN TALENT SCOUT DI FREAKS DELLA ZONA, SPONSORIZZA BAND, TROVA FENOMENI DA BARACCONE DA SPINGERE E LI TRASFORMA IN IDOLI PER DISADATTATI, STA SALVANDO KARALES DALLA MORTE ARTISTICA E MUSICALE.
UN IMPRESARIO CIRCENSE, MECENATE DEI MESSI MALE, UN MANGIAFUOCO DEL POETTO.

BECCHIAMO TUTTA LA SERIE DI PERSONAGGI DELLA CAPITALE, TRA I QUALI UN FAMOSO E PERSONAGGIO NOTO PER ALTERNARE LE SUE FATICHE MUSICALI CON L’OMONIMA BAND ALLA SUA PASSIONE DI AMMAZZACRISTIANI A TEMPO PERSO, HOBBY DA ESEGUIRE CANTANDO LE CANZONI DEI GERSON PRIMA DI STENDERE DUE SUPERPERSONAGGI DI FASCIA MEDIA E VENIRE STESO DAL BOSS DEL LIVELLO FINALE.
C’È ANCHE TUNNO POWER, LEADER, VOCE E WHAWHA DEI MY BIG FAT FRIEND CHE SFOGGIA DEI BAFFONI ALLA MAGNUM P.I. E UNA TERRIBILE CANOTTA ALLA MITCH BUCHANNON. CHE STILE!
CI FACCIAMO UNA SCORPACCIATA DI BAND ALTERNATIVE HARDCORE E NOISE E CI BECCHIAMO UNA FANTASTICA NOTTE STELLATA AL POETTO.
SI SUONA VELOCE, SI SUONA IN FRETTA, TUTTO BELLO, CAGLIARI COSÌ VIVA CI MANCAVA, SI SALUTANO TUTTI, DOMANI, CIOÈ TRA QUALCHE ORA CI TOCCA TORTOLÌ.
UN PANINO CHE SA DI STRACCIO E PALLE DI PELO DI GATTO MANGIATO AL VOLO AL DISTRIBUTORE A TRAMATZA DOVE IL FUNEREO BARISTA CI CHIEDE SE VOGLIAMO VENDERE L’ANIMA AL DIAVOLO.
PECCATO, GIÀ FATTO.

TOCCO IL CUSCINO E MI RIALZIO, È GIÀ DOMANI, SI PARTE, IMPOSSIBILE PENSARE CHE CI SIANO PIÙ CURVE CHE TI PORTANO “A” E “VIA” DA TORTOLÌ, MA LA LOCATION MICIDIALE E CONCERTO A DIECI METRI DAL MARE CON UNA BIRRA IN MANO VALEVANO IL VIAGGIO.
DOPO TRE ORE DI VIAGGIO CI SI PREPARA AL SOUNDCHECK E AL BEERCHECK IN AL BARETTO DEL LIDO DI ORRÌ A TORTOLÌ, SEMBRA TUTTO OK, FACCIAMO LE PROVE MENTRE LE RAGAZZE IN BIKINI GIOCANO A BEACH VOLLEY, MOLTO CALIFORNIA, UN PANINAZZO PRATICAMENTE CRUDO MANGIATO AL VOLO E SI PARTE CON UN CLASSICO “SOLD OUT” ALLA RODEO CLOWN, LA GENTE CI METTE UN PO’ AD AVVICINARSI AL PALCO, PAZIENZA IL BELLO VIENE DOPO IL CONCERTO.
MENTRE I DUE DJ TRAVESTITI FANNO BALLARE I RAGAZZI SULLA SPIAGGIA, NOI USCENDO DA TORTOLÌ CI PERDIAMO NELLA FRAZIONE DI GIRASOLE, GRANDE COME UN CAMPO DA CALCIO SEMBRAVA IL LABIRINTO DI CNOSSO.
DOPO SCENE SURREALI DI STRADINE DI CAMPAGNA CON VEGETAZIONE LUSSUREGGIANTE CHE SI RIPETONO ALL’INFINITO “MA QUA NON C’ERAVAMO GIÀ PASSATI?”, CAPITIAMO ALLE PORTE DEL CIMITERO LUGUBRAMENTE APERTE ACCOMPAGNATE DA UNA NEBBIA INSPIEGABILE CHE FACEVA MOLTO “BENVENIUTI IN TRANZILVANIAH”.
DOPO UN’ORA DI GIRI A VUOTO GUADAGNAMO LA VIA DI CASA, STAVOLTA SE È POSSIBILE CI METTIAMO ANCORA DI PIÙ, GRAZIE A SMILE SESSION CHE STAVOLTA CI HA PORTATO A CASA NON FACENDOCI NOTARE LA PASSATA DI CHILOMETRI INFINITA PIANGENDO E CANTANDO “HEROES AND VILLAINS” RIVEDIAMO IL BIVIO CHE CI RIPORTA SU STRADE CONOSCIUTE, GRAZIE ANCORA BRIAN.
MIKE LOVE MERDA.

MANCO IL TEMPO DI DORMIRE CHE STASERA RODEO CLOWN SUONANO AL TIME IN JAZZ A BERCHIDDA, CI PREPARIAMO AD ASSOLI DI SASSOFONO A MANETTA!
ARRIVIAMO A BERCHIDDA GIUSTI PER IL SOUNDCHECK, GIAMPY, IL TATUATISSIMO FONICO, CAPISCE SUBITO CHE SIAMO DEI COGLIONI E CI METTE A NOSTRO AGIO,
MENTRE INIZIAMO A FARE I SUONI ARRIVA UNA VECCHIA CHE GIUSTAMENTE INCAZZATA COME UNA BISCIA DAL GIORNO PRIMA CHE S’ERA BECCATA LA PERFORMANCE NON GRADITA DI FRIKKETTONI AI BONGHI SINO ALLE SETTE, CI SCAMBIA PER LORO O E CI INTIMA “ANDATE A NASCONDERVI E IMPARATE A SUONARE”, POI NO CONTENTA “…E LEI NON RIDA, CAPELLONE DEL CAVOLO!!!” QUESTA CI MANCAVA.
ARRIVA DI CORSA IL FIGLIO DELLA MUMMIA CHE LA PORTA VIA MINACCIANDOLA DI NON FARLE PIÙ VEDERE FORUM E IL TENENTE COLOMBO.
LA VENERANDA SCOPPIA IN LACRIME E CORRE A CASA A FRIGGERE MELANZANE DA METTERE IN TEGLIA E POI IN FREEZER PER POI TIRARLE FUORI NEL CASO DI GUERRA TERMONUCLEARE.
INZIANO A PARTIRE FUSIBILI DELL’AMPLI DI BASSO E UN UKULELE NON NE VUOLE SAPERE DI FUNZIONARE.

COMUNQUE È ANDATA, NON RIUSCIAMO ANCORA A CAPACITARCI DEL COME MAI UNA BAND COME LA NOSTRA SIA FINITA IN UN FESTIVAL DEL GENERE.
DI SICURO È COLPA DELL’OTTIMO VINO DEI DINTORNI DI BERCHIDDA.
BECCHIAMO LE CHIAVI DEGLI ALLOGGI E I PASS, ECCO DALLE FOTO SEMBRIAMO IL CUGINO DI CHARLES MANSON, CHUCKY LA BAMBOLA ASSASSINA, E LO GIGOLÒ SUDAMERICANO, DELLE FACCE DA NUOVA SARDEGNA.
DA CRONACA LOCALE, PEGGIORE.
ABIGEATO.
TURPILOQUIO.
VILLIPENDIO ALLA VECCHIACCIA DI POCO FA.
ANDIAMO OLTRE, ABBIAMO LA MENSA PAGATA PER TRE MA DIVENTA PER SEI, CONCERTO “VERO” JAZZ GRATIS PER CHI GRADISCE, INVECE PER CHI GRADISCE BIRRETTE E CAMPARI C’È IL BAR.
SI SUONA.
IL DJ DOPO DI NOI METTE COSE DI CUI NON MI CAPACITO, SE NON NON C’ENTRAVAMO NULLA COL TIME IN JAZZ LUI È RIUSCITO A METTERE QUALCOSA CHE NON SI AVVICINAVA NEMMENO DI UN ANNO LUCE A COSE BALLABILI.
O HO QUALCOSA NELL’ORECCHIO O ANCHE I DJ DECENTI SI STANNO ESTINGUENDO?

TUTTO OK TUTTO NELLA NORMA, COME AL SOLITO IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE, MENTRE SI RITORNA AGLI ALLOGGI, GIGIO SBAGLIA STRADA, SBAGLIA APPARTAMENTO E ROMPE LA CHIAVE NELLA TOPPA, DEVE VENIRE DA NOI E ORGANIZZARSI UN GIACIGLIO ALLA BELL’E MEGLIO IN VERSIONE “ZINGARO VOGLIO VIVERE COME TE”.
SI SVEGLIA CON LA MAGLIA DI IBRAHIMOVIC.
BELLO DORMIRE PER TERRA PUR AVENDO UNA STANZA MATRIMONIALE PAGATA.
IO PARTO E MI DIMENTICO GLI OCCHIALI, CHE NESSUNO ANCHE SE LI VEDE NEL BAGNO, RICONOSCE.
GIGIO SI BECCA UNA MULTA PER SOSTA VIETATA MENTRE FA COLAZIONE.
ANDIAMO ALLA GRANDE!
OH YES!


Nelle diapositive : a) Grazie alla bionda che ha apprezzato il tipico “sold out” alla Rodeo a Tortolì
b) Compreremo prima o poi una casa a Girasole
c) Miki dei Padrini si lancia in una micidiale turbo-dormita al poetto coadiuvato dalla maglia dei Rodeo
d) Con la signora in questione abbiamo avuto delle diatribe per il nostro taglio di capelli e per i suonatori di bongo della notte prima
e) Gigio in versione “zingaro voglio vivere come te”
f) Charles Manson, Chucky la bambola assassina e lo Gigolò sudamericano

OCCHEI, SUONIAMO A SANTA TERESA, ALLA SPIAGGIA RENA BIANCA, OH YES! DOVENDO RECUPERARE GLI OCCHIALI DIMENTICATI LA SERATA DALLA NOSTRA CONSACRAZIONE A BAND PIÙ IMBECILLE DI QUELLE MAI OSPITATE IN “…ENTI” ANNI DI TIME IN JAZZ, SONO COSTRETTO A DEVIAZIONI E SCORCIATOIE DEGNE DEI CUGINI BO E LUKE DUKE DI HAZZARD.
APPENA RECUPERATI I PREZIOSI OGGETTI CHE PERMETTONO LA VISIONE DEL MONDO COSÌ COM’È AD UN POVERO DEFICITARIO DI VISTA QUALE IO SONO, MI DIRIGO VERSO LA META DEL NOSTRO ODIERNO CONCERTO PASSANDO PER LE PIÙ SPERDUTE E AMENE LOCALITÀ ISOLANE, UNA DELLE QUALI HA UN NOME TALMENTE IMPRONUNCIABILE CHE SE DETTO PER TRE VOLTE LA NOTTE DEL ROGO DI SANT’ANTONIO DAVANTI AD UN BANCONE DI UN PESSIMO BAR PUÒ FAR APPARIRE LO SPETTRO DEL PEGGIOR MOSTRO DEL LUOGO.
BARBA DELLA STESSA LUNGHEZZA DEI CAPELLI, VELLUTO ANCHE SE FUORI CI SONO 76° ALL’OMBRA E PARTICOLARE NON DI SECONDO CONTO, ASSOLUTO INUTILIZZO DELLE VOCALI NELLA COMUNICAZIONE VERBALE.
TALI PERSONAGGI HANNO PIÙ SCIMMIE CHE COGNOMI NELL’ALBERO GENEALOGICO.
MENTRE PASSO ALL’INTERNO DEL VILLAGGIO MI GUARDANO COME SE AVESSERO VISTO UN UNICORNO AL GALOPPO CAVALCATO DA UN GORILLA COI BERMUDA MENTRE FUMA UNA PIPA A FORMA DI DRAGO.
QUA DARWIN STRAPPEREBBE I SUOI APPUNTI SI TIREREBBE UNA SBRONZA A DRUGAL E PUFF AL FORMAGGIO E SCRIVEREBBE UN LIBRO EROTICO SOTTO PSEUDONIMO.
MEGLIO ANDARE VIA PRIMA DI VENIRE CATTURATO E LASCIARE CHE LA MIA TESTA VENGA RIDOTTA DALLO STREGONE DEL PAESE E DIVENTI UN FETICCIO IN QUALCHE CAPANNA “ERA LA TESTA DI UN SASSARESE, HA MANGIATO E BEVUTO A SCROCCO FINCHÉ HA POTUTO QUANDO ERA VIVO”.
DOPO UN PAIO DI ANNI DI RICERCA ALL’INTERNO DELLE FORESTE E CAMPAGNE DELLA NOSTRA ISOLETTA MI RITROVO A SANTA TERESA, ARRIVATO NON SI SA COME ALLA SPIAGGIA DEL CONCERTO INIZIO A FAMILIARIZZARE COL LUOGO, CON I RAGAZZI DELL’ORGANIZZAZIONE, DAVANTI A NOI IL MARE, INTORNO A NOI IL BAR CON BIRRETTE E RAGAZZE IN BIKINI A GO GO, ANDIAMO ALLA GRANDE.

NOI SIAMO PROFESSIONALI E NON CI LASCIAMO IMPRESSIONARE DA CULI, COSCE, ROTONDITÀ E ALTRE COSE DEL GENERE.
ABBIAMO OCCHI SOLO PER VINO DI POCO COSTO, IL LUPPOLO E GLI STUZZICHINI DELL’APERITIVO.
(O APPARENTEMENTE, BASTA AVERE GLI OCCHIALI DA SOLE E DIVENTI IMPERTURBABILE COME LA GIÀ CITATA STATUA DI PASQUALE TOLA, ALMENO PER CHI TI VEDE)
LE STAR DELLA SERATA SONO UNA NON MEGLIO IDENTIFICATA BAND INGLESE COL BASSO SLAPPATO CHE FA MOLTO FILM PORNO ANNI ‘80 INIZIA A FARE IL SOUNDCHECK COL SOLE ANCORA ALTO.
MHH BRAVI, NOI ANDIAMO AL BAR.
BIRRE, CAMERIERE IN COSTUME DA BAGNO, VISTO CHE SIAMO IN TEMA, DATECI LA NOSTRA VESTAGLIA DA HUGH HEFNER.
ARRIVANO I VITAMINA ROSSA, FIGLI ILLEGITTIMI DEI RANCID, CRESTE MULTICOLORI E SKATEBOARD, NON POSSIAMO FARE ALTRO CHE FARE UNA SESSION POST BIRRETTA CON CONCLUSIONE DI TAVOLA ROTTA IN PRESSURE FLIP.
È PASSATA UN’ORA E MEZZO E GLI HEADLINER CONTINUANO A PROVARE I SUONI.
QUALCUNO CI CHIEDE SE DOBBIAMO FARE ANCHE NOI.
RISPONDIAMO CHE LI ABBIAMO FATTI ANCHE IERI, ANCHE SE IN UN ALTRO POSTO, FORSE COME RISPOSTA PUÒ ANDARE BENE, CI AVVICINIAMO ALL’ANGOLO PANINI.
ABBIAMO LE CONSUMAZIONI, OH YES..
ANCHE OGGI PANINO DI SALSICCIA DI AUSTRALOPITECO CRUDA.
MADONNA SANTA CHE MONDEZZA, VALUTO IL CAMBIO DI UN PANINO CON DUE BIRRE.
ACCORDATO.
DAGLI CHEF FRANCESI ABBIAMO GIÀ MANGIATO TROPPE VOLTE ULTIMAMENTE.
CON UN PAZZO CANTAUTORE SI IMPROVVISA UNA SESSION UKULELE-CHITARRA, BENE È QUASI ORA.
PRIMA DI NOI UNA BAND MITICA, TUTTI A PETTO NUDO STILE RHCP DEL DISCOUNT FUMO ALCOL GIOCO D’AZZARDO SUL PALCO, MANCAVANO IL COMBATTIMENTO DI GALLI PER ESSERE PIÙ STRAVAGANTI.
VORREMMO FUMARE UN PACCO DI SIGARETTE “NAZIONALI ESPORTAZIONE” SENZA FILTRO, MA POSSIAMO FARLO PER BENE A SETTANT’ANNI SE MAI CI DOVESSIMO ARRIVARE.
PER ORA POSSIAMO METTERCI A PANZA NUDA MA PENSO CHE LA MAGGIOR PARTE DEL PUBBLICO NON DORMIREBBE PER DUE SETTIMANE.
TOCCA AI 549, CASINISTI ALL’ENNESIMA POTENZA, EREDITIAMO UN PALCO ROVENTE, POI UN DELIRIO, CORI DA MICROFONI IN TERRA UNA PALETTATA DI BASSO IN FACCIA AL DJ LU PROFETA E CASINI VARI. (SCUSA GIANNI)

SCENDIAMO DALLE TAVOLE ALTE UN METRO E MEZZO MADIDI DI SUDORE BIRRESCO, SERATA DI TOTALE DELIRIO, GRANDI I RAGAZZI DELL’ORGANIZZAZIONE, GRANDI FIVE FOUR NINE, CHE CONTINUANO LA SERATA IMPERTERRITI E INSEGUITI DAI MESSICANI MARIACHI VERSO IL BRAMBLES ART.

MICIDIALI I MALASTRANA E I VITAMINA ROSSA, CHE HANNO DIVISO IL PALCO CON NOI.
SARÀ GRANDE IL NOSTRO FEGATO CHE CHIEDE TREGUA, VIVA I TUFFI IN MARE PRECONCERTO, LE TAVOLE DA SKATEBOARD SPEZZATE DA RICOMPRARE E LE BIRRETTE A GO GO.

PENSAVAMO FOSSE FINITO QUA, MA C’È TEMPO PER UN’ALTRA SERATA, IN ZONA, AL LAGO DI CUGA, C’È UN VENTI MINUTI SE LA STRADA LA CONOSCI O IL PRIMO DEI “LED ZEPPELIN” E MEZZO “BLEACH” SE TI PERDI COME ABBIAMO FATTO NOI.
È UN FESTIVAL CHE DURA TRE GIORNI, BANDS, DJS, BIRRETTES E PANINAZZIS.
COME SCENDIAMO DALLE MACCHINE LE ZANZARE INIZIANO A DIVORARCI, PERFETTO.
VEDIAMO APPROPINQUARSI ALLA SPIANATA DEL LAGO, PASCOLO MATTUTINO DI PLACIDI ERBIVORI BIANCHI, UNA MASNADA DI AMENI DISCOTECARI GIÀ RIMBAMBITI ALLE OTTO DEL POMERIGGIO, GLI ESEMPLARI MASCHI RICONOSCIBILI DA TAGLI DI CAPELLI CON CRESTA DA IMPROBABILI SIOUX METROPOLITANI E MAGLIETTINE ATTILLATE CON SCRITTE HARDCORE PIENE DI ELEGANTISSIME PAILLETTES ET ALTRE COSE SBRILLUCICANTI.
TUTTO DA ESIBIRE SOPRA IPERMEGA MUSCOLACCI CONDITI QUA E LÀ CON OSCENI TATUAGGI SCOLLEGATI UNO ALL’ALTRO STILE POPEYE, CARRI DI CABADDU, CALCIATORE ITALIANO DI SERIE ZETA, IL CUGINO DI FABRIZIO CORONA O I MODELLI “MODERNI” DI DOLCE & GABBANA.
ULTIMO TOCCO DI CLASSE: IL SOPRACCIGLINO DEPILATO CHE SU I NOSTRI TRATTI NATII NON ESATTAMENTE CAUCASICI AL 100% SONO POCO CREDIBILI COME UN ABORIGENO BIONDO COI CAPELLI A CASCHETTO DI NINO D’ANGELO.

LOOK PER GLI ESEMPLARI DI SESSO FEMMINILE: TAGLIO STRAVAGANTE CON RILETTURA MODERNA DELLA PETTINATURA “ALLO SCHIAFFO” DELLA SIGNORA PINA FANTOZZI, PIERCING PRO FELLATIO, MENO VESTITI SI PORTANO MEGLIO È, TATUAGGI TRIBALI, CAZZI ALATI, GNOMI O FOLLETTI GODURIOSI CHE ESCONO DA INGUINI O FANNO CAPOLINO DAI POCHI CENTIMETRI DI PELLE COPERTA APPENA RASATA.
ALCUNE DI QUESTE SONO ESTREMA BELLEZZA E DELICATEZZA DI TRATTI CARATTERISTICHE SUBITO DA ELIMINARE DOPO AVERLE SENTITE APRIRE BOCCA E PROFERIRE COSE DI RARA OSCENITÀ DA FAR ARROSSIRE ANCHE GLI ADDETTI AI PANINI.
LE OTTIME SPECIALITÀ LOCALI, A BASE DI SALSICCIONE DI MAMMUTH E HAMBURGER DI TILACINO DI CONTRABBANDO.
CI VERRÀ LA GOTTA.
DOBBIAMO METTERCI AL PASSO COL MENÙ E PER MALATTIA MEDIEVALE CI VUOLE UN’IMMAGINE GIUSTA: “I GIULLARI DEL TORNEO” VIOLA, GHIRONDA E CLAVICEMBALO.
CAPIAMO CHE ANCHE STAVOLTA UN CONCERTO ROCK PER QUESTA GENTE SERVE COME L’ACQUA NELLE LORO BOTTIGLIETTE ALLA DROGA: QUASI NULLA.
VENIAMO ACCOLTI DAL SOLITO MITICO SERVICE DI MERLINI, LU PROFÈ E CHRISTIAN, CHE ORAMAI POSSONO ASSUMERCI PER LE PROVE, ANCHE QUELLE DEL CUOCO, INFATTI DURANTE IL SOUNDCHECK MANGIO TALMENTE TANTI INSETTI CHE MI FANNO PASSARE LA FAME CON UNA DIETA IPOCALORICA MA RICCA DI PROTEINE E GUADAGNARE LA CITTADINANZA THAILANDESE.
OKAPPA, ANDIAMO A BERCI UNA BIRRA, CON LE CAVALLETTE E ZANZARE IN UMIDO CI STA BENISSIMO.
PERFETTO, ALLA “BARRACCA” L’AMBIENTE È MISTO TRA QUELLO DEL SALOON DI RITORNO AL FUTURO III, UNA GARA DI S’ISTRUMPA E LA PEGGIOR TANA DI ORSI DELLA SIBERIA DOPO IL LETARGO, DUE ENERGUMENI INIZIANO A DISCUTERE COL BARISTA SUL FATTO CHE UN ALTRO ERA STATO SERVITO PRIMA.
INVECE CHE PRENDERE LE BIRRE CHE SI SCALDAVANO SUL BANCONE INIZIAVANO A STRATTONARSI AMICHEVOLMENTE, PERÒ GUARDANDO NOI “FORESTIERI” INTENSAMENTE NEGLI OCCHI SENZA DISTOGLIERE LE PUPILLE.
UNA SFIDA DI SGUARDI DELLA LUNGHEZZA BIBLICA, MI RICORDO CHE IN UN DOCUMANTARIO CHE SI INTITOLAVA “A PRANZO COI BOSCIMANI” SULLA BBC DAVID ATTENBOROUGH INTIMAVA NELL’EVENTUALE POSSIBILITÀ DI INCAPPARE NELLA SOPRACITATA SFIDA TRIBALE DI NON DISTOGLIERE ASSOLUTAMENTE LO SGUARDO MA ANZI LANCIARE LA SFIDA URLANDO “QUELLO NON È DI PAESE E VI HA PAGATO IL GIRO” E DI FUGGIRE IN DIREZIONE NAIROBI.
PER FORTUNA ERO CON ESPERTI DEL LUOGO CHE CON UN SOTTERFUGIO PRESA LA BIRRA MI FANNO GESTO DI LASCIARE PERDERE, CHE È POSSIBILE CHE SIANO ENTRAMBI STRABICI.
MANGIAMO UN PANINAZZO CHE STAVOLTA È QUASI OK (O FORSE È SOLO LA FAME), FACCIAMO UN GIRO, INIZIA LA MUSICA.
L’AREA ROCK È MEZZO VUOTA ANCHE QUANDO STANNO SUONANDO I GRUPPI LOCALI, NON CAPISCO.
NON MI CAPACITO.
COMPRENDO CHE NELLA SECONDA ZONA, QUELLA REGGAE, LA GENTE BALLA, È NORMALE E CI STA, CI SONO DEI DJ CHE METTONO MUSICA E SCONVOLTONI STANNO BALLANDO, FILA TUTTO LISCIO.
MA NELLA ZONA ROCK… POCHI CHE BATTONO I PIEDI, QUASI NESSUNO CHE ANCORA VUOL VEDERE QUALCHE IMBECILLE CHE PESTA SULLE PELLI O TIRA UNA SUSSA ALLE CHITARRE.
MI SENTO UN ASTEMIO IN TOUR CON I POGUES.
E NON DEVO GUIDARE.

ERGO ORAMAI FACCIAMO PARTE DI UNA ELITÉ, NOI E VOI, CHI ASCOLTA E SUONA MUSICA ANCORA PARTORITA DA UNA TESTA PER QUANTO BACATA, CHE POI LA SUONA CON LE MANI, TREMOLANTI A VOLTE, CHE LA SBAGLIA, CHE MAGARI MOLTE VOLTE NON AZZECCA MANCO LA COMPOSIZIONE PERFETTA MA STA DANDO QUALCOSA, CREA UN’EMOZIONE A QUALCUNO E LA RICEVE E RESTITUISCE IN ESATTO MODO DALLA PERSONA DI FRONTE.
PRATICAMENTE I MORTI VIVENTI BALLANO DAVANTI AD UN POVERO SCEMO CHE URLA COSE SENZA SENSO E TUTTI SI MUOVONO SOTTO COME AUTOMI.
DOPO I LUX DECIDIAMO DI NON SUONARE, MA I PRESENTI CI DICONO DI SALIRE SUL PALCO LO STESSO, ALLA FINE UN CONCERTO BREVISSIMO, MA FIGO.
ANDIAMO VIA MENTRE LA GENTE RIEMPIVA L’AREA ROCK E CHIEDEVA DI CONTINUARE A SUONARE.

ANDIMO VIA MENTRE ZOMBIE CONTINUANO A CIONDOLARE DAVANTI A CASSE CHE RUTTANO MUSICACCIA, COPPIE NELLA STESSA MACCHINA CHE NON CURANTI DI CHI PASSA SI SPARANO DELLE STRISCIONE DI BAMBA, CI VEDIAMO DOMANI SULLA NUOVA SARDEGNA.

SUONIAMO A SIMAXIS PER IL CONTEST DI SKATEBOARD DELLA BENNAXI CREW, PRIMA DI CONCRETARE LA FINE DI QUESTA TORNATA DI CONCERTI, PROVA AL VOLO DURANTE IL CONTEST, CENA E CONCERTO DI UN’ORA.
IL MIX DI SKATE E ROCK ERA QUELLO CHE CI VOLEVA, COME FINALE.

OOOK, L’ESTATE È ANDATA. CI VEDIAMO, ASPETTIAMO L’USCITA DEL NUOVO ALBUM, È PRATICAMNETE PRONTO!
PER ORA RINGRAZIAMO TUTTI, MA VERAMENTE TUTTI!
SIA CHI CI HA ASCOLTATO CON VOGLIA E CHI PASSIVAMENTE, CHI CI HA COMMISERATO E CHI ASPETTAVA CHE FINISSIMO AFFINCHÉ IL DJ DI TURNO SALISSE SUL PALCO PER DARGLI IL BECCHIME MUSICALE AGOGNATO.
SÌ, SIAMO DEMODÉ PER I TEMPI CHE CORRONO.

MA ALLA FINE SIAMO SOPRAVVISSUTI E ANCORA IN PIEDI.
RINGRAZIAMO IN PARTICOLARE GLI SKATERS, GLI ORGANIZZATORI DELLE SERATE, LE BAND CHE HANNO SUONATO CON NOI, GLI AMICI, I GRUPPI CHE NON CI CONOSCONO CHE IDOLATRIAMO E DEI QUALI ASCOLTIAMO AVIDAMENTE LE CANZONI IN MACCHINA.
GRAZIE A TUTTI I PAZZI (E LE PAZZE) CHE CI SON STATI DIETRO IN QUESTO MESE, È STATO UN CASINO TOTALE, QUASI DUEMILA CHILOMETRI, MOLTA BENZINA, MOLTA BIRRA E PANINACCI. NON SARÀ LA CALIFORNIA MA CI SIAMO MOLTO VICINI. OH YEEESSSS!!!
PER IL RESTO, ROCK ‘N ROLL! OH YES!


Nelle diapositive : a) In tour coi Pogues sano? improbabile.
b) Charles Darwin quando era Emo
c) David Attenborough cerca di far sfuggire un hamburger ancora vivo dalla “barrrracca” del fest
d) 32 agosto sagra del Mammoth, patrocinio del comune, saluto delle autorità e Rodeo Clown in concerto
e) Puff al formaggio for ever
f) Mike Love Merda!

BACK TO CHIAGLIARI, “MÌ NUN FEDDI L’ASCAMO CUMENTI A LU VINTAAAAGE”, PASQUETTA RANDAGISSIMA DI IRON HARBOR, LO SPETTACOLO DELLA NATURA SCONVOLTONA SU NATIONAL GEOGRAPHIC CHANNEL

26, Apr, 2012

IL MESE DI APRILE SEGNA IL RITORNO LIVE DEI RODEOS IN TERRA NATIA.
PARTE TUTTO CON UN GRANDE LIVE AL LINEA NOTTURNA A CAGLIARI, GRAZIE ALL’ORGANIZZAZIONE DI MIKI DEI PADRINI, PERSONAGGIO MICIDIALE CHE SALVANDOSI DA UN SABATO A BOTTO E L’ALTRO PEGGIO CI PIAZZA UN LIVE.
SI DIVIDE IL PALCO CON I THE MADE IN INDONESIA (Oui Je suis mignotta) ‬PUNKROCK RANZIGU DAL MEDIO CAMPIDANO, ANCHE LORO ATTIVI DA PIÙ DI UN DECENNIO CON I QUALI CONDIVIAMO L’ANONIMATO, LA PASSIONE SFRENATA PER I PITTORI FRANCESI E L’ALCOLISMO, MA SOPRATTUTTO LE FIGURE DI MERDA A RIPETIZIONE COLLEZIONATE NEGLI ANNI SU I PEGGIORI PALCHI DI QUESTO SASSO SPERDUTO IN MEZZO AL MEDITERRANEO.

SI SUONA DI MERCOLEDÌ COME NELLE MIGLIORI TRADIZIONI DEL CAPOLUOGO REGIONALE. CITTÀ UNIVERSITARIA DAL WEEKEND POSIZIONATO A METÀ SETTIMANA PER UNA SERIE DI COINCIDENZE ASTRONOMICHE BASATE SULLE TEORIE DELLE POPOLAZIONI MAYA CHE ABITAVANO PRECEDENTEMENTE LA ZONA PRIMA DI SPOSTARSI NEL CONTINENTE AMERICANO CON MASSIMO CELLINO.

APPENA SBARCATI CHI DA UN AEREO DELLA RAYNAIR, CHI DAL DIVANO E DA UNA PARTITA ALLA PLAYSTATION A FIFA 2012, CHI APPENA SCESO DAL LETTO CON GLI INCUBI DA VINO + PEPERONI = TNT, CI BUTTIAMO DIRETTAMENTE SU I PRODOTTI BOLLENTI E FORMAGGIOSI A UN EURO DELLA PIZZERIA CASTEDDAIA APPENA DI FRONTE AL LOCALE, PARTE LA PRIMA SCARICA DI BIRRINI.
L’ULTIMA VOLTA CHE AVEVAMO CALCATO I PALCHI DI CASTEDDU CITY ERA STATA UNA COMPLETA WATERLOO, SEDICI PERSONE PRESENTI, COMPRESA LA VECCHIA BARISTA BALDRACCA CHE GIUSTAMENTE CI INSULTAVA PER LA POCA AFFLUENZA DI PUBBLICO.
AVEVA RAGIONE, IL LAVORO DELLO STAFF DEL LOCALE PER PUBBLICIZZARE LA SERATA ERA STATO IMMENSO, ERANO CON NOI CON IL PENSIERO MENTRE ATTACCAVAMO LE LOCANDINE E ROMPEVAMO PIETOSAMENTE I COGLIONI A AMICI E CONOSCENTI PER PASSARE AL POSTACCIO.
LA SERA MENTRE NOI SUONAVAMO NEL VUOTO COSMICO INTERSTELLARE CHE DIVIDE MARTE DALLA TERRA, IL PADRONE DEL LOCALE ERA ARRIVATO INTORNO ALLE VENTITRÈ CON ALTRI DUE PERSONAGGI SULLA CINQUANTINA, BRIZZOLATI E PAONAZZI, FATTI A BOTTO DI COCA CON DEI GIUBBOTTINI DI PELLE MESTAMENTE APERTI SUL DAVANTI PER LA PANZA PROMINENTE.
ERA ANDATO NEL RETRO SENZA MANCO FARE UN CENNO, C’ERANO COMBATTIMENTI COI CANI DA ORGANIZZARE, UN COLPO DI STATO IN SUDAMERICA DA FINANZIARE E IL LIME PER I COCKTAILS DA ORDINARE, CHE ERA FINITO.

MA LASCIAMOCI IL PASSATO ALLE SPALLE, RITORNANDO ALL’ANNO CORRENTE E AL CONCERTO COI THE MADE IN INDONESIA, DUE RISATE, DUE PIZZE E DUE BIRRETTE E SI PARTE A SUONARE CON I VIDEO DI SKATEBOARD CON VECCHIE GLORIE DELLA TAVOLA A ROTELLE COME NATAS KAUPAS E MARK GONZALES PROIETTATI ALLE NOSTRE SPALLE.
TUTTO QUESTO CI DA LA FORZA CALIFORNIANA E BIONDA DEL ‬PUNKROCK TUPPARUTTUPATUPPA, SUBITO GENTE FUSA CHE BALLA GRAZIE ALLE PROPRIETÀ MOTORIE DONATEGLI DAL DIO BACCO MEDIANTE INFUSI AROMATICI TRA TUTTI SPICCANO DELLE SPECIAL GUEST D’ECCEZIONE, COME LEMBO NOTO “LEGGEND” (sì, con due gi) PERSONAGGIO INQUIETANTE DELL’UNDERGROUND “CHIAGLIARITANO” DAL SORRISO JOKERIANO E DAL VOCABOLARIO PARTICOLARE COMPRENDENTE UNA VARIANTE TUTTA SUA DELL’INGLESE.
SI ESIBISCE NELLA SUO PERSONALISSIMO “BALLO AVVERTICALE” E IN UNA SERIE DI SCATTI DA SAFARI FOTOGRAFICO CON OGNI PERSONA PRESENTE ALL’INTERNO DEL LOCALE.
OGNI IMMAGINE PORTA IL SUO INQUIETANTISSIMO E INIMITABILE SORRISO “LEGGEND”.

MA TORNIAMO A NOI, NESSUN LOCALE PUÒ VANTARE UNO SPOT PER SKATEARE ALL’ESTERNO COSÌ SUPERPOWER.

QUINDI ALLA FINE DELLA SERATA CARICATO TUTTO IN MACCHINA NON CI SI PUÒ ASTENERE DALL’AVVENTARSI SUGLI SCALINI TROOOPPO “CALIFORNIA” DELL’ESTERNO DEL LOCALE.
NON POSSIAMO ESIMERCI DA UN NOSE SLIDE SU MURETTI CHE SEMBRANO POSIZIONATI DA ARCHITETTI CALIFORNIANI.
LA NOSTRA SCHIENA DA EX-GIOVANI CHIEDE PIETÀ MA NON CI POSSIAMO FARE NIENTE NON SI PUÒ BLOCCARE LA DIPENDENZA DA SKATEBOARD.
PIANO PIANO RIUSCIAMO A TORNARE A CASA CON VARIE PAUSE N VIA CRUCIS PER URINARE, STRETCHING, RICERCA DI UFO.
DORMIRE E SOGNARE DI FARE IL ARTI MARZIALI, NON AVENDONE MAI FATTO IN VITA TUA, SKATEARE E OLLARE 100 SCALINI, SALVARE TUTTI DA UNA GUERRA TERMONUCLEARE E ASSOMIGLIARSI A NICOLAS CAGE O ALMENO AVERE IL SUO TAGLIO DI CAPELLI PEGGIORE.
TUTTI DELIRI ONIRICI DA DISOCCUPAZIONE, SVEGLIARSI COL PIGIAMA CONTRARIO E AVERE PAURA DI DARSI SPIEGAZIONI.
CREDO NEGLI X-FILES


Nelle diapositive : a) Miki dei Padrini, Lembo, Salvia e alcool q.b. gli ingredienti di una serata “LEGGEND”
b) La locandina dell’evento mondano al Linea Notturna a Chiagliari
c) Il professional skateboarder Mark Gonzales non ha mai stupito per le sue qualità di avvenenza fisica o di sobrietà metale
d) Lembo e Gigio in una gara di sorrisi “LEGGEND”
e) Nicolas Cage alle prese con una marmotta in testa o uno dei suoi peggiri tagli di capelli
f) Massimo Cellino ti saluta da lontano prima di ripartirsene a Miami

CI ASPETTA IL SABATO A SASSARI, IL RITORNO AL VINTAGE CON CADENZA STAGIONALE PER IL RITORNO IN CASA, I VOSTRI RODEO CLOWN STAVOLTA LIVE CON I PADRINI, I PALADINI DEL ‬PUNK ROCK AMERICAN “LEGGEND” (sì. sempre con due gi) PER UNA SERATA BELLA COLMA DI VOLGARITÀ, MUSICA INVENTATA, PESSIMI TAGLI DI CAPELLI E ALTRE SCHIFEZZE.
IL GIORNO PRIMA DI PASQUA CI TOCCA SANTIFICARE LE FESTE CERCANDO DI RALLENTARE LA RESURREZIONE DEL SIGNORE GESÙ A SUON DI ‬PUNK ROCK CAFONE.
I PADRINI AL RITORNO IN TERRA TURRITANA DOPO PIÙ DI UN ANNO E DOPO LA DOCCIA DI BIRRA ARRIVATA IN UN NOTO CIRCOLO ALTERNATIVO DELLA CITTÀ.
DURANTE L’ESECUZIONE DI UNA DELLE LORO INDIMENTICABILI “HITS” UNA SIGNORINA APPENA ARRIVATA DA UNA COMUNITÀ HAMISH, RITENENDO VOLGARI E MASCHILISTE LE FRASI CONTENUTE NELLA CANZONE “LA SOLITA SCUSA” APOSTROFAVA I ‬PUNKROCKERS CAGLIARITANI CON IRRIPETIBILI APPELLATIVI E CONDENDO IL TUTTO CON LANCIO DI BIRRA ALL’INDIRIZZO DI QUESTI.
TUTTO CIÒ HA SHOCKATO TALMENTE TANTO MIKI E SOCI CHE NEL TEMPO SUCCESSIVO AL SUDDETTO LIVE HANNO DEDICATO IL TEMPO LIBERO NON SOLO NEL COMPORRE RIME MENO VOLGARI MA NEL FREQUENTARE CIRCOLI DI BON TON NEI PARCHEGGI CHIC DI “SAN MICHELE” A CHIAGLIARI.

BEH DAL SOUND CHECK SEMBRAVA TUTTO BENE.
STO CAZZO.
SI PARTE, LA GENTE C’È, MEZZA CANZONE E SUCCEDE DI TUTTO:
VAI CON I SUONI IMMONDI, UNA CASSA CHE ANDAVA E VENIVA, LE NOSTRE VOCI DA MACACHI SPAZIALI, I MICROFONI CHE ANDAVANO A FARSI UN GIRO E TORNAVANO, CAMBI TATTICI DI DISTORSORI E CAVI PERITI CON GLORIA SUL PALCO.
TUTTO SUONAVA COME UN FRULLATORE A IMMERSIONE MINIPIMER CHE TRITA PINOLI, BASILICO, AGLIO, OLIO E SALE QUANTO BASTA.
AMPLIFICATO A MANETTA. IN MONO. OGNI TANTO IN STEREO.
CARO PERU MI SA CHE BISOGNERÀ CAMBIARE IMPIANTO DEL LOCALE.
E CARI RODEOS DOBBIAMO PORTARCI IL NOSTRO, NON È NUOVO MA ALMENO FUNZIONA.
GENTE CHE SI TAPPA LE ORECCHIE CON LE BIRRE, CON UN SUONO PESSIMO LE NOSTRE FACCE SEMBRANO ANCORA PEGGIO.
VOCI CORRONO CHE ALCUNI IN PREDA ALLA DISPERAZIONE SI SIANO CAVATI GLI OCCHI COME EDIPO PUR DI NON GUARDARE LE NOSTRE FACCE DA FESSI.
QUALCUNO RIMANE INCREDULO E SBIGOTTITO DAVANTI AL PALCO PENSA L’IMPOSSIBILE, DI AVER VIAGGIATO NEL TEMPO GRAZIE A TANTA BIRRA MA ANCHE A QUELLO CHE SI ERANO SCIOLTI SOTTO LA LINGUA DURANTE IL TRAGITTO DALLA LORO TANA AL LOCALE. ERANO DUNQUE IN UN CONCERTO DEI RODEO CLOWN MA ALL’INIZIO DELLA LORO AVVENTURA, QUINDI FACEVANO SCHIFO ANCHE SE CE LA METTEVANO TUTTA.
COMUNQUE L’ABBIAMO FATTA, ABBIAMO PORTATO LA SERATA CASA E SIAMO SOPRAVVISSUTI, ERA DA TEMPO CHE NON FACEVAMO COSÌ SCHIFO.
COME SMETTIAMO DI SUONARE FINISCE IL LATRARE DI TUTTI I CANI DEL QUARTIERE CHE STAVANO IMPAZZENDO DAI FISCHI TALMENTE FORTI CHE UN ARBITRO NEL CAMPIONATO PORTOGHESE DURANTE LA PARTITA BENFICA-SAN GAVINAO DO CAMPOS HA ASSEGNATO TRE RIGORI.
DELLE PERSONE DISTINTE CON I CAPELLI DA JAZZISTI CI FERMANO E CI CHIEDONO UN AUTOGRAFO E CHIEDONO SE JOHN ZORN È NEI CAMERINI.
OH YES! GLI RUBIAMO IL BICCHIERE E ANDIAMO A CHIEDERE DI LA, FACENDOCI STRADA TRA SANGUE E TAPPI PER LE ORECCHIE ABBANDONATI DAGLI AVVENTORI DURANTE LA SERATA.
CONTINUIAMO DOPO SEDICI ANNI A FAR VERGOGNARE AMICI E CONOSCENTI, SUONANDO E NON SUONANDO.
SUBITO DOPO DI NOI SUL PALCO GRAAANDE PERFORMANCE A PANZA NUDA DEI PADRINI, CHE SENZA PUDORE MOSTRAVANO I LORO PELI SUPERFLUI, LA LORO ABBRONZATURA DA TROPICO DEL CAPRICORNO, BOTTI DI BIRRE, “DOPPIE” A GO-GO CHE TRADIVANO LE LORO ORIGINI MESSICANE, SIDRO E AMARO MONTENEGRO.
TRA UN PEZZO E L’ALTRO DI BUON‬ PUNKCAGLIARIFORNIANO CI RACCONTANO LA LORO VITA AVVENTUROSA, FATTA DI SOSTANZE PSICOTROPE E SURF, ABUSO DI ALCOLICI, VITA NEI BASSIFONDI DEL CAPOLUOGO REGIONALE E ALTRE COSE TOP SECRET, CHE LI HANNO FATTI DIVENTARE FARO E SPERANZA PER TANTI DISADATTATI.
I MAGNA CAURA E PICCA BABBU GRADISCONO LE STAR ‬PUNK ROCK DELLA “CHIAGHLIARI” MALE DEI PADRINI.
LE LORO BATTUTE DA CASERMA, LA LORO ABBRONZATURA DA MURATORI E TAGLIO DI CAPELLI IMPROBABILE DI MIKI ORMAI SONO UN MUST ANCHE QUA AL NORD.

PER LO MENO IL LATO GIUSTO DELLA FORZA CI MANDA BIRRE A QUANTITÀ MISURABILI SOLO IN DIMENSIONI OCEANICHE.
LA NASA CI FA UN CALCOLO E CI DICE TRAMITE UN RICERCATORE TRAVESTITO DA INDIE CON LE ALLSTAR CHE SU LA LUNA DI SATURNO IL LIVELLO DEL BIONDO LIQUIDO AVREBBE COLMATO TUTTA LA SUPERFICIE.
SIAMO CONTENTI DI AIUTARE LA RICERCA E SE POTESSIMO PAGHEREMMO PER UNA SETTIMANA DI BEAUTYFARM CON ANNESSO RICAMBIO DEL SANGUE STILE MICK JAGGER E KEITH RICHARDS MA SIAMO IN PERIODO DI PIENA AUSTERITY E QUINDI ANDIAMO AVANTI TENENDOCI I NOSTRI HANGOVER E I NOSTRI DOLORI POST SKATE DA NON PIÙ TEENAGER MA NEANCHE “TWENTAGER” (SEMMAI SI POSSA DIRE).
PER DOMANI CONDIVIDEREMIO CON FONZIE L’UFFICIO.
ASPIRAINA PLEASE TAKE ME HOME.

A QUANTO PARE MIKI E SOCI SON FINITI A BALLARE SU UN CUBO IN UN NOTO LOCALE TRISESSUALE DI GONNOSTRAMATZA, HANNO POI DONATO I LORO CORPI SOTTO SPIRITO AL MUSEO EGIZIO DI TORINO.
TUTTO QUESTO MENTRE NOI CERCAVAMO DI FAR CALMARE GLI ATTIVISTI DI GREENPEACE CHE ALL’USCITA DEL BAR VOLEVANO BASTONARCI CREDENDO (GIUSTAMENTE) CHE FOSSE COLPA NOSTRA DELLO SPIAGGIAMENTO DI BALENOTTERE ZEBRATE E DELFINI DALLA TESTA QUADRATA SUL LITORALE DI PLATAMONA.
LI MANDIAMO A DISCUTERE COL PADRONE DEL LOCALE.


Nelle diapositive : a) Locandina della serata del Vintage soggetto molto “vintage” come i componenti delle ripettive bands
b) I Padrini in barba al comune senso del pudore sfoggiano panze nude e tattoos mentre si danno al punkrock
c) Sembra un Serial Killer, in realtà è John Zorn
d) Caro Amaro Montenegro, quante belle serate passate in tua compagnia che non ci ricordiamo
e) Ecco cosa ci vuole per il tuo raffreddore, mal di denti, ceccio galattico da imbriagghera furibonda
f) Noi e Keith Richards, unica cosa in comune l’hangover superpower

CI TOCCA POI DI LUNEDÌ POMERIGGIO A PORTO FERRO PER L’IMMANCABILE PASQUETTA RANDAGIA: I RODEOS SUONANO INSIEME A MOLTE BAND, TRA TUTTE: 549, SHOGGOTH, UNA BAND CHE SUONA LE COVER DI MICHAEL JACKSON E UN’ALTRA CHE STUPRA “BORN TO BE WILD” DEGLI STEPPENWOLF OGNI ANNO.
DALL’ALTRA PARTE DELLA SPIAGGIA DJ SETS E RAGGAE ZONE PER I PASTICCOMANI.
QUALCUNO SURFA IN SOLITUDINE, QUALCUNO SI BEVE LA LEGITTIMA QUALCUNO SI FUMA L’IMPOSSIBILE, COMPLETA TUTTO UNA PASSATA DI ‬PUNKABBESTIA COI CANI, QUALCUNO HA ANCHE FIGLIATO RISPETTO ALL’ANNO SCORSO (PERSONE, CANI, SURFISTI).
OH YES!
APPENA ARRIVATI IL MITICO GIASCAMO DI SOSSU CI FA UNA RECENSIONE DELLA SERATA AL VINTAGE CON UNA RICHIESTA PER L’ODIERNA : “MÌ NUN FEDDI L’ASCAMO CUMENTI A LU VINTAAAAGE”.
CE LA DOBBIAMO FARE A PIEDI PERCHÉ LA DIVISONE D’ASSALTO DELLA COMPAGNIA BARACELLARE, CORPO DI ÉLITE PER LA LIBERAZIONE DEGLI OSTAGGI NEI BAR CON COMPITI DI MONITORAGGIO E TASK FORCE NELLE ARROSTITE HA BLOCCATO L’IGRESSO ALLE AUTOVETTURE.
COME UNA CAROVANA DI PROFUGHI ARRIVIAMO AL BARETTO SULLA SPIAGGIA, TUTTO CIÒ CHE VOGLIAMO C’È: BEL TEMPO, MARE, BIRRETTE, L’ATMOSFERA DA WOODSTOCK DEL DISCOUNT, IMMANCABILI RESIDUATI BELLICI DI OGNI MODA/TENDENZA/DISAGIO DEGLI ULTIMI 20 ANNI, RAGAZZE, RAGAZZE MEZZO NUDE, RAGAZZE QUASI NUDE, RAGAZZE CHE SI DOVREBBERO COPRIRE, ALTRA BIRRA, BUONA MUSICA.

COME IMMAGINAVAMO C’ERA GENTE TALMENTE A UNA MINA DA AVER FINITO ANCHE GLI AIUTI DEL PUBBLICO E LA TELEFONATA A CASA, TAGLI DI CAPELLI DIABOLICI, QUEST’ANNO IL TATTOO SUL CANE VA PER LA MAGGIORE COME FARSI UN FIGLIO PER AVERE ALTRA PELLE DA TATUARE.
UN ‬PUNKABBESTIA CON QUATTRO TAGLI DIVERSI DI CAPELLI PER PARTE DEL CRANIO MI CHIEDE UNA CARTINA, UNA CONSONANTE E UNA VOCALE PER COMPLETARE OGNI FRASE.
ANDIAMO ALLA GRANDE.
LA PAROLA DA COMPLETARE PER VOI DA CASA È NOVE VERTICALE, SETTE LETTERE, “STATO MESSICANO LA QUALE CAPITALE NONCHÉ CITTÀ PIÙ GRANDE È TUXTLA GUTIÉRREZ”.

SEMBRANO LE SCENE FINALI DI UNA BATTAGLIA DEL D-DAY, VICINO ALLA SPIAGGIA GENTE CHE BARCOLLA, TENDE CON QUALCUNO CHE AIUTA QUALCUN’ALTRO, LIQUIDO ROSSO (VINO) DAPERTUTTO, C’È CHI URLA, CI SONO QUELLI AI CANNONI.
POI SCIMMIE.
SCIMMIE DAPERTTUTTO, SCIMMIE AL BAR, GENTE CON SCIMMIE SULLE SPALLE, GENTE CHE PARLA CON SCIMMIE, SCIMMIE PARLANTI, QUALCUNO CHE PARLA DI SCIMMIE CON SCIMMIE.
SALVATE IL SOLDATO TARZAN.

CI PARTONO SUBITO SUBITO QUATTRO O CINQUE BIRRE DEMONIACHE CHE IL PRODE DJ TORE RADIO NOVA SEMPRE PRESENTE A QUESTI MONDANI EVENTI CULTURALI, SFODERA DA UNA SACCAFRIGO SENZA FONDO.
STIAMO COLLEGANDO LE VARIE SERATE PASSATE TRA UN PARCHEGGIO E L’ALTRO, ATTACCANDO LOCANDINE E ASCOLTANDO IL SECONDO DEI LED ZEPPELIN, RIAGGANCIO DEI COMPONENTI IN CORSO (E DELL’IMBRIAGGHERA).
IN QUESTO ASSOLATO POMERIGGIO DEL 1975 SI SOLLEVANO AEREI SUL VIETNAM, MUSICA DEI DOORS IN SOTTOFONDO.
PREVEDIAMO DOMANI MAL DI TESTA AL NAPALM.
SHOGGOTH, HEAVY METAL E BIRRE PER TUTTI.

SUONIAMO, DJ MERLINI E LU PROFETA, DUE GIOVANI ERASMUS PAKISTANI REGOLANO IL SUONO SUL PALCO…
MANDOLINO, BIRRE E SCIARPE LEOPARDATE STILE STEVEN TYLER.
ANCORA DI QUESTO PASSO E AVREMO LE SUE DITA DEI PIEDI MA NON I SUOI SOLDI.
MENTRE SUONIAMO SEMBRA DI VEDRE LE SCENE TAGLIATE DA “THRILLER” DI MICHAEL JACKSON, ZOMBIES CON LA FELPA SQUAQUARAQUATA DA BIRRA E OCCHI PESTI IN GLORIA COME QUELLI DA ESTASI DI SANTA ELISABETTA.
SUONIAMO “BORN TO BE A SURFER” CON I SURFISTI, MINI SURFISTI E MAI STATI SURFISTI.
GENTE APPESA SULLE TRAVI DEL PORTICO DEL BARETTO CHE CROLLERANNO SOTTO IL PESO DI PACHIEDERMI FUORI CORSO ALL’UNIVERSITÀ DURANTE L’ESIBIZIONE DEI 549.
QUALCUNO CI PASSA UNA BOTTIGLIA COL TAPPO IN SUGHERO CON DENTRO DEL VINACCIO, MEGLIO BERLO SUBITO PRIMA CHE DIVENTI ACETO.
FINIAMO DI SUONARE, SCONVOLTONI DALLE SCOGLIERE CASCANO COME SUICIDIO DALLA SCOGLIERA STILLE LEMMINGS OGNI ANNO, STRAFATTONI DELLA ZONA RAGGAE FANNO L’AMORE CON I LORO CANI, I PUSHER E I VETERINARI FANNO AFFARI D’ORO.
LA PROSSIMA PASQUETTA CI SARANNO TANTE CARROZZINE PIENE DI BIMBI CON LA TESTA DI CANE E CORPO D’UOMO O IL CONTRARIO, COME MINOTAURI O CENTAURI MODERNI.
SEMBRA UNA PUNTATA DEL NATIONAL GEOGRAPHIC, NEBBIE AL PROFUMO DI JAMAICA SALGONO AL CIELO MENTRE IL SOLE COLLASSA IN SPIAGGIA, COME IL FRINIRE DI GRILLI LO SMANDIBOLAMENTO DI PASTICCOMANI PRODUCE SUONI DI BRUXISMO CHE GLI RENDERANNO I DENTI PICCOLI COME QUELLI DI CARPE DI FIUME.
LA NATURA SCONVOLTONA ANCORA UNA VOLTA HA DATO SPETTACOLO, COME SEMPRE A CADENZA DELLE FESTE COMANDATE.

MENTRE FACCIAMO ZIG-ZAG TRA CORPI DI GENTE STRAMAZZATA AL SUOLO PER IL TROPPO DIVERTIMENTO, NOTIAMO CHE QUALCUNO TENTA DI APPROFITTARE DELLA SITUAZIONE ACCOPPIANDOSI CON DUNE DI SABBIA, ALBERI, RUOTE DI SCORTA E ENTITÀ ASTRATTE.

PUZZA DI PANNOLINI, PIEDI, RIPIENO DI DREAD, PANINO ALLA MELANZANA E ALITO DI PASTICCOMANE È IL PROFUMO DELL’ESTATE.
QUEST’ANNO IL PANTALONE PISCIATO SARÀ UN MUST, ORAMAI LA MODA È STATA LANCIATA, MA MAI PORTARLO CON LA FELPA SBRODOLATA O LA MAGLIETTA VOMITATA, SI RISCHIA DI FARE LA FIGURA DI QUELLO CHE CI TIENE TROPPO AL LOOK E ABBINA LE COSE.
BISOGNA ESSERE PIÙ CASUAL.

NOI, BEVENDO ACQUA DI FONTE COME SE FOSSE CHAMPAGNE, BRAMANDO LA POLTRONA E UNA PLAYSTATION SALVI E QUASI SANI DOPO LA DAMNATIO AD BESTIAS ET AD METALLA DELLA PASQUETTA RANDAGISSIMA DI IRON HARBOR
VI SALUTIAMO FACENDO GOAL DA CENTROCAMPO.

PER LA VISIONE DEI VIDEO, ANDATE SUL CANALE YOUTUBE DEI RODEO CLOWN: http://www.youtube.com/user/joerodeoclown
PER LE FOTO E LE MINCHIATE VARIE ANDATE SUL NOSTRO PROFILO FACEBOOK E CONSIGLIATELO A QUEGLI STRONZI DEI VOSTRI AMICI:
RODEO CLOWN FACEBOOK
PER IL RESTO CI SI VEDE IL 5 DI MAGGIO AL BEAT 61 DI HARBOR TOWERS!
RODEOCLOWN LIVE:
E POGGU SEMMU ANNI ‘90.
ANCHE A VOI SEMBRA CHE SIANO PASSATI SOLO CINQUE SEI ANNI DALLA MORTE DI KURT KOBAIN? SU TIVVÙ SORRISI E CANZONI ALBA PARIETTI HA ANCORA 41 ANNI E CESARE CREMONINI 21?
INDOSSATE ANCORA LE TUTE IN ACETATO DI COLORI IMPROBABILI CHE RISCHIANO DI PRENDERE FUOCO QUANDO CORRETE?
ANCHE NOI.
DOPO ESSER CADUTI DENTRO LITRI DI BIRRA RADIOATTIVA I RODEOCLOWN LENTI COME TARTARUGHE RISPETTO AI TEMPI CHE CORRONO ORA E CHE CORREVANO TEMPO FA SI TRASFORMANO IN NINJA MUTANTI ESPERTI DI DISCIPLINE ORIENTALI COME IL RISTORANTE CINESE, L’UKULELE E LA PIZZA FREDDA MANGIATA DAL FRY-GOH IN PY-HE-DIN.
I VOSTRI BALDI EROI CONTINUANO A PORTARE ZAINI INVICTA COME NEI TERRIBILI ANNI DELLE SUPERIORI E AD INDOSSARE LE STESSE CALZATURE CON IMMAGINABILI TRASFORMAZIONI E SUPERPOTERI DATI DA CALZINI DI SPUGNA DOTATI DI VITA PROPRIA.
LA LOTTA CONTRO IL MALE E LE MODE MUSICALI DEL MOMENTO AVVERRÀ STAVOLTA AL BEAT 61 A POSTHUDORRA.
VI ASPETTIAMO CON QUALCHE CIMELIO DEL PERIODO.
UNA MAGLIA DI JOVANOTTI, LE REEBOK PUMP, UN TAGLIO DI CAPELLI AFRO STILE PRINCIPE DI BEL-AIR.
OH YES!


Nelle diapositive : a) Se individuate il bradipo appeso potrete vincere una felpa sbrodolata
b) Da quando ho ricordi su questo pianeta la pasquetta si svolge sempre sotto questa bandiera
c) In sbrodolation we trust
d) Steven Tyler aspetta la fatina dei denti o il topolino dopo una pasquetta randagia coi Rodeos
e) Tony Zebrato
f) Il “periodo blu” dei Rodeo Clown a pasquetta