DARWIN SI SBAGLIAVA DI GROSSO, “SUPERMAN” AL PUGNOMETRO, IL DEATH METAL E LA MEMORIA SELETTIVA

30, Jul, 2011

IMMAGINATEVI IL PIU’ SPERDUTO ANGOLO DI PERIFERIA DELLA VOSTRA CITTA’.
IMMAGINATE SABBIA, ACARI, BUSTE DI MONDEZZA E QUALCHE CIUFFO DI ERBACCIA QUA E LA’.
ECCO NOI DOVEVAMO SUONARE NELLO SPIAZZO DOVE DI SOLITO A CADENZA STAGIONALE SOSTA LA GIOSTRA O IL CIRCO.
LA GIOSTRA ITINERANTE DELLA NOSTRA ISOLETTA È UN RICETTACOLO DI ANIMALI DA CORTILE, UNA SPECIE DI SPENNATI GALLETTI DI PERIFERIA CHE SI CHE SI SFIDANO IN PROVE DI ABILITÀ E DI DESTREZZA, TRA LE QUALI LA PIÙ ARDUA TRA GLI ASPIRANTI “MASCHI ALPHA” È IL “PUGNOMETRO“, ALCUNI DI QUESTI, I PIU’ IMPAVIDI, LO FANNO ADDIRITTURA CON LA TESTA NON CON IL PUGNO.

IL PIU’ GANZO DI QUESTI TROGLODITI GUADAGNA IL RISPETTO DEGLI ALTRI DEL CLAN, QUINDI PUO’ BERE DAL TESCHIO DEI PROPRI NEMICI E GLI VIENE DATA LA POSSIBILITA’ DI ACCOPPIARSI CON QUALCHE AMBITA E FINISSIMA DONZELLA CHE LO RICHIAMA CON LO SCOPPIETTIO INSISTENTE DI CHEWING-GUM.
A CORONAMENTO DI QUESTO RITO DI SOLITO C’E’ IL FURTO DI UN MOTOVEICOLO COL QUALE PERCORRERE PIU’ STRADA POSSIBILE AD UNA RUOTA.

PRATICAMENTE E’ UN ESEMPLARE DI “MONDEZZINO” (Gaggius Mondezzinus)(LEGGI RAGAZZINO-MONDEZZA SPECIE DI COATTO MADE IN SASSARI).
TALE ANIMALE NON TEME L’ESTINZIONE.

IMMAGINATE LA SCENA:
CAPPELLO APPENA POGGIATO SUI CAPELLI, CASCO APPENA POGGIATO SUL CAPELLINO, UNA FACCIA DA IDIOTA DA COMPETIZIONE, SOPRACCIGLIO DEPILATO, CON UNA MANO PIENA DI SANGUE, ARRIVA AL BANCONE DELLA PIZZERIA DOVE SIGN. FRANCOPIZZAFLASH SPALMA IL SUGO SU UNA PIZZA CON UNA MAESTRIA CARAVAGGESCA.

A SIGNORFRÀ A CE LI HA DEI FAZZOLETTI CHE NE HO FATTO “SUPERMEN” AL PUGNOMETRO? …GAZ!
(IL GIOCO AVEVA VARI LIVELLI DA MACHO, IL PUGNO PIÙ FORTE ERA, PER L’APPUNTO, IL LIVELLO SUPERMAN)

DARWIN SI SBAGLIAVA. E DI GROSSO PURE L’EVOLUZIONE NON ESISTE.

RITORNANDO A NOI, IL POSTO DEL LIVE ERA IN PERIFERIA, STERMINATO, PALCO BELLO GRANDE, MOLTISSIME BANDS, STRUMENTAZIONE D’ECCEZIONE, LUCI INCREDIBILI (TUTTI I COLORI PRIMARI), ERA L’AMBITISSIMO CONCERTO DEGLI STUDENTI.
DOPO UN ANNO CI AVEVANO RICHIAMATO.
FELICITA’ GAUIDIO E INCONTENIBILE CONTENTEZZA.
CI DAVANO ANCHE L’ORARIO CLOU, L’IMBRUNIRE.
IL VINO DI TISSI GRIDAVA ALLA CONQUISTA DEL MONDO DAI NOSTRI ZAINI.

MA IL PROBLEMA ERA CHE PEDRO (IL DRUMMER) NON NE VOLEVA SENTIRE DI SUONARE AL CALARE DELLA SERA (CHE DA CHE MONDO E’ MONDO DA’ SEMPRE UN TOCCO DI QUEEN AT WEMBLEY) E NON CI PENSAVA MINIMAMENTE DI TRATTENERSI PIU’ DEL POSSIBILE.
NON VOLEVA PARTIRE PER LE SUE VACANZE A STINTINO AD UN ORARIO TROPPO TARDO.

STIAMO SCHERZANDO?…E CHE CAVOLO, DOVEVA ANDARE A PRENDERE LA RAGAZZA, PIAZZARE LA TENDA…

GLI DICIAMO “MA NO DAI E’ IL CONCERTO DELLA VITA…” “PENSA CHE MAGARI QUEL METALLARO CHE SEMBRA JAMES HETFIELD IN REALTA’ E’ JAMES HETFIELD E STA CERCANDO UNA NUOVA BAND ALLA QUALE FARE APRIRE IL TOUR CANADA-USA-BANGLADESH DEI METALLICA PROPRIO QUA…”

INUTILE DIRE CHE CI RISPONDE CON UN SECCO NO, HA IL TEMPO CONTATO, IL MARE, LA TINTARELLA, LE ZANZARE, LA SUA PANDA GRIGIA DIESEL CON VENTIMILALIRE DI AUTONOMIA, LE TROMBATE IN TENDA CON LA SABBIA CHE TI SI INFILA NEL CULO…
QUESTE COSE LO CHIAMANO.
ANZI E’ GIA’ TARDI.

IL BELLO E’ CHE IL DRUMMER CI RIPRENDE.
SI’ CARI AMICI MIEI CI STIAMO GIÀ ATTEGGIANDO DA ROCKSTAR E NESSUNO CI CONOSCE, NON FAREMO MOLTA STRADA, CI SONO PROPRIO TUTTI I PRESUPPOSTI, PER ANDARE A PIEDI.
OK, VA BENE SUONEREMO UN PO’ PRIMA, MAGARI PER TERZI O PER SECONDI. IL CONCERTO PERÒ PARTE AD UN BECERO ORARO POST-PRANZO, CON UN CALDO FOTONICO, L’IDEALE PER UNA SIESTA ALL’ANGOLO DELLA STRADA DI UN VILLAGGIO WESTERN. ANDREBBE BENISSIMO SE CI CHIAMASSIMO “LOS PAGLIACCIOS DEL RODEOS“, SE GIÀ CI CRESCESSERO I BAFFI E SE AVESSIMO UN SOMBRERO IN TESTA.
COSI’ NON E’.
NON ABBIAMO NE’ BAFFI NE’ SOMBRERO.

CERCHIAMO DI FAR RAGIONARE IL BATTERISTA SUL FATTO CHE SE SUONIAMO AD UN ORARIO PIÙ CONSONO, POTREBBE ESSERCI ANCHE QUALCUNO AD ASCOLTARE, MAGARI NON PROPRIO IL FRONTMAN DEI METALLICA, MAGARI NON SALVETTI DEL FESTIVALBAR, MA ADDIRITTURA QUALCHE RAGAZZA, SOTTOLINEO “QUALCHE RAGAZZA!!
“DAI FALLO PER I NOSTRI POLSI ROTTI E PER LA VISTA CHE CI CALA VERTIGINOSAMENTE AD OGNI PUNTATA DI BAY WATCH”.
COSTANTINO, L’ALTRO CHITARRISTA, NON DICE NULLA, COME LA RUSSIA ALL’ONU, NON SI SCHIERA MAI, TANTO TORNERA’ COMUNQUE IN TEMPO A CASA PER DARSI AL BRICOLAGE ESTREMO DI SCATOLE DI LEGNO O METTERSI A SPALMARE CERA SU UNA TAVOLA DA SURF CHE NON VEDRA’ MAI IL MARE.
E’ IMPOSSIBILE, ORAMAI E’ FATTA SUONIAMO ALLE CINQUE DEL POMERIGGIO.

DISPERATI CI BUTTIAMO IN UN ANGOLO DI OMBRA CHE E’ PIENO DI METALLARI SUDATI, COME UNA POZZA D’ACQUA FANGOSA NELLA VALLE DEL SERENGETI E’ AFFOLLATA A DISMISURA DI GNU E ZEBRE, ECCO, GNU E ZEBRE SI SAREBBERO LAMENTATE PER L’ODORE DI SUDORE DEI CAPELLONI CHE PERO’ NEL CONTEMPO TENEVA LONTANI GLI SCIACALLI E LE IENE.
L’ORGANIZZAZIONE CI PORTA DELLE BIRRE CHE NON APPENA TOLTE DALLE SACCHE FRIGO INIZIANO A BOLLIRE, SE CI BUTTIAMO DEI BISCOTTI DENTRO POSSIAMO FARCI LA COLAZIONE.

SONO CALDE DA FAR SCHIFO.
MA NOI SIAMO DEI DURI.
E DEI PUZZINOSI.
LE APRIAMO E LE BEVIAMO LO STESSO.

OCCHIALI DA SOLE CON UNA LENTE ROTTA, CAMICIA APERTA STILE MAGNUM P.I. (MA SENZA PELI SUL PETTO) TRINCHIAMO LE BIRRETTE E ASPETTIAMO CHE LA GENTE ARRIVI.
LA GENTE STRANAMENTE ARRIVA, FORSE PENSANDO CHE OLTRE LA SABBIA LI’ VICINO CI SIA ANCHE IL MARE… ECCOCI, TUTTI I CINGHIALI SONO SOTTO IL PALCO, CINGHIALS ON THE SAND, NON MOLTI MA INIZIANO AD ARRIVARE.
SARA’ IL CALDO, SARA’ LA BIRRA CALDA, SARA’ CHE SIAMO QUI DALLA MATTINA, SALIAMO SUL PALCO CHE VEDIAMO DOPPIO, WOW UNA TRENTINA DI PERSONE.
QUINDI CI SARANNO STATI SI’ E NO QUINDICI PERSONE IN MEZZO AL DESERTO DEL NEVADA.

SOPRA LE NOSTRE TESTE VOLTEGGIANO AVVOLTOI “RAGAZZI, INIZIAMO A SUONARE SENNÒ CI PIOMBERANNO ADDOSSO PENSANDO CHE SIAMO MORTI.”, IN LONTANANZA VEDO DELLE PALME E RAGAZZE SEMI NUDE CHE STAPPANO BIRRA… NON SONO RAGAZZE, SONO METALLARI ORRENDAMENTE A PETTO NUDO.
VORREI TORNARE A CASA.

SI PARTE, URLIAMO E RUTTIAMO PER VENTI MINUTI MASSIMO, MENTRE SUONIAMO SI ALZA UN POLVERONE, UN MORTO E QUATTRO DISPERSI, DUE SONO STATI RITROVATI NEL PAESE DI OZ UNO VESTITO DA DOROTHY E UNO DA TOTO, IL CANE.
PARTE IL MAL DI TESTA CON SUDORE STILE ATTACCO CARDIACO, MALEDETTE BIRRE DEL DISCOUNT BOLLENTI!

FACCIAMO TUTTE LE CANZONI ATTACCATE, MI STO PISCIANDO ADDOSSO, UN ALTRO DISPERSO S’E’ MESSO AD ADDESTRARE CAMMELLI, FINIAMO I NOSTRI BRANI CON ACCENDINI, TAPPETI IN MANO E UNO CHE SUONA I BONGHI.
VORREMO SALUTARE IL PUBBLICO DI TUAREG CHE COSTRUISCE CASTELLI DI SABBIA E SOTTERRA UN MORTO MA VEDIAMO GIÀ PEDRO SULLA PANDA CHE PARTE A VELOCITA’ GALATTICA VERSO NORD IN COSTUME DA BAGNO CON FANTASIA HAWAIANA A FIORI CHE NON CELAVA UNA EVIDENTISSIMA EREZIONE TAURINA.

MENTRE SCENDIAMO DAL PALCO UN PAIO DI METALLARI CI SI AVVICINANO IN MEZZO ALLE DUNE DI SABBIA, UNO CI CHIEDE QUANDO DOBBIAMO INIZIARE A SUONARE, L’ALTRO VOMITA.
IL NOSTRO PUBBLICO!

LA SERATA PROSEGUE CON UNA EPICA PERFOMANCE DEI “MASTURBELLI“, GEMMAZIONE INCESTUOSA DEI JACK & SPINOTTO.
INSULTANO UN UBRIACO MOLESTO CHE NON ERA UNO DI LORO, UN VECCHIO CHE RAGLIAVA QUALCOSA DI INCOMPRENSIBILE DA SOTTO IL PALCO, FORSE CHIEDEVA UN PUGNOMETRO PER IL FIGLIO.
IL MIGLIORE ERA L’INDIANO, IL FONICO CHE CANTAVA CON NOI DIETRO IL PALCO CANZONI DEGLI IRON MAIDEN CON UNA BIRRA IN MANO TIPO MICROFONO, CI DA’ UNA MANO A FINIRE LE BIRRE ORAMAI DIVENTATE SOLIDE DOPO L’ENNESIMA BOLLITURA AL SOLE.
IL CONCERTO ORAMAI NON ESISTE PIU’ SIAMO IN BALIA DEI BARBARI.
IL MIXER ORAMAI E’ PREDA DI CHIUNQUE VOGLIA CIMENTARSI COI SUONI FACENDO DELLE BAND SUL PALCO INVOLONTARIE CAVIE PER SUONI CLAMOROSI.

LE TRUPPE CAMMELLATE INGLESI CI RIPORTARONO A CASA DOPO AVERCI FATTO VISITARE LA PIRAMIDE DI CHEOPE CHE DISTAVA DAL PALCO POCHI PASSI.
ENTRIAMO AL CAIRO TRA UN TRIPUDIO DI FOLLA, COUS COUS, THE ALLA MENTA E KEBAB GRATIS, SPLENDIDE ODALISCHE CI CINGONO IL COLLO CON COLLANE DI PETALI DI FIORI.
MAGARI.
CI RISVEGLIAMO IN UNA RENAULT 11 PIENA DI LATTINE DI BIRRA VUOTE DI MARCA IGNOBILE, EMANIAMO UNA PUZZA DI GATTO MORTO IN MANIERA VIOLENTA, MENTRE I RAGAZZI SI ALZANO PER ANDARE A SCUOLA, CI PASSANO A FIANCO SPAVENTATISSIMI.
SGUARDI DI DISGUSTO E DISAPROVAZIONE.
I NOSTRI RUTTI LEONINI LI ACCOMPAGNANO SINO ALLA SOGLIA DEGLI ISTITUTI.
CORRETE A STUDIARE RAGAZZI SENNÒ FINIRETE COME NOI SUBITO, NON DOPO LE SUPERIORI, COME SARA’ SICURAMENTE.

Nelle diapositive:
a) La locandina con Boozie the Clown presagiva già intenti bellici prima del concerto
b) Il folto pubblico durante il concerto dei Rodeos alle 5 del pomeriggio del 31 agosto 1999 d.C.

AVEVAMO INIZIATO A SUONARE UN PÒ DA TUTTE LE PARTI NELLA ZONA LIMITROFA DELLA NOSTRA CITTÀ. LE OCCASIONI ERANO POCHE VISTO CHE LOCALI PER SUONARE NON CE N’ERANO, MA SOPRATTUTTO ERA ANCHE POCO REALE CHE CI DESSERO CREDITO VISTO LE CONDIZIONI NELLE QUALI CI PRESENTAVAMO NEI VARI POSTI PER RICHEDERE UNA SERATA.
SE POI CI DAVANO LA POSSIBILITA’ DI ESIBIRCI SE NE PENTIVANO SUBITO DOPO.
LA MAGGIOR PARTE DEI CLUB FACEVA SUONARE DINOSAURI CHE PROPONEVANO DELLE COSE OSCENE CON LA CHITARRA SENZA DISTORSIONE, SI ACCOMPAGNAVANO CON LE BASI DEL COMPUTER.
TIPICO DISCORSO ERA”CHE MUSICA FATE?”… E NOI :”PUNK ROCK“…
“…COSA? QUELLO CON LE CRESTE E I PANTALONI STRAPPATI?”… “NO QUA NOI FACCIAMO IL BLUES E IL ROCK, SENZA BATTERIA“… “QUANTA GENTE PORTATE?” “TRE ORE LE TENETE?”
LE FIGURE DI MERDA ERANO ALL’ORDINE DEL GIORNO.
CERTO AVEVAMO A CHE FARE CON OMINIDI CHE A STENTO MANTENEVANO LA POSIZIONE ERETTA, QUINDI FIGURIAMOCI FARGLI CAPIRE CHE IL PUNK ROCK NON ERA IL BAMBINO CHE GIRAVA PER LA STRADA A CARNEVALE CON I PASTICCI FATTI DALLA MAMMA COL ROSSETTO BLU SULLA FACCIA.
MA UN DISCO CE L’AVEVANO A CASA?
CHISSA’ CHE CAZZO AVEVANO IN TESTA.
MA NEGLI ANNI SETTANTA CHE CAZZO HANNO FATTO QUESTI, A PARTE BERSELI?

BEH SE IL LOCALE DA MUSICA LIVE NON ESISTEVA, C’ERA SEMPRE LA POSSIBILITA’ DI SUONARE NELLE SCUOLE, SE GLI ALTRI GRUPPI CE LO PERMETTEVANO…
EH SI PERCHÉ AI TEMPI C’ERA UNA CERTA RIVALITA’ FRA I GRUPPI.
NON SCHERZO, NESSUNO SUONAVA DA NESSUNA PARTE, MA SOLO IL FATTO DI ESSERE UNA BAND ERA GIÀ COSA COMPETITIVA.
PUR DI NON FARTI SUONARE C’ERA GENTE CHE AVREBBE FATTO SALTARE LA PROPRIA SERATA.
O SOLO LORO O NESSUNO.
MA POI VOI RODEO CLOWN NON SIETE SERI.

DIVERSE VOLTE C’ERA CAPITATO DI VEDERE ANNULLATA LA NOSTRA PERFORMANCE DURANTE LA SERATA PER MOVIMENTI DI PERSONAGGI E MUSICISTI VICINI ALLE ORGANIZZAZIONI STUDENTESCHE CHE NON VOLEVANO CHE NOI O I JACK & SPINOTTO SUONASSIMO.
VI CHIEDERETE: “PERCHÉ?” E ANCHE: “CHI CAZZO SE NE FREGA“, E IO VI DIRÒ “BOH“.
AVEVANO PAURA PERCHÉ AVEVANO CAPITO CHE ERAVAMO LE BANDS MIGLIORI DEL MONDO? NOI PRIMI, I JACK & SPINOTTO SECONDI?
FORSE LA MIGLIORE RISPOSTA E’ CHE ERAVAMO E SIAMO DEI COGLIONI A TRAZIONE INTEGRALE.

EH SI,
AVEVANO PAURA DELLA COMPETIZIONE (NELLE SCUOLE? ), INVIDIA?
DI COSA?
SAPEVANO CHE IL NOSTRO ROCK AND ROLL ERA PIÙ GROSSO DEL LORO?
CHI LO SA?
COMUNQUE ERA DIFFICILE SUONARE, ANZI ERA PIÙ FACILE VENIRE INSULTATI DALLE RAGAZZE DEI METALLARI, “ALCOOLIZZATI… FINOCCHI!!!” SPINTE DALLA FRUSTRAZIONE DEI LORO COMPAGNI, LE SIGNIORINE CI ODIAVANO IN QUANTO NON ANCORA CAPELLONI, MA CON SEMPRE PIU’ CAPELLI IN TESTA DEI LORO “BOYFRIENDS”, IL CHE COMUNQUE FA PARTE DEL MONDO “METALLARO“.
ALLA FINE CI RITROVAVAMO AD AVERE DISCUSSIONI, SOPRATTUTTO CON I COMPONENTI DEI GRUPPI DEATH METAL

DEATH METAL?
…EBBENE SI, ESISTEVANO CODESTI PERSONAGGI, MA PIÙ CHE SUONARE SI DAVANO VERAMENTE E SOLO AL MAKE-UP COME I KISS MA VENT’ANNI DOPO, SENZA LA STESSA STOFFA, DAVANTI AI PROF DELLE SUPERIORI.

SI, PRIMA DI RICICLARSI IN QUALCHE GRUPPO HC LOCALE, C’ERANO E ROMPEVANO I COGLIONI.
NON SO PERCHÉ. CI SALUTAVANO PURE. I RODEO ERANO IL LORO BERSAGLIO PREFERITO.
TRE O QUATTRO BAND DEATH METAL, IGNOBILI, ADDIRITTURA ERANO NERD PIÙ DI NOI, CERTE FACCE MOSTRUOSE… DEVASTATE DA SCHIERE DI BRUFOLI ATOMICI CHE SI INSIDIAVANO E PULSAVANO NELLE FRONTI SUDATE COPERTE DA CAPELLI CHE SEMBRAVANO PELI PUBICI MOLTO LUNGHI, AVETE PRESENTE QUEL RICCIO NON RICCIO SUDATICCIO CHE FA MOLTO PUBICO?
ECCO, QUELLO.

PENSAVAMO CHE NON FOSSE NORMALE QUEL MIX DI SFIGATI NELLO STESSO POSTO.
TROPPI MOSTRI TUTTI INSIEME ERA IMPOSSIBILE ANCHE PER UN HAPPENING NELLA FORESTA NERA AD HALLOWEEN O IN TRANSILVANIA UN VENERDI’ DICIASETTE; L’UNICA ERA CHE SI FOSSERO CONOSCIUTI DOPO UN INCIDENTE STRADALE, TUTTI NELLA STESSA CORSIA, LETTI VICINI.
PIACERE TIZIO.
PIACERE CAIO.
FORMIAMO UN GRUPPO.
BRUTTI, SPORCHI, SOGGETTI DI PRIMA CATEGORIA, MA CON VELLEITA’.

MITICI ERANO QUELLI DI UNA BAND CHE NON FACEVANO ALTRO CHE INSULTARCI; POI DOPO LO SCIOGLIMENTO DEL GRUPPO (CHE EVIDENTEMENTE AVEVA UN TALE SUCCESSO DA COMPROMETTERE SALUTE FISICA E MENTALE DEI COMPONENTI), UNO DEI MEMBRI E’ FINITO IN MANICOMIO, UNO HA RIFONDATO IL PARTITO NAZISTA, UNO SCRIVE LIBRI SULLE INVASIONI ALIENE E L’ULTIMO HA VENDUTO L’ANIMA AL DIAVOLO PER TENERE LA FOLTA CHIOMA IN TESTA, COSTUI APPARE COME DAL NULLA CON MESTOFELICA PRESENZA A QUALCHE CONCERTO DELLA ZONA CON UN SORRISO TERRIFICANTE MA ANCORA CON TUTTI I CAPELLI ROSSI IN TESTA (NON SCHERZO).

COSE ELIMINATE IN UN BOTTO DALLA PERFOMANCE DEL MITICO CHE ENTRATO IN CHIESA ALLE SETTE DI MATTINA, DOPO UNA NOTTATA PASSATA A BERE COME UNO SQUALO AVEVA SCHIAFFEGGIATO IL PRETE, S’ERA MESSO A BESTEMMIARE AL MICROFONO E NON CONTENTO AVEVA MOSTRATO IL PEPPO ALLE STUPEFATTE VECCHIE PRESENTI ALLA FUNZIONE.
UN SUO AMICO S’ERA LIMITATO A LAVARSI LE ASCELLE NELL’ACQUA SANTIERA.
ARTICOLO SUL GIORNALE, ARRESTO PER RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE.
RICEVETTE UN GRANDE ENCOMIO IN POMPA MAGNA DEI METALLARI RIUNITI IN SEDUTA SPECIALE AI GIARDINETTI PUBBLICI, SEDUTI SULLE SPALLIERE DELLE PANCHINE STAPPARONO BIRRA DEL DISCOUNT.

DICEVAMO… AVEVAMO GIÀ AVUTO DIVERSI PROBLEMI PER LE LOCANDINE, PER INSULTI VARI, VELATI E NON, AL DJ ICONA LOCALE CHE POI DOPO ANNI FINALMENTE CI HA PERDONATI.
DOPO INSULTI RECIPROCI L’AMORE TRIONFA SEMPRE.
LOVE, BEER AND PISS!

HA A CHE FARE CON DEI COGLIONI… CHE CI VOLETE FARE?
POI, CERTE PUNK BAND CHE SI SENTIVANO DEPOSITARIE DEL VERBO “PUNK ROCK” CI INCOLPAVANO DI ESSERE MOLTO “POP“, TROPPO “ROCK“, NIENTE DI “GRUNGE“, ZERO “HARDCORE” E MOLTO “SBRONZ“.
PRIMA, DURANTE E DOPO I LIVE.

AVEVAMO SUONATO IN VARIE SERATE CON “CONTEST” MUSICALI, GARE CON CHIARISSIMO SCOPO DI LUCRO, DA PARTE DEGLI ORGANIZZATORI, NON AVEVAMO PELI SULLA LINGUA, NON APPENA SENTIVAMO ODORE DI FREGATURA MANDAVAMO L’ORGANIZZAZIONE TUTTA… TUTTA… A CAGARE, QUESTO NON ERA DI SICURO UNA COSA BUONA PER FARSI ACCETTARE DALLA “SCENA”.
O DA CHI ORGANIZZAVA I CONCERTI CHE VEDEVA DELLE MINE VAGANTI IN NOI.
IN TUTTI I SENSI.

Nella diapositiva:
a) Un fulgido esempio di “Horror Vacui” rodeoclownesco tipico del biennio ‘98-’99 sulle locandine
b) Di Usini o di Tissi basta che sia vino di proprietà

NEL 1999 TRA UNIVERSITÀ, FESTE ERASMUS, SBRONZE E CAVIGLIE ROTTE FACENDO GLI SPORTIVI CON LO SKATEBOARD COME I GRUPPI CALIFORNIANI, AVEVAMO SUONATO POCO.
MA ANDAVA BENE PURE SUONARE NELLE SCUOLE.
ROCK AND ROLL HIGH SCHOOL!!!
SUONARE ALLO SCIENTIFICO ERA ARIA FRESCA.
CI ERAVAMO PREPARATI, LA SERA SUONAVANO, TANTO PER CAMBIARE CON NOI, ANCHE I JACK & SPINOTTO, C’ERAVAMO ORGANIZZATI NELLA LORO SALETTA, POLLO PRONTO E LITRI DI VINO, DI TISSI, DALLA MATTINA!
DOVEVAMO SUONARE INTORNO ALL’IMBRUNIRE, STAVOLTA SENZA REMORE, TENDE E VETI DEL NOSTRO “SOVIETICO” SECONDO CHITARRISTA; NOI DA PRESTO ERAVAMO BUTTATI SU I DIVANI AD ASCOLTARE CASSETTE SDOPPIATE DEI DIESEL BOY E DEI DESCENDENTS, GRUPPI CHE SUONAVANO ESATTAMENTE COME SUSSINCHI NATI IN CALIFORNIA. QUELLA VERA PERO’.
ERAVAMO LORO FRATELLI MA DI MADRI DIVERSE.

ARRIVATI BARCOLLANTI NEL CORTILE CI RITROVAVAMO NEL POSTO GIUSTO, PALCO A 10 CENTIMETRI DA TERRA, SERVICE DI FORTUNA E TANTI BALDI GIOVINI E GIOVINCELLE.

VOLEVAMO SUONARE. ERAVAMO INVINCIBILI. PER UN’ALTRA MEZZORA ALMENO.

SUONAVANO LE SOLITE COVER BAND DEI METALLICA CON IL CHITARRISTA BRAVO CON LA CHITARRA A REGGIPETTO E OCCHIALETTI DA NERD PRIMA CHE ANDASSERO DI MODA.
SI’ NON ERA MODA, ERA SFIGA.

DOPO UN PAIO DI INSULTI AL TIPO DEL SERVICE CHE SPARA STRONZATE SU I VOLUMI “SE C’E’ SCRITTO 10 SULL’AMPLI VUOL DIRE CHE A 10 CI PUO’ ARRIVARE” SUONIAMO NOI RODEOS, LA COSA POSITIVA ALLA FINE CHE TUTTI POGAVANO… ANCHE I DETRATTORI, ALLA FINE POSSIAMO VEDERE NEL POGO LA “REDENZIONE DAI PECCATI” DELLE BAND SCOLASTICHE CHE CI ODIAVANO, “POGO MI FACCIO MALE, COSI’ SOFFRO E IMPARI“.
ERA UNA NOSTRA PICCOLA VITTORIA.

LA FINE DEL CONCERTO GIGIO L’AVEVA PASSATA A RECUPERARE BOTTIGLIE VUOTE CON ALTRI STUDENTI DELL’ISTITUTO VISTO CHE ERA LA SUA SCUOLA, NOI UNIVERSITARI RITORNAVAMO NELLA SALETTA DEI JACK & SPINOTTO A COMPLETARE L’OPERA INIZIATA LA MATTINA.
STUDI SUPERIORI.


Nelle diapositive:
a) Un altro chiarissimo esempio di “Horror Vacui” rodeoclownesco da pazzia post vino di Tissi
a) Costantino cerca di contenersi durante l’emozione pazzesca del suonare in un concerto scolastico
c) Gigio impegnato in un assolo nel mezzo del disinteresse generale allo Scientifico di via Monte Grappa

LA LOCANDINA ERA UNA CITAZIONE DI TUTTO QUELLO CHE ERA SUCCESSO NEL PERIODO PRIMA, IL FATTO CHE I NOSTRI “FLYER” STESSERO DIVENTANDO PIUTTOSTO OFFENSIVI PER LA “SCENA” ERA DI TUTTO CONFORTO PER NOI.
COMPIACERSI DELLE PROPRIE FIGURE DI MERDA, E’ IL PRIMO PASSO PER NON AMMETTERE LA PROPRIA DEMENZA.

CHI VOLEVA SENTIRE UN BUON GRUPPO DI COVER ANDAVA NELLA SALETTA AMMUFFITA DI “MARCO SERRA” (MITICO IMPRENDITORE DELLE SALETTE A PAGAMENTO IN “NERO” ) SI SENTIVA LA BAND DEL MOMENTO CHE FACEVA LE COVER DEI PEARL JAM SENZA SAPERE CHE IL MOMENTO “GRUNGE” ERA FINITO DA UN BEL PEZZO, OPPURE CHI SI VOLEVA FARE DUE RISATE E SENTIRE QUATTRO CIALTRONI CHE SUONAVANO MUSICA INVENTATA AL 75% POTEVANO ADDIRITTURA SENTIRLI IN QUALCHE BARETTO PUTRIDO.

IL CONCERTO DOPO E’ SOLO A TRE MESI DI DISTANZA, PASSAVANO ERE GEOLOGICHE TRA UN EVENTO E L’ALTRO.
IL TEMPO SCORREVA LENTO, SE CI DOMANDATE COME…
BEH TUTTO ERA MORBIDO, COME GOMMAPIUMA E NEL NOSTRO CIELO SPLENDEVA UN SOLE POTENTISSIMO STILE “90210”, ANCHE DI NOTTE, SOLO PER NOI… SOLO NELLA NOSTRA TESTA.

NELLA NOSTRA CALIFORNIA.
NELLA NOSTRA CALIFORNIA C’ERANO PUFF AL FORMAGGIO E DRUGAL DA DUE LITRI.
NELLA NOSTRA CALIFORNIA C’ERANO PROVE A PANZA NUDA IN SALETTA E NUOVE CANZONI CHE INNEGGIAVANO ALLA CALIFORNIA CHE SI DOVEVA VIVERE ASSOLUTAMENTE CON I CALZONI CORTI ANCHE A DICEMBRE.

ERANO GLI ANNI DELLE FESTE CONTINUE, A CASA DI ERASMUS SCONOSCIUTI, VARI PABLO, MARIA, FERNANDO, DOLORES, MAZINGA ZETA, FESTE SUL TETTO DELLA FACOLTA’ DI AGRARIA, ALCOOL A GO – GO, UNO SCAMBIO DI CEFFONI CON QUALCHE VILLICO DI PASSAGGIO CHE URLAVA L’INDIPENDENZA DEL KAZAKISTAN AI QUATTRO VENTI.
ERANO GLI ANNI DEI DENTI SCHEGGIATI, CAMMINATE SULLA CENTOTRENTUNO CON LA LUNA PIENA, DEI VARI: “MAMMA GUARDA CHE IERI NON SONO TORNATO A CASA“… E LA RISPOSTA: “…LO SO!” AL TELEFONO.

IL NUOVO MILLENNIO SI APRE CON INDIMENTICABILI VEGLIONI CHE POI CI SIAMO, PER FORTUNA QUASI DIMENTICATI, CENE FARAONICHE A SUON DI TRAMEZZINI E IMMANCABILI PATATINE PUFF AL FORMAGGIO, CON VOMITATE FOTONICHE MULTICOLORI E RISSE CON SCONOSCIUTI PER I MENO VALIDI MOTIVI NEI PARCHEGGI DELLA CITTADINA CATALANA A 30 CHILOMETRI DA SASSARI (”HEY CHE CAZZO HAI DA GUARDARE?” MENTRE TU SEI GIRATO DALL’ALTRA PARTE… “HAI DETTO PIPISTRELLO A MIO CUGINO” E VIA DICENDO), DORMITE ALL’ADDIACCIO DOPO FESTE A CASA DI CHISSA’ CHI E FIGURE DI MERDA NEI VARI LOCALI CITTADINI.

PER NOSTRA FORTUNA LA MEMORIA SELETTIVA SALVA LA PSICHE ELIMINANDO I RICORDI PEGGIORI, SENNÒ FIGURATEVI CHE COSA SAREBBE ORA IL NOSTRO MONDO.
O ALMENO DOVREBBE ESSERE COSI’.
O FINGIAMO CHE SIA COSI’.
AVETE MAI DEFECATO IN UN PARCHEGGIO TRA LE MACCHINE E POI PESTATO IL PRODOTTO DELLA VOSTRA EVACUAZIONE POSTERIORE PER POI PORTARVELA IN GIRO PER UNA MEZZA MATTINATA E NELLA MACCHINA DEI VOSTRI AMICI FINO AD ACCORGERVENE SOLO QUANDO L’ODORE DI MERDA DIVENTA PIÙ FORTE DI UN CALCIO NEL CULO TIRATO NELLE VOSTRE TERGA DA HULK HOGAN IN PERSONA?

ECCO SE NON L’AVETE FATTO NON POTETE DIRE DI AVERE UNA PUNK ROCK BAND.
QUESTI SONO I VERI RODEO CLOWN.
MA CHE PUZZA.

RITORNANDO A NOI… POTEVAMO ESSERE COME I FRATELLI GALLAGHER ? I MOTLEY CRUE ?
NO NIENTE DI TUTTO QUESTO.
MOLTO PROBABILMENTE SOLO DELLE DEFINIZIONI VIVENTI DELLA VOCE “IMBECILLE” SUL DIZIONARIO.
MI FECI UN TAGLIO DI CAPELLI STRATEGICO VISTO LA DEVASTAZIONE DELLA PARRUCCA IN DIVERSE FESTE, ORAMAI AVEVO I CAPELLI CHE SEMBRAVANO I DREAD DEL CANE DI JOHNATAN DEVIS DEI KORN CON LA RIGA AD UN FIANCO.
UNA VOLTA LAVANDOMELI RITROVAI NEL LAVANDINO UN PLETTRO FIRMATO DA YNGWIE MALMSTEEN, UN TRANCIO DI PIZZA AI FUNGHI E MORTADELLA E UNA TARGA DI MACCHINA DELLA CALIFORNIA ORIENTALE.

UNA VOLTA FUMMO SBATTUTI FUORI DA UN POSTO CHE DI BELLO AVEVA SOLO IL NOME (UN CELEBRE FILM DI ALBERTO SORDI E MONICA VITTI) E LA FREQUENTAZIONE FEMMINILE (CHE NATURALMENTE CI SNOBBAVA, COME BIASIMARLE?).
VENIMMO CACCIATI PER AVER INSULTATO UNA CAMERIERA CHE CI AVEVA PER SBAGLIO RITIRATO LE BOTTIGLIE ANCORA PIENE E S’ERA RIFIUTATA DI RESTITUIRLE.
POTETE QUI AGGIUNGERE PARTICOLARI TRUCIDI A VOSTRO PIACIMENTO CIRCA GLI INSULTI CHE SONO PARTITI DAL SOTTOSCRITTO E DALLA CIURMAGLIA DI MOSTRI AL MIO SEGUITO…IN DIREZIONE “CAMERIERA“.
C’ERA STATA PROPRIO AL SCENA DELLO SCIMMIESCO PERSONAGGIO DELLA SECURITY CHE PRENDEVA IL SOTTOSCRITTO DI PESO PER CAMICIA E CINTURA DEI PANTALONI E BUTTATO FUORI.. COME NEI SALOON..
BASTARDI RIDATEMI ALMENO LA MIA BIRRA!!!

LI’ NON CI FACEVANO PIÙ ENTRARE, STRONZI, (QUALCHE VOLTA CI PROVAMMO ANCHE TRAVESTITI, CON CAPPELLO, NASO FINTO, BARBA E BAFFI, MAGLIETTE PULITE, SCARPE NON BUCATE… MA NIENTE, RISPEDITI FUORI NON APPENA RICONOSCIUTI ) DOVEMMO ASPETTARE CHE ALLA PORTA CAPITASSE UN NOSTRO AMICO PER FARCI RIACCETTARE ALLA BETTOLA BASTARDA, PERALTRO LA BIRRA COSTAVA UN FRACCO DI QUATTRINI, LADRI.
MA NON CI BASTAVA, UN BEL BESTEMMIONE FORMATO “GERMANO MOSCONI” AL BANCONE DEL BAR PROPRIO IL GIORNO DI NATALE CI COSTA LA SCOMUNICA TEMPORANEA DA “GOFFREDO“, NOTO LOCALE “VIP” SASSARESE DEL TEMPO.
LA DEVOTISSIMA FIRST LADY DELL’OSTE CI SCOMUNICÒ E FACENDOCI ACCOMPAGNARE DALLE GUARDIE SVIZZERE ALLA PORTA CI NEGAVA LO CHAMPAGNE AL GUSTO DI LUPPOLO E LE VARIE CERIMONIE SACRE DEL TEMPIO.
IL NOSTRO BARETTO… NON AVREMMO VISTO IL SUO TAPPETO ROSSO ALMENO PER DUE SETTIMANE.
ERAVAMO SENZA “RED CARPET“, MA AVEVAMO LA SALETTA, E IL FANTASTICO “TAPPETTINO“, ZONA LIMITROFA ALLE NOSTRE ABITAZIONI CON AMPIO PARCHEGGIO DOVE SOSTARE CON BOTTIGLIE, ALBERI E AIUOLE USO BAGNO, MACCHINA SCASSATA CON STEREO A CASSETTE, PALLONE “SUPERTELE” E TAVOLA DA SKATEBOARD, CON LA QUALE PROVARE LE PIÙ ARDITE FIGURE ACROBATICHE, RIGOROSAMENTE TRASFORMATE IN FIGURE DI MERDA, VISTO CHE IL MEZZO LO SI PRENDEVA SEMPRE IN CONDIZIONI VICINE ALLA COTTURA CROCCANTE AL FORNO A 180°.
IL PRIMO CONCERTO DELL’ANNO GIUBILARE E’ IN UN BAR DELLA ZONA NORD-OVEST, GIORNO DEL MIO COMPLEANNO, DEI RODEO CLOWN, DI ELVIS E DAVID BOWIE, NONCHE’ GIORNO DELL’ULTIMA BATTAGLIA DI CAVALLO PAZZO CONTRO LA CAVALLERIA DEGLI STATI UNITI.

NEL LOCALE SUONIAMO DUE ORE SENZA SOSTA, PROPONIAMO IL NOSTRO PUNK ROCK A TUTTOMOTORE, MA IL GENERE NON VIENE ASSOLUTAMENTE GRADITO SE NON DA TRE O QUATTRO ORSI BRUNI AL BANCONE CHE POI DIRANNO AL GESTORE DEL LOCALE: “BRAVI QUESTI RODEO CLUB“.
IL NOSTRO GENERE, RIMANE UN PO’ OSTICO ALLE ORECCHIE DEI PRESENTI, CHE SONO MOLTI, FINALMENTE UNA SERATA COL PIENONE.
DOPO UN PAIO DI “BASTA STRONZI” E AVER TROVATO SULLA MACCHINA UNA SCRITTA “BASTARDI DI FUORI” (PUR ESSENDO SOLO A TRENTA CHILOMETRI DA CASA) CAPIAMO CHE LA BAND STA ANDANDO ALLA GRANDE, MTV E’ VICINA.
O SIAMO VICINI A UNA SUSSA DATA DAI LOCALI PERSONAGGI AL BILIARDO CHE CI GUARDANO IN CAGNESCO.

CI HANNO PAGATO, SIAMO SBRONZI, NON ABBIAMO LA PATENTE, QUALCUNO CI ACCOMPAGNERÀ A CASA, COSA CHIEDERE DI PIÙ?
TRE BIRRE DA PORTARE VIA. GRAZIE.

Nelle diapositive:
a) La locandina con una mina di gruppo per il gruppo del nostro caro Luis Armstrong, primo Jazzista sulla Luna
b) M. Luter King rimane basito dal taglio di capelli diabolico di Joe

UNIVERSITÀ-USCITE-DUE DI PICCHE DALLE RAGAZZE-BIRRE-SKATEBOARD-FIGURE DI MERDA-ALTRE BIRRE-SALETTA, QUESTA ERA LA NOSTRA SOLITA STORIA.

UN RIMEDIO ALLE ANGHERIE DELLA VITA ERA QUELLO DI REGISTRARE UN NUOVO CD. UN CD VERO, DI QUELLI CON LA COPERTINA BELLA, UNO DI QUELLI CHE QUANDO NE PRENDI UNO E LO INFILI NELLO STEREO SEMBRA QUELLO DI UNA BAND VERA.
L’IDEA CI RONZAVA IN TESTA DA TEMPO, AVEVAMO UN SACCO DI CANZONI PRONTE.
PRENDIAMO LA DECISIONE, COSTANTINO (SECONDA CHITARRA) DECIDE DI NON STARE PIÙ NELLA BAND E ABBANDONA, DOPO UNA TERRIBILE PROVA IN SALETTA DOVE TENTAVA DI EMULARE LUCIANO PAVAROTTI MISTO A UN CHIWAWA CASTRATO.
COME ESTENSIONE DI VOCE I PARAGONI SONO QUESTI.
DICE CHE HA ALTRI PROGETTI, CI PRONUNCIA LA CELEBRE FRASE: “ALLOVA IO MI VENDO TUTTO, CHITAVVA E AMPLIFICATOVE E MI COMPVO LA MOTO, COSI’ LA DOMENICA INVECE CHE PVOVAVE ME NE VADO A POVTO TOVVES CON IL VENTO NEI CAPELLI“..
VENTO NEI CAPELLI?
ERA RASATO A ZERO.
PAZIENZA, COSTA VA VIA DALLA BAND. CI MANCHERÀLA SUA “ZANZARONA“, COM’ERA SOPPRANNOMINATA LA SUA CHITARRA.
ADIEU.

RIMANIAMO IN TRE E CONTINUIAMO COSI’ COME SI DICE DA NOI, MENO TESTE MENO PENSIERI (CHE GIÀ ERANO POCHI E SEMPLICI), SUONIAMO POCO PIÙ SPESSO, MA IN TRE VA DECISAMENTE MEGLIO.
SI SUONA NEI PEGGIORI LOCALI CHE PROPONGONO DELLE SERATE, PROPRIO PER SCELTA, PERÒ CI DIVERTIAMO UN SACCO, MA SOPRATTUTTO DOBBIAMO METTERE DA PARTE SOLDI PER IL NOSTRO VERO CD.
LA DEMO CI STAVA STRETTA, PIBUS, IL NEGOZIO DI DISCHI DELLA CITTÀ LA VENDEVA, L’AVEVAMO REGISTRATA IN CD, MA A DIRVELA TUTTA, E COME GIÀ RACCONTAMMO ERA UNA CAGATA COLOSSALE, UNA VERA MONDEZZATA.
IL PRIMO CONCERTO IN TRE ERA IN UNA EX-DISCOTECA RIUTILIZZATA COME PSEUDO BAR, LA SERATA PROCURATA DAL FONICO INDIANO, COMPAGNIO DI BISBOCCE NEL CONCERTO NEL DESERTO DEL SERENGETI, IN COMUNE CON ALTRI QUATTRO-CINQUE GRUPPI REGISTRO’ LA MITICA CIFRA DI UNA QUARANTINA DI PRESENTI, QUASI UN RECORD DI MEDIA ANCHE OGGI.

SUONAMMO UNA QUINDICINA DI MINUTI, VOLAVANO LE POLTRONCINE, I METALLARI NON CI ODIAVANO PIÙ, ALMENO QUEGLI ALTRI METALLARI “DEATH” S’ERANO ESTINTI, ERANO SOPRAVVISSUTI QUELLI CON UNA PIGMENTAZIONE DIVERSA, ERAVAMO DAVANTI AD UN CAMBIO DI SPECIE, E DI HABITAT, DI ERA, “IL LOCALE CON MUSICA DAL VIVO” STAVA PRENDENDO PIEDE.
QUA DARWIN CI AVEVA AZZECCATO.
VIVA LA EVOLUCION!!!

Nelle diapositive:
a) La locandina del primo concerto dei Rodeo Clown con la formazione a tre
b) I micidiali basettoni di Charles Darwin

CI FU ANCHE LA RECENSIONE SU UN GIORNALE LOCALE, PROPRIO IN QUEST’OCCASIONE FUMMO CHIAMATI AD UN CONCERTO ADDIRITTURA PER DUE MESI DOPO, IN UN PICCOLO TEATRO CHE SI TROVAVA NELLA ZONA CHIAMATA “KOREA“, UNA FESTA, BIRRE A PROFUSIONE E UN BEL PO’ DI GENTE, L’ATMOSFERA ERA UN PÒ STRANA, NON ERAVAMO A NOSTRO AGIO, C’ERANO DEI “VERI” MUSICISTI, IL DUO DI DESSÌ SUONAVA LA SERA, E NOI SUBITO DOPO.

NELLA SERATA CI STAVAMO BENE COME UNA PALATA DI MERDA SU UN VESTITO DA SPOSA.

COSÌ PENSAVAMO, INVECE, ASSURDO LA GENTE HA GRADITO, BALLI, CHE DICO BALLI, DANZE INTORNO AL FUOCO STILLE VILLAGGIO DI ASTERIX, OFFERTA DI CAVALLI E BIONDE GALLICHE DA PRENDERE IN MOGLIE DOPO AVER SCOLATO ETTOLITRI DI IDROMELE E DOPO AVER PIANTATO TRE MENHIR IN TERRA.

Nelle diapositive:
a) La locandina del concerto “a Korea” non “in Korea”
b) Piazza d’Italia finalmente profanata dai Rodeos

PUNTAMMO ALLA NOSTRA NAVE CON LA PUNTA A FORMA DI DRAGO DA UN’ALTRA PARTE, ADDIRITTURA DUE GIORNI DOPO, IN PIAZZA D’ITALIA, PER L’ENNESIMA FESTA DELL’ARTE. STAVOLTA SUONAVAMO AGLI ORARI GIUSTI E CON IL PUBBLICO DELLE GRANDI OCCASIONI.. CHE NON ERA LI’ PER NOI… NIENTE DI MEGLIO, I NOSTRI BRANI PIÙ BALLABILI DURAVANO MASSIMO UN MINUTO E MEZZO CON UNA PAUSA AL CENTRO.
RIUSCIVAMO AD ESSERE DELLE VERSIONI DEI RAMONES LIOFILIZZATI, SEMPRE VERSIONE DEL DISCOUNT.

MITICA SCENA SOTTO IL PALCO, IL BATTERISTA DI UN GRUPPO SASSARESE ( UBRIACO COME E PIÙ DI VASCO ROSSI A COLAZIONE ) CHE NON AVEVA LE IDEE CHIARE SU COSA PROVAVA VERSO DI NOI CI INSULTAVA OGNI TRE PAROLE DI APPREZZAMENTO.
TEAM DI BIOLOGI DELL’ARKANSAS STUDIANO ANCORA IL COMPORTAMENTO DI QUESTO ANIMALE/OMINIDE/VEGETALE/MINERALE.

TUTTO QUESTO, IL FATTISSIMO DRUMER, LO FARFUGLIAVA APPESO CON LA DELICATEZZA DI UN ELEFANTE SPAZIALE ALLE TRANSENNE CHE A FATICA TENEVANO I SUOI CINQUECENTO CHILI DI PESO.
QUALCUNO CANTAVA LE NOSTRE CANZONI! QUELLA CAZZO DI DEMO AVEVA GIRATO PERÒ.
IO INDOSSAVO UN ELEGANTE CAPELLINO CHE FACEVA MOLTO CASSIERE DI McDONALDS.

SFASCIAMO LE CHITARRE SUGLI AMPLIFICATORI COSÌ DA NON FARLI USARE A NESSUNO PER IL RESTO DEL CONCERTO.. SCENDIAMO DAL PALCO COPERTI DI INDUMENTI DI BIANCHERIA INTIMA FEMMINILE LANCIATI DA SOTTO IL PALCO, SALITI SUL NOSTRO TOUR BUS FACCIAMO TALMENTE TANTO SESSO CON TALMENTE TANTE RAGAZZE DA PERDERE IL CONTO E IL GUSTO… AVEVAMO LA SENSAZIONE DI ESSER TALMENTE STANCHI, ANNOIATI E NAUSEATI DAL SESSO ALTRUI DA DIVENTARE NOI STESSI DEGLI ERMAFRODITI.

MAGARI, SCENDIAMO DAL PALCO NEL COMPLETO DISINTERESSE GENERALE SALUTATI DAI NOSTRI QUATTRO AMICI E DAI SOLITI DUE METALLARI CHE ORAMAI SONO IL NOSTRO FAN CLUB UFFICIALE.
DOPO IL CONCERTO CI RITROVIAMO CON GLI ALTRI MOSTRI VICINO AL CAMION DEI PANINI PUTRIDI, CON DUE BIRRE IN MANO, IN PERIFERIA, COME ALL’INIZIO DELLA NOSTRA STORIA, IL POSTO DAL MENÙ PRELIBATO SI CHIAMA LO “ZOZZONE” DOVE SI AGGIRANO FACCE DA CRONACA NERA IN UN GIORNALE LOCALE, UN POSTO DOVE DIPENDE DALL’ORA E DALLA FREQUENTAZIONE ANCHE I TALEBANI SI PISCEREBBERO IL MUTANDONE.
COSA SI PUO’ VOLERE DI PIU’ DALLA VITA?
OLTRE QUESTA BIRRA CHE ABBIAMO IN MANO?
UN’ALTRA BIRRA.

I MR KI, IL MARITO DELLA BIDELLA E IL VINO DI TISSI

20, Jul, 2011

TAGLI DI CAPELLI DIABOLICI, VISI GIOVANILI, BASSI A PUNTA E CHITARRE FATTE SOLO DI ADESIVI DENTRO LE LORO CUSTODIE GRIDANO VENDETTA, L’ANNO ERA QUELLO DEL MONDIALE IN FRANCIA E DI RONALDO MAGRO E NELLA BAND ERAVAMO ANCORA IN QUATTRO, MA DIVISI IN DUE PARTITI: “I CALIFORNIANI MINCHIONI” IO (JOE) E GIGIO E IL DINAMICO DUO DI “PENSIONATI” PEDRO E COSTANTINO.



Nelle diapositive, la pleistocenica formazione dei Rodeo Clown:
a) Un imberbe Joe in versione “vino di proprietà”
b) Un imbolsito Pietro “Fango” insieme a un Costantino “Passeggino” stranamente sorridente dopo l’esibizione al teatro Smeraldo
c) Uno stupefatto Gigio in tecnicolor attratto dalle luci come una falena

CONTEMPORANEAMENTE AI RODEO ESISTEVANO I “MR. KI” UNA BAND COMPOSTA DA ME, PEDRO E UN CERTO MR KI CHE, POTENDOSELO PERMETTERE, ERA DEDITO ALLA VITA DA DANDY, UNA “VITA SPERIMENTALE“.
IL NOSTRO AMICO SPERIMENTO’ TALMENTE TANTO DA: NON CAPIRE PIU’ UN CAZZO MATTINA E SERA PUR DA SANO, SPENDERE I SOLDI ANCHE QUELLI NON SUOI, SVENIRE E ESPLETARE FUNZIONI CORPORALI IN PUBBLICO SENZA ACCORGERSENE E NON FARSI VEDERE PIU’ IN GIRO LASCIANDO UNA SERIE DI DEBITI UN PO’ QUA E UN PO’ LA’.
VIVENDOSI ADDOSSO E FACENDO FINTA DI STUDIARE ALL’UNIVERSITA’ NON SI SA COME MA BRUTTO COME I DEBITI SCOPAVA A DESTRA E A MANCA CON QUEL SUO NONSOCHE’, IL FASCINO DELLO SFATTONE FILOSOFO.
MITICO (NON HO MESSO LE FOTO DI MR KI PERCHE’ I NOSTRI LEGALI CE LO HANNO SCONSIGLIATO).

IL PERSONAGGIO, COL QUALE PROVAVAMO LA MATTINA DEL SABATO, RIENTRAVA DA DELLE SITUAZIONI AL LIMITE DEGLI EPILOGHI PIU’ CLASSICI DELLE SERATE DI KEITH RICHARDS, DOVE I RISVEGLI COI RAGNI IN BOCCA DANNO IL VIA AD UNA GIORNATA DI MERDA DOPO UNA SERATA ALLA GRANDE.

AVEVA UN ALITO TALMENTE TERRIBILE CHE POTEVA INCUTERE TERRORE A UN TIRANNOSAURO.
LO SPAZZOLINO DA DENTI SI PISCIAVA NEI PANTALONI QUANDO LO VEDEVA ARRIVARE.

CERTE VOLTE, PRATICAMENTE OGNI SABATO MATTINA ERA TALMENTE PIU’ COTTO DI NOI ( CHE PUR USCITI CON LUI MA RICHIAMATI A CASA DALL’ISTINTO DI SOPRAVVIVENZA PRIMA DEL DEGENERO) CHE DOVEVAMO ANDARE ALLA CASA DELLO STUDENTE (DOVE ALLOGGIAVA) PER RECUPERARLO.
CON TUTTE LE “SPERIMENTAZIONI” CHE STAVA FACENDO I DENTI GLI SI STAVANO MARCENDO AD UNA VELOCITA’ TALMENTE RAPIDA ED UGUALE A QUELLA CHE AVEVA PER DIMENTICARSI LE CANZONI DA UNA SETTIMANA ALL’ALTRA.

AVEVA IL SORRISO CHE FACEVA PENDANT CON UNA CRAVATTA MARRONE.

UNA VOLTA, ASSURDO, NON RIUSCIVAMO A CONTATTARLO BENCHE’ FOSSE UNO DEI PRIMI AD AVERE “IL CELLULARE” (GRANDE COME UNA CABINA TELEFONICA, COSTAVA UN PACCO) CI DOVEVAMO TROVARE IN SALETTA, ERA IN RITARDO DI ORE… POI, CHIAMANDO A DESTRA E A MANCA, SCOPRIMMO CHE NEANCHE I GENITORI LO SENTIVANO DA UNA SETTIMANA

SIAMO MESSI BENE, PENSAMMO.

SI SCOPRI’ CHE IL PERSONAGGIO ERA PARTITO CON LA SUA MACCHINA, UN MAGGIOLONE COLOR CAPUCCINO, IN UN VIAGGIO “SPERIMENTALE” CON DEGLI ALTRI COMPAGNI DI “BISBOCCE”… LUI METTEVA LA MACCHINA, UN ALTRO METTEVA I SOLDI PER LA BENZINA, UN ALTRO ANCORA METTEVA I SOLDI PER L’ALCOOL (TRA WOLKAVAGEN E OCCUPANTI AVREBBERO CONSUMATO UN BEL PO’), L’ULTIMO METTEVA I SOLDI PER LE DROGHE VARIE… ED EVENTUALI.

IL VIAGGIO CONSISTEVA NEL PERCORRERE LE STRADE COSTIERE DELLA NOSTRA PICCOLA AUSTRALIA, PARTENDO DA ALGHERO VERSO SUD PER CERCARE DI RITORNARE AL LUOGO DI ORIGINE SANI E SALVI.
COSA PIUTTOSTO DIFFICILE CONOSCENDO I PERSONAGGI.

FATTO TESTAMENTO E CON LA BENEDIZIONE DEL PUSHER PUNTAVANO L’ENTERPRISE VERSO L’INFINITO E OLTRE.

IL VIAGGIO ERA DIFFICILE, NON TANTO PER IL TEMPO AVVERSO, LE CONDIZIONI “CLIMATICHE”, VISTO CHE IL PERIODO PRESCELTO ERA IL MESE DI MAGGIO, MA PER LE CONDIZIONI MENTALI DI MR. KI, NOVELLO ULISSE, E DEI SUOI AVVENTUROSI COMPAGNI DI VIAGGIO, CHE DOPO VARI PIT-STOP NEI BAR COSTIERI DOVEVANO CONTRASTARE DEI TIFONI TROPICALI NEL CRANIO.
LA MACCHINA VENIVA GUIDATA A TURNO, IL PROBLEMA CHE IL PIU’ DELLE VOLTE ERA LA SCIMMIA CHE IL PASSEGGERO PORTAVA SULLA SPALLA CHE CONDUCEVA L’AUTO.
SARA’ STATO QUALCHE GUARDRAIL ANIMATO CHE SI AVVICINAVA TROPPO AGLI SPORTELLI, SARANNO STATE LE STRISCIE CONTINUE CHE STRANAMENTE SI INTERSECAVANO A TRECCIA DOPO QUALCHE STRISCIA DI TROPPO TIRATA SU’ COL NASO O UN VELOCIRAPTOR CHE ATTRAVERSA LA STRADA… E PRATICAMENTE I NOSTRI VIAGGIATORI RIMASERO SENZA RUOTA DI SCORTA SUBITO..
MA MEGLIO NON RIPARARLA IL VIAGGIO ERA LUNGO E FORSE QUALCHE PRODIGIO ADDIZIONATO DALLE ESPERIENZE EXTRACORPOREE GLI AVREBBE PERMESSO DI RIPARARLA MENTALMENTE.

CERTI EPICI VIAGGI METTONO SETE E I NOSTRI ASSETATI AMICI CONSUMARONO TUTTE LE LORO FINANZE.. BEVENDO!

INIZIARONO A SUONARE LA CHITARRA PER STRADA, ALMENO PER RIUSCIRE A METTERE BENZINA… RIUSCIRONO A SCROCCARE BIRRE E SIGARETTE, QUALCHE CENA… MA ALLA FINE SI RITROVAVANO SEMPRE AD AVERE GIA’ SPESO TUTTO SENZA POTER TORNARE AL PUNTO DI ORIGINE. ERANO TALMENTE NEL CAZZEGGIO CHE NON RIUSCIVANO A FERMARSI, ERANO COME UN GOLOSO IN PASTICCERIA, UN SERPENTE CHE SI MORDE LA CODA, ERANO UN SERPENTE GOLOSO CHE SI MORDE LA CODA.

LE VICENDE SI INGARBUGLIAVANO IN UN AVVICENDARSI DI SITUAZIONI AL LIMITE DEL LISERGICO.

DOPO DUE SETTIMANE DI VIAGGIO MISTICO STILE “THE DOORS” CONCLUSERO IL VIAGGIO CONTRO UN PALO NELLA PIAZZA CENTRALE DI UN PAESE DEL QUALE NON AVEVANO NEMMENO LETTO IL NOME SUL CARTELLO ALL’ENTRATA, IL POVERO MAGGIOLONE SI RIBALTAVA SPIRANDO DEFINITIVAMENTE, SI DICE CHE ABBIA DETTO “FANCULO”PRIMA DI NON ACCENDERSI PIU’.

VISTA LA SCENA, GLI ZIETTI E LE ZIETTE CHE PRENDEVANO IL SOLE COME LUCERTOLE SEDUTI SULLE PANCHINE ANTISTANTI LA PIAZZA E IL RELATIVO BAR CENTRALE ACCORSERO PIU’ VELOCEMENTE POSSIBILE VERSO IL CATORCIO FUMANTE.

IL NOSTRO MR KI, PICCOLO DI STATURA MA ESTREMAMENTE SNODATO USCIVA DAL DEFLETTORE MENTRE GLI ALTRI CONTINUAVANO A DORMIRE A TESTA IN GIU’ COME SE NON FOSSE SUCCESSO NULLA.

VA TUTTO BENE?“… DOMANDAVANO I VECCHI… “COME STATE?“… “VI SIETE FATTI MALE?“…”HEY , SIGNORE, MA QUELLO E’ SANGUE!!!“… E MR KI SENZA BATTERE CIGLIO: “NO SIGNORA E’ MIRTO.

RITORNARONO A CASA A PIEDI COME RAMBO UNO, O MEGLIO COME HULK ALLA FINE DI OGNI PUNTATA, IN AUTOSTOP.

PROVAMMO QUALCHE ALTRA VOLTA MA IL GRUPPO PRENDEVA TROPPO TEMPO ALLE “SPERIMENTAZIONI” DI MR. KI, QUINDI SMISE DI SUONARE CON NOI, LASCIANDO UN “BUFFO” DI SVARIATE MILA LIRE A PEDRO (CHE MINACCIO’ DI ROVINARLO A SUON DI CAZZOTTI)…
I SOLDI IN QUESTIONE SARANNO SICURAMENTE STATI USATI PER COSTRUIRE OSPEDALI E CHIESE IN AFRICA.

MITICO, E’ DA UNA MAREA DI TEMPO CHE NON VEDO MR KI, AVEVA SUONATO IN UNA TERRIBILE BAND CON UN SOUND DEMODE’, HA PARTECIPATO A VARI INCONTRI CON POETI E ARTISTI FALLITI DELLA CITTA’. DI SICURO AVRA’ TENTATO UN ALTRO VIAGGIO, MAGARI IL PERIPLO DELLA NUOVA CALEDONIA IN PEDALO’.

RITORNANDO A NOI…

I RODEO SI DILETTAVANO NELLA PUTRIDA SALETTA TRA POSTER DEI METALLICA, CARTONI DELLE UOVA, MATERASSI UMIDICCI, PUZZA DI CULO E VARIE AMENITA’ APPESE..
E’ L’ARREDAMENTO STANDARD, UN MUST IN TUTTE LE SALETTE CHE SI RISPETTINO.

MITICA DI QUELL’ANNO ERA LA NOSTRA ESIBIZIONE NELLA FACOLTA’ DI LETTERE, IL CONCERTO ERA ORGANIZZATO DAGLI STUDENTI, SI DOVEVA SVOLGERE NEI GIARDINI DEI POMPIERI, CHISSA’ PERCHE’ IO PENSAVO SI SVOLGESSE IN MEZZO ALLA STRADA, NON AVEVO MOLTA IMMAGINAZIONE 3D SUL FATTO CHE SI POTESSE PIAZZARE UN PALCO ANCHE IN MEZZO ALLE AIUOLE..

INVECE LO FECERO ALL’INTERNO DELLA SALA D’ENTRATA DELLA FACOLTA’.

ALL’ESTERNO TRA BAGNI CHIMICI E DROPPINI C’ERANO I PANNELLI DI LEGNO PER I WRITERS, PASSANDO DICEMMO.. “LA CALIFORNIA.. CAZ“. IL VINO DI TISSI AVEVA RISCALDATO LA SERATA MENTRE CON FOCA E GIGIO CI BUTTAVAMO NELL’ANDRONE. ERA UNA DELLE PRIME VOLTE CHE SUONAVAMO DAL VIVO, ERA FIGO PERCHE’ GIA’ QUALCUNO AVEVA IL NOSTRO SCHIFO DI DEMO IN CASSETTA E ASSURDO SAPEVA LE NOSTRE CANZONI.

SPARAMMO UNA TRENTINA DI CANZONI IN UN QUARTO D’ORA, POGO, SUDORE, FINALMENTE UN VERO CONCERTO PUNK ROCK!!!
SCENA ASSURDA, SFIGA VOLLE CHE, NEL PIENO DELLA FOGA PUNK ROCK UN PLETRO SPEZZATO BECCASSE GIUSTO IN PIENO VOLTO UNA DELLE RAGAZZE DAVANTI AL GRUPPO..
POVERINA, DAI ORA CHE SIAMO IN TV A FARE I DUETTI CON MONDO MARCIO PUOI RACCONTARE A TUTTE LE AMICHE CHE HAI SOFFERTO FISICAMENTE PER I RODEO CLOWN…
PAZIENZA, NON CE L’AVREBBE MAI DATA COMUNQUE.

…INCIDENTI DELLA DURA VITA DA ROCKER. POI CI HANNO FATTO IL CONTRATTO E ABBIAMO FATTO IL WARPED TOUR CON I LAG WAGON. CIAO. COL CAZZO.
PERO’ PER NOI AVEVA, COME ORA, LO STESSO VALORE SUONARE DAVANTI AGLI AMICI, IN QUEL MOMENTO ERAVAMO UGUALMENTE GRATIFICATI.

ERAVAMO IN CALIFORNIA, L’IMBECILLITA’ ERA LA LEGGE.

DA NOTARE I TAGLI DI CAPELLI, IL FATTO CHE COSTANTINO, SECONDA CHITARRA, ERA TERRIBILMENTE UGUALE AL BATTERISTA DEI SISTEM OF A DOWN, E CHE GIGIO AVEVA UN’IMPROBABILE CHITARRA, ERA QUELLA DI UN ALTRO GRUPPO, I MOLOKO PLUS.

LA SCENA CLOU DELLA SERATA E’ STATA QUESTA: IL MARITO DELLA BIDELLA DELLA FACOLTA’, IN QUALITA’ DI MARITO DELLA BIDELLA, HA USATO IL CADAVERE DI UN METALLARO COME MOCIO VILEDA PER TOGLIERE LE RAGNATELE SOFFITTO E PARETI…

IL CORPULENTO PERSONAGGIO SOSTAVA LUNGO L’ENTRATA A CONTROLLARE, COME UN BUTTAFUORI (QUELLI CON AURICOLARE L’ENTRATA DEI CLUB ESCLUSIVI NEI VIDEO DEI RAPPER) CHE LA CALMA REGNASSE SOVRANA, OGNI TANTO APPARIVA ALL’INTERNO DEL POGO PRENDENDO PER LA COLLOTTOLA E ALLONTANANDO I PIU’ SCALMANATI, TUTTO QUESTO DALL’ALTO DELLA SUA POSIZIONE PRIVILEGIATA DI “MARITO DELLA BIDELLA” CHE GLI DAVA LA POSSIBILITA’ DI FARE QUELLO CHE VOLEVA IN UN COMPLETO DELIRIO DI ONNIPOTENZA.

MA ALLA VISTA DI UN RAGAZZINO METALLARO PALESEMENTE UBRIACO CON IN MANO UN BEL BOCCIONE DI PARTEOLLA DA DUE LITRI APPENA INIZIATO, SI INCAZZO’ COME UNA BELVA.
PRESE IL RAGAZZO PER IL GIUBBOTTO DI JEANS SMANICATO CON TOPPE IRON MAIDEN E WHITE SNAKE E GLI DISSE IN ITALIANO STENTATO: “CHE CAZZO CI FAI QUA BEVENDO, ANDANDO, FACENDO… EH?“…

IL RAGAZZO NON RISPOSE NEMMENO, MENTRE IL BRUTO GLI PARLAVA LO SCUOTEVA COME UN BURATTINO, O COME UN GATTINO APPESO PER LA COLLOTOLA. COSI’ FACENDO LA BOCCIA DI OTTIMO VINO DI QUALITA’ INFERIORE CADDE PER TERRA FRANTUMANDOSI E INNONDANDO L’ENTRATA…
GELO NELLA SALA…

SGUARDO DI TERRORE NELLA FACCIA DEL POVERO METALLARO CHE SAPEVA GIA’ CHE AVREBBE PASSATO IL RESTO DELLA VITA A PATIRE I DOLORI CHE L’ENERGUMENO GLI AVREBBE PROCURATO ALL’ISTANTE.

HAI VISTO COSA HAI FATTO, CAZZ.. PEZZO DELLA MERDA“…
NON CI FU NEANCHE IL TEMPO DI FINIRE LA FRASE.
SGUARDO TRA IL COMPIACIUTO, IL SADICO E IL GODERECCIO DEL NOSTRO AUTOINCORONATOSI TUTORE DELLA LEGGE DELL’ANDRONE.
PARTI’ UN CALCIO IN CULO FOTONICO DELLA POTENZA DI CENTO MEGATONI.

IL METALLARO SI TRASFORMO’ IN PALLONE DA CALCIO “TANGO” E VENNE SPEDITO VIOLENTEMENTE VERSO ALPHA CENTAURI.
IL RUMORE DEL CALCIO IN CULO S’E’ SENTITO IN TUTTO L’ANDRONE DELLA FACOLTA’.
UN BOTTO STILE MEZZA ROVESCIATA DI ZIDANE COL REAL MADRID NEL 2002.
IL POVERO METALLARO VAGA ORA DISPERATO SU UN ALTRO PIANETA IN CERCA DI UNO STARGATE CHE LO RIPORTI IN QUELLO DI ORIGINE.

DURANTE IL CONCERTO SI POTEVANO NOTARE CADAVERI SPARSI OVUNQUE DEI QUALI POI SCOPRIMMO ETA’ SESSO E LE GENERALITA’ GRAZIE ALL’AUTOPSIE.

LA SERATA WRESTLING SI CONCLUSE CON IL CICCIONE CHE MANDO’ AL TAPPETO IL RAPRESENTANTE DEGLI STUDENTI CON UN PUGNO “A FACCIA”, CIOE’ IN PIENO VOLTO DOPO UNA DISCUSSIONE SULLO SPOSTAMENTO DELLE SEDIE NELL’AULA MAGNA TRASFORMATA IN DISCOTECA.
IL RAPPRESENTANTE VOLEVA LIBERARE LA STANZA SVITANDO LE SEDIE DAL PAVIMENTO, IL MARITO DELLA BIDELLA IN UN IMPETO DI MEGALOMANIA SI INVENTAVA DOGMI INESISTENTI E PECCATI MORTALI NEL CODICE DI UTILIZZO DEGLI SPAZI COMUNI DELLA FACOLTA’.
TUTTO QUESTO IN LINGUA BANTU’.
VISTO CHE IL RAPPRESENTANTE PROCEDEVA ALL’ASPORTAZIONE DELLE SEDIE NONCURANTE DEI GRUGNITI DEL PARENTE DELLA NOSTRA CARA COLLABORATRICE UNIVERSITARIA, LO STESSO GLI SFERRO’ UN MICIDIALE CAZZOTTO TRA NASO E MENTO CHE AVREBBE STESO UN VELOCIRAPTOR DI STAZZA MEDIA.
ALTRO CHE MORTAL KOMBAT. YOU WIN!!!
MORALE DELLA FAVOLA IL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI ERA STATO PORTATO VIA IN AMBULANZA COL NASO ROTTO.
DENUNCIA AI CARABINIERI.
NON SCHERZO.
IL PERSONAGGIO IN QUESTIONE SI SCUSO’ DICENDO CHE C’ERA STATO UN FRAINTENDIMENTO E CHE COMUNQUE GLI AVEVANO MANCATO DI RISPETTO.


Nelle diapositive:
a) Una panoramica della Hall della Facoltà di Lettere e Filosofia durante l’esibizione dei Rodeo Clown
b) Joe vede San Pancrazio protettore dei bevitori di vino con puff al formaggio sul soffitto, Gigio schiva un’alabarda spaziale di poco

L’ANNO DEL MONDIALE, ANNO MITICO NON TANTO PER IL CAMPIONATO MONDIALE VINTO DALLA FRANCIA MA MONDIALE PER LA MAREA DI CAZZATE FATTE DA NOI RODEOS, (COSA IMPORTANTE CHE MOLTE NON CE LE RICORDIAMO… PER FORTUNA…) SONO DEL CONCERTO DEL TEATRO SMERALDO, ORGANIZZATO DA INTRAPRENDENTI UNIVERSITARI QUARANTENNI CHE TRA UN FREE DRINK E L’ALTRO CERCAVANO DI MOVIMENTARE LE GRIGIE SERATE DI UNA CITTA’, CHE PUR ESSENDO UNIVERSITARIA, NON AVEVA LOCALI DOVE SUONARE DAL VIVO.

LA SELEZIONE DEI GRUPPI ERA AFFIDATA A VARI STUDENTI FUORI SEDE, IN QUATTRO IN UNA STANZA, FUMATORI DI CANNONI DA OLIMPIADE, LA NOSTRA BAND VIENE PRESA INSIEME AD ALTRE CINQUE, JACK& SPINOTTO COMPRESI, LA COSA DIVERTENTE E’ BECCARE LE LOCANDINE CON I NOMI DEI GRUPPI CHE NON SUONANO PIU’ OPPURE SON DURATI SOLO PER QUEL CONCERTO, ALCUNI AVEVANO NOMI DA “EDIPEO ENCICLOPEDICO“, I MIGLIORI QUELLI IN INGLESE STENTATO, PEGGIO DEI NOSTRI PRIMI TESTI TRADOTTI APPROSSIMATIVAMENTE DALL’ITALIANO, CI BATTE SOLO IL TRADUTTORE DI GOOGLE.

Nella diapositiva i Rodeo Clown in completa california

PRIMA DEL CONCERTO, TASATE DI VINO DI TISSI COME DA COPIONE, OCCHIALI DA SOLE (DI SERA)… MA TANTO NOI ERAVAMO IN CALIFORNIA..L’IMBECILLITA’ REGNAVA SOVRANA.. ALKATRAZ DEI JACK & SPINOTTO SI PRESENTO’ CON GLI OCCHIALI 3D, ALBERTO SFOGGIAVA UNA ELEGANTISSMA T-SHIRT DI UNA NOTA CORNETTERIA DI ALGHERO.

LA SERATA UDITE UDITE… AVEVA UN PRESENTATORE ERA UNO STUDENTE DI GIURISPRUDENZA CON UN FINTO ACCENTO CONTINENTALE, CAPELLI RICCI E INGELATINATI STILE MICHAEL JACKSON IN TRILLER, DIVERTENTE QUANTO UN CRAMPO AL POLPACCIO MENTRE NUOTI (POI QUEST’ESSERE E’ ENTRATO IN POLITICA, VE NE RENDETE CONTO COME SIAMO MESSI IN QUESTO POSTO?).

SUBITO AVEMMO A CHE RIDIRE SULLA SCALETTA, COME MAI TUTTI I GRUPPI IMPORTANTI E ORAMAI “PRATICAMENTE FAMOSI” SUONAVANO PER ULTIMI?
SUONIAMO QUANDO VA BENE AL GRUPPO DEL FRATELLO DEL PRESENTATORE, PARTIRONO DA PARTE NOSTRA VARI “VAFFANCULO SE ASPETTIAMO ANCORA PER SUONARE CI SBRONZIAMO” E “MA CHE CAZZO MI DICI, MA HAI VISTO COME HAI I CAPELLI? STRONZO!!!” VERSO IL POVERO IMBECILLE CON VELLEITA’ DA PRESENTATORE.

IL TEATRO SI RIEMPI’ ALLA GRANDE, IL GRUPPO CHE CHIUDEVA LA SERATA AVEVA AVUTO UN MOMENTO DI NOTORIETA’ QUANDO ERA ARRIVATO ADDIRITTURA SECONDO A SAN REMO ROCK, SE NE PARLAVA COME DEI NUOVI TIMORIA, AVETE I BRIVIDI VERO?
ANCHE NOI.

INTANTO NOI PASSAVAMO IL TEMPO A BERE, A DISCUTERE DI ATTRICI PORNO E DI COME SALVARE IL MONDO DAI GRUPPI CHE FACEVANO “MORE THAN WORDS” DEGLI EXTREME (L’AVEVA CANTATA ANCHE JOVANOTTI IN UNA ABOMINEVOLE VERSIONE CON LUCA CARBONI, PER QUESTO BISOGNEREBBE RIPRISTINARE L’INQUISIZIONE) CON I JACK & SPINOTTO, QUANDO TOCCO’ A NOI SALUTAMMO GLI ORANGHI CHE AVEVAMO SULLE SPALLE E FACCEMMO UN CASINO NERO, RUTTI, INSULTI, BALLETTI, COME I TAKE THAT E ALLA FINE BUTTAMMO I MICROFONI PER TERRA.

FUI MINACCIATO DAL TIPO DEL SERVICE CON DUE AVAMBRACCI GROSSISIMI E BOCCA STORTA ESATTAMANTE COME POPEYE CHE MI PROMETTEVA UNA MORTE LENTA E DOLOROSA DOPO LA NOSTRA ESIBIZIONE, GLI RISI IN FACCIA, IO SONO CALIFORNIANO.
HO VISTO ANCHE I RAMONES DAL VIVO, POSSO MORIRE FELICE.

ALLA FINE DELL’ULTIMA CANZONE GIGIO SI LANCIO’ DAL PALCO E CADDE ROVINOSAMENTE SU UNA FILA DI SEDIE VUOTE.

LA GENTE PRESENTE APPREZZAVA VIVAMENTE, FINALMENTE DELLE VERE, ORIGINALI E GRANDISSIME TESTE DI CAZZO.

RIUSCIMMO A SFUGGIRE AI BELLIMBUSTI DEL SERVICE CHE CI VOLEVANO IMPALARE CON LE ASTE DEI MICROFONI BUTTANDOCI IN MEZZO AL PUBBLICO E CONFONDENDOCI CON ESSO MEDIANTE MAGLIETTE DEI NIRVANA E ZAINI INVICTA CON LE SCRITTE VIVAIUVE, MARY77BONA.

Nella diapositiva i Rodeo Clown in compagnia del vino di Tissi al Teatro Smeraldo

CHIUDEVA LA SERATA IL GRUPPO “IMPORTANTE”, UNA SPECIE DI LIGABUE DEL DISCOUNT CON RITORNELLI ALLA “CAVALIERI DELLO ZODIACO” CHE VENNE SUBISSATO DA INSULTI IRRIPETIBILI E LANCI DI CINGOMME CHE DOVEVANO BECCARE IL CAPELLUTO CHITARRISTA SOLISTA.

NON MI RICORDO SE LA SALA E’ STATA SGOMBERATA DAGLI IDRANTI E DA INTERVENTI DEI CARRI ARMATI BIANCHI DELL’ONU OPPURE SE DOPO ESSERCI TELETRASPORTATI AL “BUCO NERO” O AL “COCCODRILLO“, BARACCI IGNOBILI CHE FREQUENTAVAMO PRIMA CHE LI CHIUDESSERO PER INQUINAMENTO NUCLEARE, CONTINUAMMO A BERE.

E’ DURA AVERE SUBITO SUCCESSO APPENA DOPO ESSERSI FORMATI COME GRUPPO, TI DA ALLA TESTA.

DEVI IMPARARE A GESTIRE LA SITUAZIONE O LA FAMA TI SFUGGE DALLE MANI.

DOVE SAREMO FINITI? MADISON SQUARE GARDEN CON I ROLLING STONES DI SPALLA?
AL FESTIVALBAR IN PLAYBACK E IL NASO BIANCO MA NON INCIPRIATO?
CANTANDO STUCCHEVOLI BALLATE IN ITALIANO PER SPINGERE LA NOSTRA IMMAGINE SULL’ITALICO SUOLO?
A BERE AL BAR DA GRAZIANO DALLA MATTINA?
FORSE.

DOPO QUELLA SERATA CONTINUAMMO IL NOSTRO TOUR MONDIALE, MONGOLIA, MADAGASCAR, ISOLE COMORE, LA CORTE E PUTTIFIGARI, UN SUCCESSO DOPO L’ALTRO.

IL RESTO DELLA STORIA VE LA RACCONTERO’ PIU’ AVANTI.

PER ORA, IMPICCATEVI.

IL NOSTRO TERRIFICANTE E “RIMANDATISSIMO” PRIMO CONCERTO

11, Jul, 2011

DOPO AVER FATTO UNA POSSIBILE CLASSIFICA DELLE NOSTRE PEGGIORI SERATE, QUESTA RIMANE FINORA LA PEGGIORE DI SEMPRE. SARA’ CHE ERA IL PRIMO CONCERTO, SARA’ CHE C’ERAVAMO PREPARATI SOPRATTUTTO E QUASI SOLO SULLE COSE DA BERE PRIMA DELL’INIZIO, SARA’ CHE ERAVAMO MENO RINCOGLIONITI DI ORA MA GIA’ ABBASTANZA IMBECILLI, SARA’ CHE FACEVAMO VERAMENTE SCHIFO.

DOBBIAMO TORNARE A PIU’ DI “TROPPI” ANNI FA, AVEVAMO GIA’ SUONATO IN ALTRE BANDS IN PRECEDENZA, QUESTO NON DOVEVA ESSERE IL NOSTRO “VERO” DEBUTTO LIVE COME RODEO CLOWN, AVVENUTO IN VERITA’ ALLA FINE DI UN CONCERTO DI UN’ALTRA BAND SASSARESE ADORATA DAI GIOVINASTRI “PUNK ROCK” DELL’EPOCA E POI SCIOLTASI PER PROBLEMI INTERNI DI IMBECILLITA’ VARIA.
EH SI’ CARI GREEN DAY NON SAPETE MINIMAMENTE CHE AVETE RISCHIATO, SE SOLO LA SUDDETTA BAND SASSARESE AVESSE CONTINUATO.

SALITI SUL PALCO DOPO LA FINE DEL LORO CONCERTO C’ERAVAMO MESSI A RAGLIARE QUALCHE COVER DI BAND CALIFORNIANE DI PUNK ROCK.
NON C’ERA NESSUNO SE NON IL BARISTA E QUALCHE MEMBRO DELLA BAND DELLA SERA CHE NON EBBE IL CORAGGIO DI FARCI SCENDERE DAL PALCO PER LA PENA, O SEMPLICEMENTE TEMEVA PER GLI AMPLIFICATORI, NOI ERAVAMO GIA’ IN CALIFORNIA, IL BARISTA NO, QUINDI CON UN URLACCIO STILE TARZAN CI FECE SMETTERE DI MOLESTARE IMPUNEMENTE GLI STRUMENTI ALTRUI.
CHE SCONFITTA.

STAVAMO ASPETTANDO TANTO TREPIDAMENTE QUESTO PRIMO CONCERTO CHE NON ARRIVAVA MAI.
FACEVAMO CAGARE MA C’ERA GENTE CHE SUONAVA ANCHE PEGGIO DI NOI.
TUTT’ORA CREDO CHE SIA COSI’.

OK NON CI PERDEVAMO D’ANIMO PASSA POCO TEMPO E DOVEVAMO GIA’ SUONARE IN ALTRI DUE POSTI AMBITISSIMI:
IL PRIMO CONCERTO LO STAVAMO QUASI ORGANIZZANDO NOI, AD ALGHERO, INSIEME AD UN PERSONAGGIO MUSICALE DI SASSARI NOTO “BUTTONE” (LEGGI “COGLIONE” MA CON TANTA, TAANTA SIMPATIA), UNA BAND OI! CHE POI TORNERA’ NELLA NOSTRA STORIA E ALTRE BAND TERRIBILMENTE SFIGATE COME LA NOSTRA.

ANDO’ A FINIRE CHE “BUTTONE” FECE CASINO: TEMENDO DEFEZIONI TRA I GRUPPI E TEMENDO PER LE SUE “TRECENTO CARTE” AGOGNATE CHIAMO’ PIU’ “COMPLESSI” DI QUANTI NE POTESSERO SUONARE LA SERA.
SI INFILARONO ALTRE TRE BAND DI COSI’ DETTO “GRUNGE“, GENERE MAI NATO E GIA’ MORTO NEL ‘97, TENUTO IN VITA IN QUEL DI SASSARI GRAZIE ALLA SINTETIZZAZIONE DEL DNA DEI PEARL JAM (CHE PERSONALMENTE PENSO CHE ABBIANO FATTO PIU’ DANNI CHE BUONE CANZONI) TRAPIANTATO IN DINOSAURI LOCALI CHE HANNO VAGATO PER I PALCHI DELLA CITTA’ SINO A QUALCHE ANNO FA PRIMA DI ESTINGUERSI COME ERA GIUSTO CHE FOSSE.
QUALCUNO IN UNA PUNTATA DI VOYAGER GIURAVA CHE DI NOTTE ESCANO DAI LORO RIFUGI E AL BANCONE DEI PIU’ BAR PUZZINOSI DEL CENTRO STORICO SI METTANO A CIARLARE SUL FATTO CHE DOPO “TEN” DEI GIA’ NOMINATI P.J. NON ESISTE PIU’ NULLA.

QUINDI COME DICEVO LA NOSTRA ESIBIZIONE SALTO’ E NOI PER L’ENNESIMA VOLTA CE LA PIGLIAMMO IN CULO E RIMANEMMO A GUARDARE LE ALTRE BAND CHE SUONAVANO AL NOSTRO POSTO.
DALL’ALTRA PARTE DELLA STRADA.
DOPO QUARANTA MINUTI DI MACCHINA.
NON AVEVAMO LA PATENTE.
CI AVEVANO DATO IL PASSAGGIO.
NO!!! BASTARDI!!! DOVEVAMO SUONARE NOI!!!
DAVANTI A QUELLE QUINDICI PERSONE CI DOVEVAMO ESIBIRE NOI!
IL NOSTRO FANTOMATICO PRIMO SHOW!!!! CHISSA’ QUANTI DISCHI CI AVREBBERO FATTO REGISTRARE, QUANTE ETICHETTE CI AVREBBERO CONTESO, QUANTE RAGAZZE CI AVREBBERO CONTESO!
PER IL MOMENTO CI GODEVAMO QUEST’ENNESIMA SCONFITTA.

ERA LA PRASSI CHE LE SOLITE BAND FACESSERO DI TUTTO PER NON FARE SUONARE LE “ALTRE”, ERA UN PERIODO MITICO.
NON CI SI AIUTAVA PER ESSERE SEMPRE UNO PEGGIO DELL’ALTRO.
ANCORA DI PIU’ SE SI ERA AMICI.
COSI’, SOLO PER POTERCENE VANTARE OGGI.

IL SECONDO CONCERTO ERA “L’EVENTO” DI FINE ANNO SCOLASTICO AI “RAGIONIERI” MA ARRIVATI IN PALESTRA, IL SOLERTE ORGANIZZATORE CI DISSE CHE AVEVAMO PAGATO L’ISCRIZIONE TROPPO TARDI, CI AVEVA RIDATO I SOLDI POCO PRIMA DI SALIRE SUL PALCO ADDIRITTURA ALTO MEZZO METRO!
TUTTO QUESTO MENTRE STAVAMO SCIOGLIENDO I MUSCOLI COME MARATONETI.
NO!
CAZZO AVEVAMO GIA’ APPESO LA LOCANDINA (PRONTA DA MESI), CHIAMATO GLI AMICI, LA NONNA, I CUGINI, I VICINI DI CASA… MERDA!!!
DOVEVA MORIRE!!!
AVEVAMO LE CRAVATTE…
BASTARDO… IL NOSTRO SHOW!
CHISSA’ QUANTE RAGAZZE AVREMMO BACIATO SE SOLO AVESSIMO SUONATO!
ALMENO UNA, ANCHE SVENUTA, VOMITATA!!!

ALLORA GIRANDO LE SPALLE GLI AVEVAMO TIRATO LE NOVEMILA LIRE DELL’ISCRIZIONE ADDOSSO.
(POI LE ABBIAMO RACCOLTE)
NON SAPRANNO MAI CHE COSA SI SONO PERSI.

C’ERA STATO IMPEDITO DI SUONARE DAGLI STESSI CHE CI AVEVANO INVITATO.
IN VERITA’ SI SEPPE CHE AVEVANO PAURA DEL PUNK ROCK AND ROLL IN STATO EMBRIONALE CHE CI STAVA CRESCENDO DENTRO.
ANZI, FORSE GLI STAVAMO GIA’ SUL CAZZO.
PIU’ POSSIBILE COME POSSIBILITA’.
TOGLIETE QUEL “FORSE”.

DISPERATI CI SIAMO DATI ALLA COMPOSIZIONE ESTREMA DI BRANI DI SICURO NON INDIMENTICABILI (DOPPIA NEGAZIONE, AFFERMAZIONE), AVENDO ANCORA UN’ETA’ NON AVANZATA MA FINGENDO DI AVERNE ANCORA MENO E SOGNANDO DI AVER ABUSATO DEL NOSTRO CORPO PER NOTTATE DIMENTICABILI TRA BEVUTE OLIMPIONICHE E FESTE DI CHISSA’ QUALI PERSONAGGI E GRUPPI MUSICALI, LOCALI FUMOSI, DROGA, SURF, SKATE, SESSO E ROCK AND ROLL… IN QUEL PERIODO VIVEVAMO IL GRUPPO PENSANDO DI ESSERE PROPRIAMENTE IN CALIFORNIA E COMPORTANDOCI IN MODO TALE.
ERAVAMO COME GIA’ DETTO “METALLARI” CIOE’ CON DUE CHITARRE, GIGIO E COSTANTINO (DETTO PASSEGGINO) E PIETRO (NOTO PEDRO O PIERO NOTO BANCONOTA), JOE (NOTO PAPEROGA) AL BASSO, CANTAVAMO IN TRE, COME I BEE GEES.

L’UNICA COSA POSITIVA ERA IL FATTO CHE AVEVAMO UNA VOCE DI TONALITA’ PIU’ ALTA RISPETTO A QUELLA CHE ORAMAI ABBIAMO.

CI CHIAMANO FINALMENTE, DOBBIAMO SUONARE CON UN GRUPPO DI FATTONI AD UNA FESTA DI CARNEVALE, FINALMENTE IL NOSTRO PRIMO CONCERTO COME RODEOCLOWN.
ARRIVIAMO ALLA FESTA, UN CAPANNONE DOVE PRIMA SI ALLEVAVANO LE GALLINE.
SI’ UN POLLAIO.
PARCHEGGIAMO.
SI SENTE SULLA STRADA MUSICA TECHNO A PALLA.
INIZIAMO BENE.
GENTE SVENUTA ALL’USCITA, GENTE SVENUTA ALL’INTERNO, GENTE SBALLATISSIMA CHE BEVE INTRUGLI E FUMA DA STRANI ALAMBICCHI CHE SEMBRANO TELESCOPI, SI INGOIANO CAPSULE CONTENTI PASTI PER VIAGGI SPAZIALI COME FANNO I PIU’ ARDITI COSMONAUTI DALLA META’ DEL SECOLO SCORSO.
TRE-QUATTRO NONMORTI BALLANO O BARCOLLANO FUORI TEMPO O DICIAMO CHE FANNO TUTT’E DUE LE COSE INSIEME. LO FANNO BENISSIMO.
POCHE RAGAZZE, BRUTTISSIME, ANCHE QUELLE SVENUTE TUTTE VOMITATE.
IN TUTTO CI SARANNO UNA TRENTINA DI PERSONE, IL CONCERTO DEL SECOLO.
C’E’ UN PALCHETTO, CIOE’ GLI AMPLIFICATORI SONO SU DELLE PEDANE DI LEGNO, QUELLE DA CARICO, RIMASUGLI DEL PASSATO NON REMOTISSIMO DEL CAPANNONE.
CI ACCOGONO I DUE TERZI DELLA BAND CHE CI HA INVITATO, SONO SBALLATISSIMI, NON TROVANO IL BATTERISTA, MA SOSTENGONO ARRIVERA’ PER TEMPO… , E NOI SUONIAMO PER PRIMI!
OLE’ IL NOSTRO PRIMO CONCERTO.
SI BRINDA, SI FESTEGGIA CON PESSIMA BIRRA CHE PARE CHAMPAGNE.
OK TOCCA A NOI, PRENDIAMO GLI STRUMENTI DALLA MACCHINA.
SUCCEDE UN CASINO, VENTIQUATTRO PERSONAGGI NON FACENTI DELLE DUE BAND SPAVENTATI DAL NOSTRO AVVICINARCI AL PALCO SI RIBELLANO AL FATTO CHE IL CAMBIO DI MUSICA LI POSSA TRAGHETTARE IN UN VIAGGIO NON OTTIMALE VISTO IL LORO STATO DI LEGGERISSIMA ALTERAZIONE PSICOTROPA.
SU QUESTE COSE NON SI SCHERZA.
NON SI SUONA. SI LASCIA CHE LA TECHNO CONTINUI IL VILLIPENDIO DI CADAVERE DANZANTE.
QUESTO NON TURBA LA BAND CHE CI AVEVA CONTATTATO, CHE SENZA PROBLEMI E ANCORA SENZA BATTERISTA SI UNISCE AI BALLI TRIBALI E AL CONSUMO DI TUTTO QUELLO CHE POTEVA INNESTARE UNA REAZIONE CHIMICA ALL’INTERNO DEL LORO CERVELLO DA GALLINE.
DICIAMO CHE IL CAPANNONE NON ERA CAMBIATO PIU’ DI TANTO COME CONTENUTO.
POLLAIO ERA POLLAIO ERA RIMASTO.

RITORNIAMO A CASA.
CHE DISDETTA.


ORAMAI NON CI CREDEVAMO PIU’ MA LA SALETTA ERA IL NOSTRO WARPED TOUR.
CI PASSANO IL NUMERO DI UN LOCALE, CHIAMIAMO… DOBBIAMO SUONARE!!
IL LOCALE ERA IL “COUNTRY CLUB” UNO DEI POCHI IN UNA SASSARI PLEISTOCENICA CHE FACEVA SUONARE LE ROCK BAND. TUTTO QUESTO NATURALMENTE A PREZZI IRRISORI E CON DIFFICOLTA’ IMMANI (TUTTA LA STRUMENTAZIONE DELLE BAND E IMPIANTO INESISTENTE, CI MANCAVA CHE CI FACESSERO FARE L’ALLACCIO DELLA CORRENTE ELETTRICA A SPESE NOSTRE.

IL PADRONE DEL LOCALE ERA UN TIZIO CON I CAPELLI ROSSI SEMPRE INCAZZATO, FACCIA DI MERDA, MA NOI CI DOVEVAMO SUONARE, LA PRIMA SERATA CHE ORGANIZZAVAMO NOI.

ERA L’EPOCA NELLA QUALE I JACK & SPINOTTO PUNK ROCK BAND DEMENZIALE DI DI SASSARI AVEVANO ME (JOE) ALLA VOCE VISTO CHE IL LORO CANTANTE (FOCA) ERA ALL’ESTERO PER LAVORO, FACEVA FILM PORNO NELL’EUROPA DELL’EST.

CANTAVO IN DUE GRUPPI, SUONAVO IL BASSO CON I RODEO, LE DUE BAND “GEMELLE” AVREBBERO SUONATO INSIEME, MA IL PUBBLICO CHE AVREMMO POTUTO PORTARE ERA POCO, NESSUNO CI CONOSCEVA ALMENO NOI RODEOS, QUINDI CI VOLEVAMO AFFIDARE A QUALCUNO DI GIA’ CONOSCIUTO COME UNA BAND OI! CITTADINA, QUELLA CHE DICEVO POCO FA, DA MOLTO TEMPO IN GIRO E CON UN DISCRETO SEGUITO DI BEVITORI DI BIRRA COME FANS E DI SCALMANATI E MANESCHI SUPPORTERS.

LA BAND OI! NON AVEVA STRUMENTAZIONE, FORSE TRAMUTATA IN BIRRA PER SORTILEGIO IN QUALCHE NOTTE SENZA LUNA, ALLORA LORO METTEVANO LA FAMA E LA NOMEA NOI METTEVAMO GLI AMPLI E LA BATTERIA.

LOCANDINA APPESA OVUNQUE, I GIORNI PASSAVANO NELLA SPERANZA CHE SAREBBE VENUTO QUALCUNO A VEDERCI E SENTIRCI.

ARRIVATI AL GIORNO TRA UNA PROVA E L’ALTRA TRA UN VINELLO E UNA BIRRETTA IN SALETTA SEMPRE PENSANDO OSTINATAMENTE DI VIVERE IN CALIFORNIA.

LA NOSTRA SALETTA ERA UN BUDELLO DI TRE METRI DI LUNGHEZZA PER UNO E MEZZO DI LARGHEZZA IN UN SOTTOSCALA, QUINDI ALL’ENTRATA L’ALTEZZA ERA DI DUE METRI E VERSO L’ALTRA PARTE SCENDEVA SINO AD UN METRO E QUALCHE DECINA DI CENTIMETRI. NESSUNA FINESTRA, SOLO UNA PORTA CON DUE MATERASSI PUTRIDI SOPRA COME COPERTURA. UN LAVANDINO MICROSCOPICO. CARTONI DI UOVA SULLE PARETI, POSTER DEI KISS E DI BON JOVI, DONNE NUDE (UNA FRA TUTTE SAMANTHA FOX) E METALLICA A GO-GO.

LA BATTERIA ERA INCASTRATA NELLA PARTE PIU’ BASSA DELLO SGABUZZINO, PER PASSARE DIETRO LE PELLI PIETRO DOVEVA SPOSTARE IL TIMPANO O IL RULLANTE. GLI AMPLI ERANO TUTTI DALLA PARTE OPPOSTA, I MICROFONI ERANO AGGANCIATI A DEGLI ORIGINALI CONGEGNI APPLICATI AL MURO INVENTATI DA COSTANTINO CHE CIMENTATOSI COME McGYVER, AVEVA INVENTATO UNA SORTA DI BRACCIO METALLICO CHE SI POTEVA RIPIEGARE SU SE STESSO CON IL MICROFONO ATTACCATO SOPRA, COSI’ DA NON PRENDERE TROPPO SPAZIO, NON CHE CE NE FOSSE TANTO. FIGURATEVI DOPO AVER CHIUSO LA PORTA CON I MATERASSI COSA POTEVA SUCCEDERE SE QUALCUNO MOLLAVA UNA SCORREGGIA.

Nella diapositiva: Costantino “Passeggino” visibilmente dubbioso esce dalla saletta-tugurio dei Rodeo Clown, medita se lasciare la band e darsi al bricolage estremo

COSA CHE CAPITAVA SPESSO, VISTO CHE PROVAVAMO SOLO LA DOMENICA (QUINDI ECCO SVELATO IL PERCHE’ DI “LIVING FOR SUNDAY” IL NOME DEL NOSTRO SECONDO CD) QUINDI IO E GIGIO REDUCI DA BEVUTE E SCORRIBANDE NOTTURNE AVEVAMO LO STOMACO MOLTE VOLTE SOTTOSOPRA E INGARBUGLIATO DA CENE AL LIMITE DEL VOMITEVOLE, A BASE DI PANINI DEL CAMIONCINO DELLO “ZOZZONE” O PIZZETTE MOLTO PIU’ VICINE A DELLE SPUGNETTE GIALLE PER I PIATTI CHE A QUALCOSA DI COMMESTIBILE.

QUANDO NON POTEVAMO PROVARE LA DOMENICA, MOLTO SPESSO, PROVAVAMO POCO PRIMA DEI CONCERTI A “SECCO” CIOE’ SENZA AMPLI NELLA CANTINA DI PIERO, TRA UNA PIZZA E UNA BOCCIA DI VINO DI PROPRIETA’. PROVE CHE SI CONCLUDEVANO CON IMMGINABILI EPILOGHI VOMITESCHI DURANTE L’ESECUZIONE STESSA DEI PEZZI.

IL FATIDICO GIORNO DEL DEBUTTO “RODEANO” ARRIVA MENTRE TRA UNA COSA E L’ALTRA STAZIONAVAMO FISSI IN MACCHINA DI ALBERTO, CHITARRISTA DEI J&S, ASCOLTANDO MUSICA PUNK ROCK, LE SOLITE CASSETTE CON DUE BAND CHE NON C’ENTRAVANO NULLA UNA CON L’ALTRA (TIPO SCREW 32 E HI-STANDARD) E BEVENDO, TANTO PER CAMBIARE, VINO.

DOPO AVER PIAZZATO TUTTO IL NECESSARIO AL LOCALE ERAVAMO BUTTATI SU DI UN MURETTO A SECCO PER DIVERSO TEMPO CERCANDO DI PERDERE TEMPO, DI “FARE ORA”, MA PURTROPPO IL GIORNO IL VINO VIGLIACCO CI PRESE ALLE SPALLE, ODDIO, ALLA TESTA. ERAVAMO UBRIACHI COME DAVID HASSELHOFF ALLA DERIVA SUL SUO PANFILO.
ALMENO IO, GIGIO E TUTTI I JACK & SPINOTTO, ERAVAMO NEL COMPLETO OBLIO DEI FUMI DELL’ALCOL COME CHARLIE SHEEN IN UN NORMALISSIMO GIORNO DELLA SETTIMANA, INVECE PIERO E COSTANTINO ERANO SOBRI COME DEI BIMBI ALLE ELEMENTARI.
NON AVEVANO SCUSE.

Nelle diapositive due esempi di vita per i Rodeo Clown
a) David Hasselholf in versione “sano appetito”
b) Charlie Sheen il Martedì pomeriggio di una settimana qualsiasi

LE FOLLE OCEANICHE SI ACCALCAVANO ALL’INGRESSO DI QUALCHE ALTRO POSTO POICHE’ NEL LOCALE C’ERANO SI E NO UNA QUINDICINA, UNA VENTINA DI PERSONE, SE POI PENSATE CHE GIA’ ALLE DIECI NON CAPIVAMO UN CAZZO E CI VEDEVAMO DOPPIO, FIGURATEVI SE CI INTERESSAVA QUANTA GENTE C’ERA NEL BARACCIO.

PARTONO CON LE MELODIE I RAGAZZI RASATI DI STRADA, ANCHE LORO VANNO A TEMPO SOLO SE HANNO FATTO IL PIENO DI BIRRA. LA LORO PERFORMANCE SI CONCULDE DOPO CINQUE BRANI POICHE’ GLI AMICI DELLA BAND SI METTONO A POGARE, COSA NON GRADITA AL GESTORE CHE INTERVIENE ENERGICAMENTE PER SEDARE LA BARBARA DANZA, SCAMBIATA, AHINOI, PER ACCESO DIVERBIO.
FACENDO QUESTO PERO’ SI BECCA UN BEL CAZZOTTO IN PIENO VOLTO TIRATO DAL BASSISTA OI! CHE TENTAVA DI DIVIDERE UN LORO AMICO CON LA BARBA ROSSICCIA DALLA FURIA DEVASTANTE DEL BARMAN ANCH’ESSO FULVO DI PELO E QUINDI IL MUSICO TRATTO IN INGANNO DA QUESTO ABBONDARE DI VERMIGLI COLORI SCATENA UNA RISSA.

PERFETTO, COME INIZIO NON C’E’ MALE.

TOCCA A NOI RODEOS, PARTE DEL BESTIAME SE N’E’ ANDATA, UNA MINIMA QUANTITA’ S’E’ CALMATA, SONO TUTTI AL BANCONE MEDICANDO LE FERITE CON L’ALCOOL.
IL BARISTA CON UN EVIDENTE OCCHIO PESTO SERVE BIRRE COME SE NULLA FOSSE, TANTO E’ SEMPRE INCAZZATO, UN PUGNO IN FACCIA NON CAMBIA NULLA NELLA SUA VITA DI MERDA.

MINCHIA! IO BARCOLLO, IL BASSO MI ATTIRA PERICOLOSAMENTE VERSO TERRA, MALEDETTO NEWTON!! GIGIO E’ PAONAZZO, LA CHITARRA DI COSTANTINO E’ TERRIBILE, SUONA NEL MEZZO VUOTO DEL LOCALE COME UN URLO DI PTERODATTILO E’ ADDOBBATA STILE PACCO NATALIZIO, LA BATTERIA DI FUSTINI DIXAN DI PEDRO SEMBRA SUONATA IN UN’ALTRA STANZA.
PRIMA DI COMINCIARE CAPISCO CHE NON SEMBRIAMO SOLO DEI CRETINI. LO SIAMO.

PRATICAMENTE NON SI SENTE NIENT’ALTRO CHE UNA SPECIE DI IMMENSO SCIACQUONE FOTONICO, SI SENTIVA ANCHE DALLO SPAZIO, ABBIAMO POSTICIPATO L’INVASIONE ALIENA DI QUALCHE ANNO, LI ABBIAMO SPAVENTATI.
POTEVANO ANCHE SPARARCI ADDOSSO DI SICURO NON POTREMO SENTIRLO IMBALLATI DI VINO COME ARAVAMO.

SUONIAMO UNA QUINDICINA DI CANZONI, TUTTE ABBESTIA, QUALCHE INASCOLTABILE COVER CHE VI SFIDO A RICONOSCERE, NEANCHE A “SARABANDA” CE L’AVREBBERO FATTA.
INDUBBIAMENTE SUONAVAMO DA SCHIFO. TUTTO SBAGLIATO MA SUONIAMO SENZA PAUSE, SOLO PER QUALCHE INSULTO GENERALE, VISTO CHE LA SERATA PEGGIO DI COSI’ NON POTEVA ANDARE.
MA LO FACEVANO I RANCID, PERCHE’ NOI NO?

ALLA TERZA CANZONE, IMPIETOSITI, COSTANTINO E GIGIO DECIDONO DI ABBASSARE IL VOLUME DELL’AMPLI DEL BASSO CHE NEL MARASMA GENERALE SPICCAVA PER UN EVIDENTISSIMA SEQUENZA DI NOTE FUORI TEMPO PRODOTTE DAL SOTTOSCRITTO.
COSA RICONOSCIBILE ANCHE DA PARTE DI UN SORDO.
“STO SENTENDO DELLE COSE IMPVOPONIBILI USCIVE DA QUELL’AMPLIFICATOVE” DISSE CON LA SUA INCONFONDIBILE ERRE COSTANTINO/PASSEGGINO.

CHE PORCHERIA DI SERATA. LE POCHE PERSONE PRESENTI NON SAPEVANO SE GUADAGNARE L’USCITA A COSTO DELLA VITA O RIMANERE SOLAMENTE PER LANCIARCI DEGLI ORTAGGI MARCI. SE SOLO LI AVESSERO AVUTI.

PER FORTUNA LO STRAZIO FINI’ E DOPO AVER TORTURATO LE ORECCHIE AI POCHI PRESENTI LASCIAVAMO IL PALCO AI J&S CHE DEL SUONARE UBRIACHI NE AVEVANO FATTO UNA FILOSOFIA.

FINITA LA SERATA LA GENTE CHE ANDAVA VIA PASSAVA E CI FACEVA GESTACCI, NOI CI SPARTIVAMO I POCHI SOLDI RUBATI (CINQUANTA MILA LIRE A GRUPPO) E CE LI BEVEVAMO AL BANCONE.
UN NOTO MUSICISTA HARDCORE SASSARESE, (CHE QUA PER COMODITA’ E RISPETTO DELLA PRIVACY CHIAMEREMO “PENNA BIANCA”) PRESENTE, PURTROPPO PER LUI, ALLA SERATA CI DISSE CON FARE PATERNO E UNA FACCIA TRA LO SCHIFATO, IL DELUSO E L’AVVILITO:”BEH RAGAZZI LA PROSSIMA VOLTA ALMENO NON UBRIACATEVI PRIMA DI SUONARE“.

INFATTI NON LO FACEMMO PIU’.

(ORA IMMAGINATEVI LA RISATA MALEFICA DI JOKER.)

AS TO SAY SOMETHING, LA CALIFORNIA, L’ASSOLO DI KAZOO

2, Jul, 2011

NEL 1997 JIM MORRISON CI E’ APPARSO IN SOGNO E CI HA DETTO DI METTERE SU UNA ROCK BAND PER CAMBIARE IL DESTINO DEL MONDO, LA MIGLIORE BAND MAI ESISTITA..
DOPO LA PUBBLICAZIONE DEL PRIMO DEMO NEL 1998 CONTINUA AD APPARIRCI A CADENZA GIORNALIERA PER SUPPLICARCI DI SCIOGLIERLA.

SE IL CALENDARIO NON MI TRADISCE, SUONAVAMO DA UN ANNO E PRATICAMENTE DOPO UNA SETTIMANA DI PROVE AVEVAMO GIA’ DIVERSI PEZZI PRONTI, UNO PEGGIO DELL’ALTRO MA CI PIACEVANO TANTISSIMO.
LA NOSTRA SALETTA ERA UNA CIOFECA, PICCOLA COME UNO SGABUZZINO, PUZZOLENTE DI SUDORE, DI CULO E DI PIEDI, PIENA DI POSTERS DEI METALLICA E IMMAGINI DI DONNE IGNUDE CHE ORA AVRANNO SESSANTANNI, BOTTIGLIE DI BIRRA CALDE E BOTTIGLIE DI PLASTICA CONTENTI FONDINI DI VINO DI PROPRIETA’, VINACCIO CHE DOVEVAMO ALLUNGARE CON ACQUA MA RIMANEVA IMBEVIBILE.
TUTTO CIO’ ERA MOLTO PUNK ROCK.
UNA BAND COME TUTTE LE ALTRE MA MINCIONI COME POCHI, ANDARE A SUONARE IN SALETTA ERA TUTTO E CI SEMBRAVA DI ESSERE IN CALIFORNIA. ANZI PENSAVAMO PROPRIO DI ESSERCI.

QUELL’ANNO REGISTRAMMO “AS TO SAY SOMETHING”, LA NOSTRA PRIMA REGISTRAZIONE, IL CIDDI’.
CON UN INGLESE ASSOLUTAMENTE IMPROBABILE E MACCHERONICO SIN DAL TITOLO, CIMELIO IMBARAZZANTE RIGOROSAMENTE IN AUDIO CASSETTA, E’ CIRCOLATO IN CITTA’ E DINTORNI PER UN BEL PO’ DI TEMPO, POSSIAMO VERGOGNARCI DI AVERLO REGALATO E (MADONNA SANTISSIMA) VENDUTO IN LUNGO E IN LARGO, PARENTI E AMICI E POVERI SFIGATI CHE CI CAPITAVANO A TIRO. MI RICORDO UN CONCERTO DEI MILLENCOLIN E BOUNCING SOULS VICINO A TORINO DOVE CON ALKATRAZ E ALBERTO DEI JACK & SPINOTTO LO VENDEVAMO PER CINQUE MILA LIRE E LO SCAMBIAVAMO CON ALTRE DEMO.
SPERIAMO CHE CHI L’HA COMPRATTO LO ABBIA DIMENTICATO IN MACCHINA E SI SIA SCIOLTO AL SOLE.
IN CASO CONTRARIO SPERO CHE SIANO DIVENTATI TUTTI SORDI.

QUELLA MONDEZZA DI CASSETTA FINI’ ANCHE NELLE MANI DELLE BAND PRESENTI CHE PENSO, NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI, A PARTE LE GRASSE RISATE CHE SI SARANNO FATTI PRENDENDOLO, E’ CHE LO ABBIANO LANCIATO DAL FINESTRINO DEL TOUR BUS, NELLA PEGGIORE DELLE IPOTESI LO AVRANNO ASCOLTATO E GLI SARA’ VENUTA UNA SCARICA DI DIARREA MONDIALE CHE GLI AVRA’ FATTO SALTARE UNA PARTE DEL TOUR.

AD UN CONCERTO DEI NOFX IL DEMO ERA ARRIVATO SUL PALCO E EL HEFE LO AVEVA RACCOLTO E AL MICROFONO TRA LE RISATE GENERALI AVEVA DETTO “DOMANI AVRETE IL CONTRATTO”.
NON C’E’ BISOGNO CHE VI DICA CHE IL CONTRATTO NON C’E’ MAI STATO E SOPRATTUTTO EL HEFE ERA SARCASTICO.

LA STESSA VOLTA UNA COPIA FINI’ NELLE MANI DEL BATTERISTA PELATO DI UNA POP BAND DI PROSTITUTI CHE GIRAVA SU MTV E AVEVA UN DEMENZIALE SINGOLO IN GIRO CON QUELL’ESSERE INQUALIFICABILE DI JAY AX, COMPLIMENTI AL RAGAZZO. PENSO CHE ANCHE A LUI SIA ARRIVATA UNA SCARICA MICIDIALE DI CAGARELLA DOPO L’ASCOLTO DEL SUPPORTO MAGNETICO REGISTRATO DAI QUI VIRTUALMENTE PRESENTI RODEOS.

COME DI NORMA TUTTE LE ALTRE BAND CHE CI PASSANO ACCANTO FIRMANO CONTRATTI, VANNO IN TOUR IN GIAPPONE, SUONANO AL FESTIVALBAR, SI FANNO CRESCERE IL CIUFFO, SI METTONO A DIETA, FANNO SEDUTE DALL’ESTETISTA PER ASSOTTIGLIARE LE SOPRACCIGLIA E ELIMINARE I BRUFOLI, SI SCOPANO PULLMAN DI GROUPIES E NE RIMEDIANO PURE PER QUELLI CHE GIRANO CON LORO E NON SUONANO.
OK RAGAZZI PASSATE E TOCCATECI LA GOBBA.
VI MANDEREMO IN CLASSIFICA.

CI VEDIAMO LIVE AI READING AND LEEDS FESTIVAL.
NEI CAMPEGGI.
NEI PARCHEGGI.
O NEI PARAGGI.

RITORNIAMO AL NASTRO.
ABBIAMO CREATO UN MOSTRO.
SI NARRA CHE MARILYN MANSON FACCIA QUELLO SCHIFO DI MUSICA SOLO DOPO AVER UDITO PARTE DEL NOSTRO “AS TO SAY SOMETHING“.

CON UNA CAPILLARE “DAMNATIO MEMORIAE” DA FARE INVIDIA ALLE CONGIURE DEL TARDO ROMANO IMPERO SIAMO RIUSCITI A BLOCCARE IL GIRO DEL DEMO SOSTITUENDOLO CON “UNDER MEOW MEOW EFFECT” DECISAMENTE REGISTRATO E CANTATO MEGLIO (SEMPRE PER MODO DI DIRE, MA CI VOLEVA POCO)MA ERA GIA’ TROPPO TARDI ED ERA GIA’ IL 2000. IL DANNO ERA FATTO.
A CHI SE LO RICORDA FACCIAMO IL LAVAGGIO DEL CERVELLO CON METODI DEL KGB.

DECIDEMMO DI REGISTRARE AD APRILE DEL 1998, I NOSTRI INFINITI FONDI CI PERMETTEVANO SOLO DI REGISTRARE AL VOLO ALL’ECONOMICISSIMO INDIANOS STUDIO A LI PUNTI, FRAZIONE DI SASSARI CONOSCIUTA PER AVERE UN TASSO DI DISOCCUPAZIONE BASSISSIMO DA QUANDO C’E’ STATA L’INTRODUZIONE DELLE DROGHE NELLO STILE DI VITA OCCIDENTALE.

SE L‘UOMO SFRUTTA SOLO IL 10% DEL SUO CERVELLO, NOI POSSIAMO CON ASSOLUTA CERTEZZA CHE I RODEO CLOWN NON NE USANO NESSUNA PARTE O PERCENTUALE, INFATTI CI ORGANIZZAMMO PER REGISTRARE NELLO STUDIO OTTO BRANI IN UNA SOLA GIORNATA, QUELLA DI PASQUA.

RINUNCIANDO QUINDI AI BACCANALI DI RITO NEL GIORNO DELLA RESURREZIONE CI RITROVAVAMO CON BIRRETTE E PANINI BUTTATI NELLA SALA D’INCISIONE SENZA RICORDARCI ESATTAMENTE I BRANI, LA STRUTTURA DEI PEZZI E I TESTI.
LA DISORGANIZZAZIONE E’ UN MODO PER SPINGERTI A IMPROVVISARE. E A FARE CAZZATE.
CHE CAZZO CE NE FREGAVA? QUANDO SI E’ CALIFORNIANI SI PUO’ FARE TUTTO ANCHE REGISTRARE CANZONI CHE NON SI CONOSCONO.
ERA REALMENTE QUELLO CHE PENSAVAMO.
NON SCHERZO.

IL NOSTRO BUDGET CI PERMETTEVA POCO E QUINDI DOVEVAMO ADATTARCI A QUELLO CHE CI PROPONEVA L’INDIANO, VOLEVAMO FARE UNA BELLA SESSION IN PRESA DIRETTA SENZA SAPERE MANCO DA DOVE INCOMINCIARE.
ERAVAMO SENZA PATENTE, DOVEVAMO ASPETTARE CHE CI VENISSERO A PRENDERE, COME I RAGAZZINI CHE VANNO A GIOCARE DAGLI AMICI.
CIAO MAMMA ESCO.

RICORDO CHE LA FORMAZIONE DEI RODEO ERA A QUATTRO, GIGIO (NOTO NELL’ORDINE: “GIGIO”, “GIGINHO”, “GIGIBUS”) ALLA CHITARRA E VOCE; COSTANTINO (NOTO NELL’ORDINE: “PASSEGGINO”, “SIMPATIA INFINITA”, “CAVVOAVMATO”) ALLA CHITARRA “SOLISTA” E VOCE, JOE (NOTO NELL’ORDINE: “PAPEROGA”, “LENTICCHIA”, “MAIC BONGIRN”)AL BASSO E VOCE (EBBENE SI, ERAVAMO TUTTI CANTANTI) E PIETRO (NOTO NELL’ORDINE: “BANCONOTA”, “FANGO”, “CAFFETTIERA”) ALLA BATTERIA.
MADONNA SANTA, QUATTRO PERFETTI IMBECILLI, DUE CHE CREDEVANO DI VIVERE IN CALIFORNIA E SI COMPORTAVANO IN MODO TALE. ALTRI DUE CHE FORSE AVEVANO CAPITO L’ANTIFONA GIA’ DALL’INIZIO E NON VEDEVANO L’ORA DI SVIGNARSELA DALLA BAND.

COSTANTINO DIEDE IL SUO MEGLIO CON L’ESPERIENZA DI CHI SA CAVARSELA TRA SEDUTE DI REGISTRAZIONE CASALINGHE, CUFFIE, RADIONE E VARIE COSE DA MUSICISTA RODATO DA ANNI DI FIGURE DI MERDA, CONCERTI DEL CAZZO E TANTE ORE DI PROVE IN PENOSSISSIME SALETTE SUDATE E PIENE DI MUFFA.

MI VACCOMANDO NON SALTATE QUANDO STIAMO VEGISTVANDO. NON DOVETE FAVE COME SE FOSSIMO IN CONCEVTO!“.
GRAZIE, PHIL SPECTOR.
CI DISPENSAVA UNA PLETORA DI INUTILI CONSIGLI DA VECCHIA VOLPE DI SALETTA TOTALMENTE SPRECATI VISTA LA TRAIETTORIA FALLIMENTARE CHE LA REGISTRAZIONE STAVA PRENDENDO DALL’INIZIO.
TOGLIETEVI GLI OVOLOGI CHE SI SENTE IL TICCHETTIO NELLA VEGISTVAZIONE“.
FACENDOGLI NOTARE CHE IO E GIGIO NON LO INDOSSAVAMO, AVENDONE ROTTI E PERSI UN PO’ TROPPI, GLI RICORDAVAMO CHE LUI ERA L’UNICO A PORTARLO, LUI DISSE “E’ AL QUAVZO!“.

DOPO UN PAIO D’ORE DI CAZZEGGIO COME SE LA SALETTA NON FOSSE STATA PAGATA A TEMPO DECIDIAMO DI INIZIARE LA SESSION DI REGISTRAZIONE, I PEZZI ERANO OTTO, IL BASSO E BATTERIA LI REGISTRAMMO NELLA STESSA TRACCIA, QUINDI SE LA BATTERIA RISULTAVA ALTA TOCCANDO SOLO UN VOLUME ABBASSAVAMO ANCHE IL BASSO. MON DIEU.
LA BATTERIA SE COSI’ SI PUO’ CHIAMARE, SUONAVA COME DEI FUSTINI DEL DIXAN E I PIATTI COME CALCI AD UNA SERRANDA.
IN PIU’ IL NOSTRO BATTERISTA CE LA METTEVA TUTTA PER SUONARE PIU’ PIANO POSSIBILE, SEMBRAVA CHE STESSE FACENDO UNA SEGA AL RULLANTE, A ORGASMO RAGGIUNTO DA TUTTI I TAMBURI ALZAMMO LA BATTERIA, E QUINDI CONSEGUENTEMENTE IL VOLUME DEL BASSO ERA LIEVITATO ANCH’ESSO IN UNA SMERDATA DI SUONI CHE AVEVANO IL RISULTATO DEL ROMBO DEGLI ZOCCOLI NELLA CALCA DEI TORI DI SAN FIRMINO A PAMPLONA.
NON POTEVAMO REGISTRARE IN PRESA DIRETTA PERCHE’ IL MIXER CHE AVEVAMO A DISPOSIZIONE NON AVEVA ABBASTANZA CANALI.
NUMBER ONE.

ALLORA, REGISTRARE BASSO E BATTERIA INSIEME, POI CHITARRE E POI LE VOCI.
NON POTEVAMO SUONARE ALTRO SENNO’ ENTRAVA TUTTO DAI MICROFONI QUINDI LA COSA PIU’ SURREALE ERA LA FIGURA DI GIGIO DIETRO UN VETRO CON LE CUFFIE ALLE ORECCHIE CHE DIRIGEVA ME E PIETRO COME ABBADO, MUTI O SE VOLETE KARAJAN.
IL SUO TENTATIVO DI PORTARCI ALLA FINE DELLE CANZONI ERA VANO COME QUELLO DEL MANDRIANO UBRIACO DI PORTARE IL BESTIAME NEL RECINTO.
I FINALI DELLE CANZONI SEMBRANO STRUMENTI CHE CADONO DALLE SCALE E EMETTONO SUONI CONFUSI.
TUTTO ERA FUORI TEMPO, MA ERAVAMO ESALTATISSIMI, CHE CAZZO CE NE FREGAVA ERAVAMO IN CALIFORNIA. POTEVA ANCHE CADERE LA BOMBA E FINIRE IL MONDO. L’INDOMANI ERA PASQUETTA, CI SAREMMO UBRIACATI. UBRIACHI E CALIFORNIANI, A MARIA PIA, SENZA PATENTE.

IO NON MI RICORDAVO ASSOLUTAMENTE IL GIRO DI UNA CANZONE E QUINDI LA REGISTRO’ E CANTO’ GIGIO, CHE AVEVA LA RINITE, CON UNA VOCE NASALE, PIU’ NASALE DEL SOLITO CHE SEMBRAVA UN BARRITO ELEFANTINO.
LA CANZONE IN QUESTIONE ERA LA TERRIBILE “SNOTTY NOSED BOY” DEDICATA AD UN NOSTRO AMICO CHE A 23 ANNI “SUONATI” TORNAVA A CASA CON IL COPRIFUOCO IMPOSTO DAI GENITORI CHE GLI ODORAVANO LE DITA PER SCOPRIRE SE AVEVA FUMATO. CI PIACEVANO GIA’ I TEMI IMPEGNATI E I CONCETTI PROFONDI.

ROBA DA CHIODI, MA CHE DIVERTIMENTO.

COSTANTINO AVEVA CANTATO LE SUE CANZONI CON UN ACCENTO CHE RICORDAVA JAMES HETFIELD, CON UNA PRONUNCIA DELLA PAROLA “NEVER” CHE SUONAVA COME UN “NEVAAAH” CON UN’ALTEZZA VOCALE AL DISOPRA DELLE SUE POSSIBILITA’ (PRATICAMENTE FACEVA A GARA CON SE STESSO PER RIUSCIRE A BATTERSI, RICORDAVA FARINELLI), ALLA REGISTRAZIONE DELLA SECONDA CANZONE RICEVIAMO UNA TELEFONATA NELLO STUDIO, ERA GREENPEACE, DAGLI ACUTI DI JAMES SI ERANO SPIAGGIATI UNA DECINA DI CETACEI A PLATAMONA.
LA DISCUTIBILE CANZONE ERA “THE COINVERGOGNOSAMENTE TRATTA DA UN VERGOGNOSO EPISODIO DI VERGOGNOSA VITA VISSUTA.
CHE VERGOGNA.
EPISODIO POST ADOLESCENZIALE DOVE “POST” E “ADOLESCENZIALE” SONO TERMINI TRISTEMENTE DISTANTI ERE GEOLOGICHE UNO DALL’ALTRO.
LA STORIA ERA QUESTA: AL CONCERTO, IL CHITARRISTA GIGANTE E PELATO DEI LAGWAGON MI AVEVA REGALATO UN GETTONE PER I VIDEOGAMES, POI CONSERVATO PER ANNI COME UNA RELIQUIA.
MIO DIO CHE COGLIONE. UN ARGOMENTO PER CANZONI DA RITARDATI MENTALI.
GLI ARGOMENTI DELLE CANZONI ERANO RIGOROSAMENTE: ALCOOL, SK8, RAGAZZE (DEGLI ALTRI) CHE NON TE LA DANNO, LA TUA BAND (RIVOLTA ALLE ALTRE BAND) E’ UNA MERDA, SONO UN COGLIONE E HO DEGLI AMICI COGLIONI, MI VOGLIO SCOPARE LA TUA RAGAZZA E NON ESSERE PIU’ TUO AMICO.
PRATICAMENTE ARGOMENTI PER UNA CANDIDATURA AL NOBEL PER LA LETTERATURA E LA PACE NEL MONDO.

DA SEGNALARE NEL MUCCHIO: LA CHITARRA DI GIGIO SCORDATA NELL’IMBARAZZANTE ASSOLO DI “FRANCO’S SONG”. I SUONI EMESSI NEL COMPLESSO SONO INCREDIBILI E QUELLO TIRATO FUORI DALLA CHITARRA DI COSTANTINO, CHE SEMBRAVA UN MISTO TRA L’URLO DI TARZAN E IL SUONO DI UNA FRIGGITRICE, E’ ECCEZIONALE, QUEL SUONO E’ UN MUST.
IL TUTTO SEMBRA PROVENIRE DA UN’ALTRA STANZA, LA VOCE DA CAMMELLO METALLICO DI COSTANTINO DAL BAGNO, LA BATTERIA DI PENTOLE E SCATOLONI DALLO SGABUZZINO.

MA LA COSA MIGLIORE E’ L’INGLESE, APPROSSIMATIVO COME QUELLO DI NANDO MERICONI, I TESTI ESISTEVANO PER MODO DI DIRE, ERA TUTTO CAMPATO IN ARIA E INVENTATO SUL MOMENTO IN UN “CINGOMMARE” DI “AUANAGANA” E “SWANAMBURGER” “SGHENEFESTER” AD UN CERTO MOMENTO CANTANDO “NO DARK ONLY FUN” PER FORTUNA PENULTIMA SONG, SPARO UNA PAROLA DI INGLESE “PORCHEDDINO” CHE SUONA SIMILE A “NASONALSTRONZESCIONENDEVINGFAN” UNA PERLA.
DEI PIRLA.
IL PEZZO CHE E’ UN CULT E’ L’ASSOLO DI KAZOO DI COSTANTINO IN “THE NEW GOOD GENERATION” L’ULTIMA TRAGICISSIMA CANZONE, AL LIMITE DELL’OSCENO. LO ASPETTAVAMO DA TEMPO. ED E’ USCITO STONATO ANCHE QUELLO.
LA PARTE DEI CORI SEMBRA CANTATA DA CONDANNATI A MORTE.
CON LO STESSO TRASPORTO DI QUALCUNO CHE SULL’ORLO DELLA SEDIA SI INFILA UNA CORDA INSAPONATA AL COLLO CON GIGIO INTONAVAMO LE ULTUIME PORCHERIE PRIMA DI FARCI CONSEGNARE IL CD CONTENENTE L’IMMONDO PRODOTTO.
IL RISULTATO ERA UNA DIARREA SONORA.
FIERISSIMI LO ASCOLTAVAMO NEL TRAGITTO DEL RITORNO.

SE QUALCUNO VE LO FA ASCOLTARE, GIURO, LO AMMAZZO.